mercoledì 30 dicembre 2009

Auguri!

Ultimo post dell’anno 2009. Come già vi ho detto l’anno scorso, non è mia abitudine fare bilanci su ciò che è stato, né pensare ai buoni propositi per l’anno che verrà (a parte uno, d’obbligo e tassativo: mettersi un po’ a dieta, che in questi mesi si è un filino esagerato, ecco ;) Mi pareva invece una cosa simpatica fare un collage delle 12 (dovevano essere 10, ma non ce l’ho fatta ad eliminarne due…) ricette che, tra tutte, hanno significato maggiormente qualcosa per me. Una specie di meme che mi sono auto inviata, insomma.
La scelta è stata particolarmente ardua, lo devo dire, perché ciascuno dei piatti che ho cucinato e raccontato su queste pagine virtuali lo considero come parte di me e vi sono estremamente affezionata. Ho vissuto ciascuna ricetta in tutte le sue fasi, dalla preparazione, all’assaggio, dalle foto fino alla scrittura del post, ognuna di esse insomma rappresenta un piccolo momento di vita.

Ecco cosa ho selezionato, partendo dalla foto in alto a sinistra:

Ciambella alle pere e cioccolato bianco: un dolce che senza dubbio merita di essere provato e che su di me esercita un fascino irresistibile, grazie all’abbinamento delle pere con il cioccolato bianco. Completa il tutto una candida glassa al burro e limone (la prima con la quale mi sono cimentata con successo) che, insieme allo stampo da kugelhopf, trasformano questa torta in un dessert raffinato ed elegante.

Tortelloni alla ricotta e porcini: perché preparare la pasta all’uovo insieme alla nonna non ha prezzo e perché questo piatto mi fa ricordare di un bellissimo pranzo trascorso a ridosso del Natale con una coppia di amici veri e sinceri.

Pollo arrosto con ripieno di pane e funghi porcini con salsa alla cipolla e anice stellato:beh, il primo pollo cucinato tutto intero non si scorda mai (soprattutto il momento in cui ho dovuto legarlo…)! Ed io ne vado particolarmente fiera :)

Cake ai due tipi di olive: tra tutti i cakes provati nel 2009 sicuramente questo è quello che mi ha maggiormente colpita, sarà la sapidità delle olive, il gusto affumicato della pancetta o quello della fontina, ma questo davvero non potete perdervelo se non l’avete ancora provato.

Gulasch di manzo: un vero tormentone a casa mia, ho perso il conto di quante volte l’ho preparato ed è sempre stato un successo. Lo mangerei anche d’estate con 40° gradi all’ombra.

Tartufi al caffé: queste deliziose palline, scioglievoli e altamente peccaminose, mi hanno salvata (e mi salveranno ancora, ne sono convinta…) quando ho un invito a cena e non so quale dolce portare. Con queste vado sempre sul sicuro, perché non ho ancora incontrato una persona alla quale non siano piaciute.

Pancakes alla ricotta: una gran bella scoperta questa, che ha rivoluzionato la colazione del week end. Adesso non ne possiamo più fare a meno a casa e quando possiamo ci deliziamo con queste deliziose e sofficissime frittelline insieme a mirtilli e sciroppo d’acero come se piovessero.

- Insalata di pollo di nonna Luisa: senza questa insalata, molto fresca e saziante, intensamente ricca di ricordi legati alla mia infanzia, per me non è davvero cominciata l’estate. L’ho preparata per ben 5 volte (forse anche qualcuna di più, non ricordo…) prima di riuscire a fotografarla in maniera decente e anche questa cosa va sottolineata, grrr.

Rotolo di pasta biscotto con crema al caffé: il dolce preferito di mia madre, d’altronde come darle torto? La burrosa crema al caffé avvolta in un soffice rotolo di pasta biscotto è uno dei più grandi piaceri della vita, dà dipendenza provare per credere.

Torta di grano saraceno ai mirtilli rossi: beh, indubbiamente è una delle mie ricette più provate dai lettori, per questo non potevo non inserirla in questa lista, no? Poi, lo confesso, è uno dei miei dolci preferiti e ogni volta che lo riassaggio mi fa tornare in mente moltissimi ricordi, di neve, montagne, giornate intense ma bellissime trascorse sugli sci, baite e panorami mozzafiato. Infine è uno dei simboli di una delle mie cucine prepferite, quella altoatesina.

Torta di melagrane di Diana: la torta che mi ha permesso di inaugurare la rubrica con le ricette dei lettori, molto scenografica e deliziosa nella sua semplicità. Sicuramente un appuntamento fisso da preparare ogni anno, non appena avrà inizio la stagione delle melagrane.

Pesche al forno ripiene: un must, pratico e veloce, per concedersi un dolce fresco e leggero godendo dei sapori e dei profumi dell’estate. Da quando una mia cara amica me le ha fatte conoscere non si può più fare senza :)

E’ giunto adesso il momento dei saluti, ci rileggeremo senz’altro con l’anno nuovo (che strano effetto che mi fa…).
Auguro a tutti voi che mi leggete una buona fine 2009, ma soprattutto uno scoppiettante e felice 2010.


Un grosso bacio ad ognuno di voi!


Sara

Articoli correlati:

Stampa questo post Stampa questo post
Condividi su:

1 comment

1 Auguri! — Fior di frolla 30 dicembre 2010 alle 05:02

[...] in questa mia creatura. E così vorrei portare avanti la tradizione iniziata l’anno scorso, nella stessa data di oggi, con un appuntamento che trovo divertente e stimolante, una retrospettiva per tirare un po’ [...]

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.