mercoledì 24 febbraio 2010

Baci di sfoglia ai tre sapori e zabaione caldo al caffé e cardamomo

Riuscire a conciliare un lavoro a tempo pieno, la famiglia, le amicizie, la casa e magari anche un paio dihobby non è sempre facile. Non so a voi, ma a me capita spesso di uscire dall’ufficio la sera tardi, stremata, stressata e senza nemmeno la forza di guidare per l’intero tragitto che mi conduce a casa, imbottigliata nel traffico per giunta. A lungo andare anche solo il fatto di dover pensare a cosa preparare per cena a volte può creare non pochi problemi, peggio ancora se ad attenderci ci sono anche degli ospiti poiché la questione si complica e non poco.
Per evitare panico e ansia dell’ultimo minuto conviene allora puntare su piatti veloci e non troppo articolati, ma non per questo meno sfiziosi e accattivanti dal punto di vista estetico. Come queste due ricette che ho ideato per tutti voi e per i lettori e le lettrici di Seidimoda di Repubblica.it: i baci disfoglia ai tre sapori e un golosissimo zabaione caldo al caffè e cardamomo.
Il primo è un antipasto in pieno stile finger food che ruba l’idea ai classici baci di dama piemontesi, ma li trasforma in chiave salata, rapida e chic. Due strati di croccante e burrosa pasta sfoglia fanno da cornice ad uno strato morbido e cremoso a base di formaggio fresco aromatizzato in tre varianti: alpaté di pomodori secchi e timo, al paté di olive nere e mandorle tostate, alla mousse di mortadella Bologna Igp e pistacchi (omaggio alla mia città). Mentre la pasta cuoce in forno non dovrete fare altro che preparare le tre mousse, montare il tutto ed il gioco è fatto. Vi resterà solo il problema di scoprire quale sarà il vostro abbinamento preferito!
Il secondo invece è il mio asso nella manica quando mi trovo a dover preparare un dolce improvvisato. Bastano infatti 15, massimo 20 minuti, per ottenere uno spumoso ed appagante zabaione diispirazione mediorientale grazie alla presenza del caffè e del cardamomo, vivacizzato grazie algradevole tocco alcolico del Kummel (liquore al cumino sostituibile in alternativa dal Sassolino). Da servire rigorosamente caldo (quindi appena fatto, altrimenti si smonta) possibilmente insieme a qualche lingua di gatto, all’interno di un’elegante coppa martini o in un bicchiere raffinato e importante.

 

Baci di sfoglia ai tre sapori

Baci di sfoglia ai tre sapori

Ingredienti per circa 30 baci (4-6 persone):
2 dischi di pasta sfoglia

per la crema al formaggio di pomodori secchi:
80 g di formaggio fresco spalmabile
2-3 cucchiaini di paté di pomodori secchi
1 rametto di timo fresco
pomodori secchi sott’olio e timo fresco per decorare

per la crema al formaggio di olive nere:
80 g formaggio fresco spalmabile
2-3 cucchiaini di paté di olive nere
2 cucchiaini di mandorle tostate finemente tritate
timo fresco per decorare

per la mousse di mortadella:
75 g di mortadella Bologna Igp a fette
50 g di ricotta
15 g di pistacchi sgusciati tostati e tritati finemente + quelli per la decorazione (interi)
1/2 cucchiaio di parmigiano reggiano grattugiato

Procedimento:

Srotolate i due dischi di pasta sfoglia e bucherellateli con i rebbi di una forchetta in modo da non farla gonfiare troppo durante la cottura. Con un coppapasta circolare del diametro di 5 cm ricavate tanti dischetti cercando di fare meno scarto possibile. Distribuiteli su due teglie opportunamente rivestite dicarta da forno, distanziandoli di un paio di centimetri tra di loro, e fate cuocere, una teglia alla volta, nel forno già caldo a 200° (ventilato) per circa 8-10 minuti o comunque fino a leggera doratura. Quando saranno pronti sfornateli e fateli raffreddare.
Nel frattempo preparate le tre creme: in una ciotola lavorate con un cucchiaio il formaggio spalmabile insieme al paté di pomodori secchi e aggiungetevi le foglioline di timo fresco in quantità a piacere. Mescolate velocemente fino ad ottenere un composto omogeneo. In una seconda ciotola lavorate nello stesso sistema il formaggio fresco con il paté di olive nere ed unitevi le mandorle, fatte tostare in un padellino antiaderente senza grassi e poi finemente tritate (fate attenzione che non rimangano pezzetti più grossi perché potreste rischiare che non passino dalla bocchetta della tasca da pasticciere). Amalgamate il tutto sempre mescolando. Per la terza crema tritate la mortadella finemente nel mixer, unitevi la ricotta e i pistacchi tritati e azionate di nuovo l’apparecchio fino ad ottenere una crema omogenea. Disponetela in una ciotola ed aggiungetevi il parmigiano reggiano grattugiato, quindi mescolate.
Mettete le tre creme di formaggio in altrettanti sac à poche usa e getta con bocchetta a stella, uno per ciascuna crema. Prendete metà dei dischi di sfoglia, spremetevi sopra un ciuffetto di crema alformaggio e terminate sovrapponendo i dischi di pasta restanti. Dovreste ottenere in tutto circa 10 baciper ciascuna crema. In alternativa al posto della tasca da pasticciere potete utilizzare anche un cucchiaino dal quale preleverete una noce del composto. Decorate i baci alla crema di formaggio aipomodori con un pomodoro secco sott’olio e qualche fogliolina di timo fresco, quelli alle olive nere con altro timo fresco ed infine quelli con la mousse di mortadella con alcuni pistacchi interi o tritati. Trasferite su un piatto da portata e servite immediatamente.
Se dovesse avanzare della crema potete servirla all’interno di piccole cocottine insieme a crostini dipane tostato o sfogliatine.

 

Zabaione caldo al caffé e cardamomo

Zabaione caldo al caffé e cardamomo

Ingredienti per 3 persone:
2 tuorli
80 g di zucchero semolato
70 ml di Kummel (o Sassolino)
50 ml di caffé espresso amaro
4 bacche di cardamomo

Procedimento:

Aprite le bacche di cardamomo, mettetene il contenuto all’interno di un mortaio e pestate fino ad ottenere una polvere. Mettete quest’ultima in infusione nel caffé caldo amaro fino al momento in cui vi servirà. In una bastardella montate i tuorli insieme allo zucchero semolato utilizzando le fruste elettriche fino ad ottenere un composto chiaro, denso e spumoso. Incorporate a filo il liquore e il caffé eamalgamate fino ad ottenere un composto omogeneo. Ponete il tutto sul fuoco su di una casseruola contenente acqua bollente e montate con le fruste elettriche fino a quando noterete che il composto diventa gonfio, spumoso e sarà raddoppiato di volume (non deve mai prendere il bollore). Togliete dal fuoco e versate immediatamente all’interno di 3 bicchieri. Servite subito accompagnando con le linguedi gatto.

Articoli correlati:

Stampa questo post Stampa questo post
Condividi su:

2 comments

1 leonardo 12 agosto 2010 alle 10:36

zabaione caldo al caffe deve essere buonissimo
vorrei provarlo , ma una sola domanda dove trovare le bache di cardamomo ?
saluti

2 Sara@fiordifrolla 12 agosto 2010 alle 17:34

@ leonardo: le bacche di cardamomo si possono trovare nei negozi che vendono prodotti etnici, forse le ha anche NaturaSì, non ne sono sicura però. Io di solito lo acquisto via internet (da Madavanilla) oppure ne faccio scorte quando vado in Alto Adige. Quello più pregiato è di colore verde, altrimenti il più comune è bianco. Il cardamomo sta benissimo con il cioccolato, con il caffé, (con entrambi miscelati insieme), lo adoro con i fichi e con la composta di zucca :)

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.