domenica 21 aprile 2013

Bacon and eggs, reloaded (in carta fata).

Bacon & eggs, reloaded.

Può sembrare un paradosso, ma tra le cose che ho cucinato in questi ultimi giorni, ciò che mi ha dato maggiore soddisfazione è proprio questa sorta di rivisitazione del celebre bacon & eggs americano. Seppure gli ingredienti che compongono questa preparazione siano piuttosto semplici e abbastanza comuni, quello che più mi è piaciuto è la velocità di realizzazione del piatto. Roba che in nemmeno 15 minuti hai assemblato il tutto e puoi metterlo in forno per la cottura. Anch’essa breve, richiederà più o meno lo stesso tempo.

La mia idea è stata quella di realizzare dei piccoli nidi di pancetta affumicata, da utilizzare come contenitori. Per facilitare l’operazione ho utilizzato uno stampo antiaderente da muffin, che mi è servito per conferire una forma regolare, e la carta fata a guisa di pirottino. Scelta che ho privilegiato per un fattore puramente estetico, trovo infatti che questi lembi di carta trasparente donino maggiore leggerezza alla composizione.

All’interno di ciascuno di questi gusci un paio di cucchiaini di una favolosa ricotta di capra, un uovo (da preferire di piccole dimensioni, volendo sarà perfetto anche quello di quaglia) e qualche tocchetto di asparagina, appena sbollentata in acqua salata. Dopo la cottura in forno, occorrerà solo aggiungere un pizzico di sale insieme ad una macinata di pepe fresco e saranno pronti per essere portati in tavola. Il risultato finale è sorprendente.

Il bello di questa ricetta è la sua versatilità, potete infatti utilizzarla per smaltire gli avanzi di formaggi, salumi o verdure. Un vero e proprio salva-vita da utilizzare soprattutto come antipasto lampo in caso di emergenza. Ecco come procedere:

Bacon and eggs, reloaded (in carta fata).

Ingredienti per 10 tortini*:
200 g di ricotta di capra
200 g di pancetta affumicata a fette
10 uova piccole
asparagina q.b. (circa 10 pezzi)
sale, pepe

Monda l’asparagina eliminando la parte finale più coriacea e lavala bene sotto l’acqua corrente. Falla sbollentare per pochi minuti in acqua bollente salata, il tempo necessario a renderla tenera, ma ancora turgida. Scola e blocca la cottura sotto acqua fredda. Tampona con carta assorbente e tieni da parte.

Taglia la carta fata in quadrati che dovranno avere una misura sufficiente a foderare gli stampi prescelti e disponi lungo il bordo di ciascuno di essi una o più fette di pancetta, compatibilmente con le loro dimensioni, in modo da fissare la carta e da formare la circonferenza esterna. Adagia un’altra fetta in modo da rivestire la base. Aggiungi un paio di cucchiaini di ricotta, sgusciaci le uova e completa con tocchetti di asparagina. Metti in forno a 170° e cuoci per circa 10-12 minuti, o comunque fino a quando l’albume si sarà rappreso e il tuorlo sarà ancora liquido. Sforna e servi subito.

* io sono andata un po’ ad occhio, il numero delle porzioni dipenderà anche dalle dimensioni degli stampi utilizzati.

Articoli correlati:

Stampa questo post Stampa questo post
Condividi su:

10 comments

1 Rossana 21 aprile 2013 alle 23:54

Come te nessuno riesce a dare forma e sostanza alle sensazioni e alle emozioni…
“Springroove” all’ennesima potenza!
I sapori si fondono in un goloso assaggio, se avessi due bastoncini di pane tostato bucherei lo schermo!
Una preparazione perfetta e sbalorditiva per un picnic o un nutriente pasto per bimbi capricciosi.
Ricetta facile da realizzare ma come sempre di grande effetto!
Vado a procurarmi la carta fata!

2 Paola 22 aprile 2013 alle 08:56

Ero in crisi d’astinenza da Fior di Frolla, ma sei tornata con una super ricetta per fortuna!

3 Not Only Sugar 22 aprile 2013 alle 09:06

Un’idea veloce e perfetta, di sicuro effetto per una cena.. annotata!!!

Not Only Sugar

4 Giulietta | Alterkitchen 22 aprile 2013 alle 10:06

Meravigiliosamente semplice e gustosa questa ricetta! E la carta fata dà tutto un altro aspetto!

5 CorradoT 22 aprile 2013 alle 17:25

Si presentano molto bene. Complimenti :)

6 Elena 22 aprile 2013 alle 20:16

questa carta trasparente mi mancava…anche saper assemblare ingredienti semplici per ottenere simili piccoli capolavori è un’arte…da non sottovalutare….

7 Gaijina 23 aprile 2013 alle 23:18

Ciao Ale, devo dirti che questa ricetta mi piace moltissimo, è coloratissima e si fa mangiare con gli occhi!!! E visti gli ingredienti dev’essere pure buonissima! Se poi dici che è semplice e veloce da fare non posso fare a meno di farti tanti complimenti! La presentazione è superba!!!!

8 Sara@fiordifrolla 25 aprile 2013 alle 10:47

@ Rossana: la carta fata è davvero insostituibile, io ne ho un rotolo e la uso spessissimo per le cotture al cartoccio, ma anche in casi come questo al posto dei soliti pirottini di carta :) Se non la trovi in negozio, on line c’è ;)

@ Paola: sono tornata e poi aspetta di vedere il prossimo post ;)

@ Not Only Sugar: non solo per una cena, ma anche per un aperitivo improvvisato, ci vuole talmente poco tempo a prepararli che ti salvano in ogni occasione :)

@ Giulietta: ho provato anche la versione senza la carta fata e devo dire che il risultato complessivo era senza dubbio molto meno scenografico :)

@ CorradoT: grazie Corrado

9 Sara@fiordifrolla 25 aprile 2013 alle 10:51

@ Elena: io la uso spesso, soprattutto per le cotture al cartoccio. Con il tempo ho pubblicato alcune ricette che la prevedono, ti lascio qualche link:

- http://www.fiordifrolla.it/cartoccio-di-pere-fichi-secchi-e-feta-in-carta-fata.html

- http://www.fiordifrolla.it/penne-con-verza-patate-e-fontina-in-carta-fata.html

La puoi acquistare nei negozi specializzati, oppure on line :)

@ Gaijina: penso ti sia sbagliata nome, ma poco importa :D Sì come ho scritto è una preparazione che richiede davvero pochissimo tempo, gustosa e appaga anche la vista oltre che il palato :)

10 Gaijina 29 aprile 2013 alle 21:52

Oddio hai ragione….. scusaaaaa!!!! Ti ho confusa con alessia, perche ho scoperto i vostri blog nello stesso periodo e anche voi vi conoscete come blogger e ogni tanto mi confondo, scusa scusa!!

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.