Biscotti di frolla montata alle ciliegie

Biscotti di frolla montata alle ciliegie

Ci sono ricette che faccio da tantissimo tempo e che chissà perché qui sul blog non ho mai pubblicato. La ricetta di oggi, è una di queste. L’ho scoperta un anno e mezzo fa ormai, qui da Antonella, e da quando l’ho provata non l’ho più abbandonata, perché mi ha permesso di riappacificarmi una volta per tutte con la pasta frolla montata. In passato feci diversi tentativi, ma nessuno di essi mi hai mai pienamente soddisfatta, non riuscivo mai infatti ad ottenere la consistenza desiderata, friabile e un po’ burrosa che caratterizza questi biscotti,  i quali talvolta, dopo pochi minuti di permanenza nel forno mi si smontavano irrimediabilmente.

Ho rispolverato questa ricetta di recente, proprio in occasione del mio corso sulla pasta frolla, e finalmente con la scusa che mi serviva una foto da mettere sulla copertina delle mie dispense, sono riuscita anche a fotografare questi favolosi pasticcini. Dico favolosi perché l’impasto è facile da lavorare e di sicura riuscita, a patto però di rispettare scrupolosamente le dosi e, soprattutto, la consistenza del burro che, sottolineo, deve essere morbido e quindi preso fuori dal frigo molte ore prima di utilizzarlo(no microonde please, non sarebbe la stessa cosa).  Un vero classico qui a casa che non manca mai nella mia scatola di latta e che compare spesso nel vassoio dei dolcetti da servire per l’ora del té.

Questa volta ho confezionato delle rosette, facendo un cerchio abbastanza stretto con la sac à poche, al centro del quale ho posizionato una ciliegina sciroppata ben scolata dal suo liquido, ma con questo impasto è possibile realizzare veramente moltissimi formati come bastoncini, anelli, ferri di cavallo, ecc.  Non ultimo vi consiglio anche di provare ad intingere parzialmente i biscotti nel cioccolato fondente fuso, roba per veri golosi!

Biscotti di frolla montata alle ciliegie

Biscotti di frolla montata alle ciliegie

(dosi dell’impasto base di Eugenia Abbate, mio procedimento)

Ingredienti:
350 g di burro morbido a temperatura ambiente (preso fuori dal frigo molte ore prima)
180 g di zucchero a velo
100 g di uova
500 g di farina 00
1 pizzico di sale
Scorza grattugiata di un limone bio
1 stecca di vaniglia

inoltre:
Ciliegie denocciolate sciroppate o candite

Procedimento:
Con le fruste elettriche o con la planetaria (utilizzando in questo caso il gancio a frusta) montate il burro morbidissimo insieme allo zucchero a velo setacciato, alla scorza grattugiata di un limone e ai semi divaniglia (ottenuti incidendo la stecca per il lungo con un coltellino affilato e prelevandone il contenuto con la punta di un cucchiaino) fino ad ottenere un composto gonfio, spumoso, che dovrà essere aumentato di volume. Incorporate le uova, una alla volta, continuando a montare fino a quando il composto diventerà ben gonfio. Aggiungete la farina setacciata ed amalgamatela al composto con l’aiutodi una spatola (non con le fruste o la planetaria, mi raccomando, altrimenti la fareste precipitare) mescolando dal basso verso l’alto, fino a quando il composto sarà diventato omogeneo.

Mettete l’impasto nella sac à poche munita di una bocchetta a stella medio-grande e confezionate ibiscotti dandogli la forma desiderata (a rosetta, bastoncino, anello, ferro di cavallo) spremendo l’impasto su di una leccarda foderata di carta forno. Se li fate a rosetta, come nel mio caso, ponete al centro di ciascuno di essi una ciliegia candita oppure sciroppata (ben scolata però dallo sciroppo). Mettete le placche (con sopra i biscotti) in frigorifero per almeno 30 minuti (passaggio obbligatorio, se non si rispetta questa fase rischiate che i biscotti si smontino in maniera irreparabile), quindi fate cuocere nel forno già caldo a 180° per circa 10-12 minuti o comunque fino a leggera doratura.

Nota:

– con questo impasto si possono anche creare delle tartellette, spremendo la frolla montata in cerchi concentrici lungo la base e i bordi degli stampini opportunamente imburrati;

– se possibile utilizzate un sac à poche non del tipo usa e getta, perché l’impasto è un po’ sostenuto e rischiereste di romperlo, facendone fuoriuscire il contenuto.

Come dicevo qualche riga più su, abbiamo realizzato questi pasticcini anche al corso “Crostate ebiscotti” e so che alcune delle ragazze presenti li hanno già rifatti a casa con grande soddisfazione non solo dal punto di vista della preparazione, ma anche del gusto.

Dalla via che ci sono vi faccio anche un breve resoconto su queste due prime lezioni che si sono tenute lo scorso 25 maggio e 1 giugno, si sa mai che ci sia qualche persona curiosa di sapere come procedono i lavori. Devo dire che dopo diversi mesi di intensa pianificazione e organizzazione nei minimi dettagli ditutto quanto concerne queste 8 lezioni, finalmente ho avuto modo di veder prendere vita questo progetto. Per mia fortuna si è formato un gruppo di partecipanti attive, comunicative e con una gran voglia di mettere le mani in pasta, con le quali si è instaurato un clima allegro, costruttivo e conviviale. Desidero quindi ringraziare tutte le ragazze che hanno contribuito a rendere per me questa esperienza stimolante e meravigliosa. Qui , qui e qui trovate qualche commento scritto direttamente da alcune diloro.

Colgo l’occasione per segnalarvi che ci sono ancora posti disponibili, anche per la lezione del prossimo 8 giugno il cui tema saranno le Creme e le salse dolci. Se volete far parte del gruppo non esitate a contattarmi al seguente indirizzo: info@fiordifrolla.it ! Per chi se lo fosse perso ecco infine il calendario delle lezioni con i relativi programmi:

Autore

Sara Querzola
Sara Querzola
Ciao sono Sara e questo è Fiordifrolla, un luogo in cui si intrecciano e trovano una collocazione alcune delle mie più grandi passioni: cucina, scrittura, fotografia, vino e viaggi. Questo blog è nato nel 2008 quasi per gioco, con gli anni è diventato il mio lavoro: ad oggi sviluppo ricette (e video), le cucino e le fotografo per numerosi ed importanti editori, riviste e agenzie.
  • 66
  •  
  • 15
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    81
    Shares

54 commenti su “Biscotti di frolla montata alle ciliegie

  1. ok grazie mille (della tempestività soprattutto!) Appena ho tempo li provo e vediamo!
    E gia che ci siamo… dato che io ho il forno solo ventilato, sempre a 180° per 10-12 minuti?

  2. @ Anna: di nulla, figurati! E’ difficile quantificare un tempo esatto con un forno che non è il mio, perché per esperienza i minuti possono variare da forno a forno. Io ti dico di controllarli dagli 8 minuti in su costantemente, tieni presente che non devono colorire troppo :)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.