Biscotti Flora

A volte le ricette fanno dei giri incredibili, da un quaderno all’altro (di persone diverse), da un foglietto a una mail e poi, guarda caso, finiscono sulle pagine di un blog. Un processo che rispecchia quello che per me è sempre stato lo scopo di queste pagine: la condivisione, il veicolare cose buone da mangiare (e, perché no, da vedere).

Prendete questi biscotti, ad esempio. Sì, lo so che state pensando (non a torto) che siano le celebri rose del deserto, i biscotti con i fiocchi di mais che prendono il nome dalla somiglianza con una formazione sedimentaria di cristalli di gesso di colore giallo-ocra molto comune nei paesi desertici. Ma per me questi sono i biscotti Flora. Oltre a differenziarsi per qualche ingrediente, come la farina 00 (al posto di quella di mandorle), per la presenza di frutta secca e dell’uvetta ammollata nel Vinsanto, hanno una particolarità non da poco: si tratta di una ricetta che mi è stata donata da un lettore di questo blog, Giacomo, che proviene direttamente dal suo “libro mastro” e, a sua volta, da quello di una sua parente, Flora.

Biscotti Flora 2

Che li prepariate per colazione o merenda, vi regaleranno sempre parecchia soddisfazione, perché sono di facile realizzazione, sono tremendamente buoni e uno tira l’altro. Si prestano anche a numerose varianti: so che molti di voi non amano l’uvetta e allora potete tranquillamente (e credo con molta gioia) sostituirla con le gocce di cioccolato, frutta candita o disidratata a piacere. Sono buoni anche a fine pasto con un bicchierino di Vinsanto, proprio come Giacomo mi ha suggerito.

Il numero dei biscotti che si ottengono con queste dosi è del tutto indicativo, perché dipende ovviamente dalle dimensioni delle palline che andrete a formare con il composto iniziale. Non realizzatele troppo grandi perché altrimenti vi ritroverete con dei biscotti dal diametro un filo esagerato. Per il resto, provateli!

Biscotti Flora 1

 Biscotti Flora (di Giacomo)

Ingredienti per circa 20 biscotti:

  • 250 g di farina 00;
  • 2 uova;
  • 150 g di burro fuso;
  • 150 g di zucchero semolato;
  • 1 cucchiaino raso di lievito per dolci;
  • 60 g di uvetta;
  • Vinsanto qb;
  • 40 g di pinoli;
  • 40 g di mandorle (tritate o a lamelle);
  • fiocchi di mais qb;
  • 1 pizzico di sale.

Mettete in ammollo l’uvetta con il Vinsanto per almeno 30 minuti. In una ciotola sbattete, con le fruste o la planetaria, le uova con lo zucchero e il sale, il tanto che basta ad amalgamare. Unite la farina, il burro fuso, le mandorle, i pinoli e l’uvetta ben strizzata, mescolando sempre dopo ogni aggiunta. Incorporate da ultimo il lievito setacciato e girate fino a ottenere un composto omogeneo e un po’ sostenuto.

Con le mani formate delle palline delle dimensioni di una noce e passatele, una alla volta, in un vassoio in cui avrete grossolanamente sbriciolato i fiocchi di mais. Quando le avrete ricoperte in maniera uniforme disponetele a poco a poco su due teglie rivestite di carta forno, distanziandole opportunamente perché in cottura si appiattiranno e allargheranno un po’. Cuocete i biscotti nel forno già caldo a 180° per circa 16-18 minuti o fino a leggera doratura. Sfornateli e fateli raffreddare su una griglia per dolci prima di servire.

sara-querzola

Ciao sono Sara e questo è Fiordifrolla, un luogo in cui si intrecciano e trovano una collocazione alcune delle mie più grandi passioni: cucina, scrittura, fotografia, vino e viaggi. Questo blog è nato nel 2008 quasi per gioco, con gli anni è diventato il mio lavoro: ad oggi sviluppo ricette (e video), le cucino e le fotografo per numerosi ed importanti editori, riviste e agenzie.

  •  
  •  
  • 7
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    7
    Shares

2 commenti su “Biscotti Flora”

  1. Sara,
    ci tengo, anche qui, a farti un enorme in bocca al lupo per il nuovo blog, ti seguirò con enorme piacere,
    le tue ricette sono tremendamente buone e soprattutto semplici da realizzare, e questo facilita molto chi
    non è del mestiere ma comunque si diletta.
    Grazie per aver scelto questa mia ricetta e spero in un futuro prossimo di poterne suggerire di nuove.

    ;)

Lascia un commento