Brioche al gorgonzola, aglio e basilico

Negli ultimi tempi per lavoro mi sono trovata a preparare grandi quantità di lievitati di ogni tipo, dai croissant ai bomboloni, passando per qualche pain au chocolat e un’infinità di brioche, dolci e salate. Se ci ripenso rido fragorosamente perché mi rivedo un po’ trafelata tra considerevoli quantità di farina, planetarie in funzione in maniera simultanea, spianatoie piene zeppe di ritagli di pasta e aggeggi vari, vedi mattarelli per sfogliare alcuni impasti con la sola forza delle mie braccia. Ma questa è un’altra storia.

Tra tutte queste ricette ce n’è una che, da quando l’ho assaggiata, è diventata una sorta di ossessione culinaria, di quelle che non puoi fare a meno di ripetere non appena se ne presenta l’occasione, aggiustando un ingrediente qua o limando qualche dose di là. Sarà la soddisfazione che ho avuto nel vederla appena uscita dal forno o il sorriso compiaciuto di chi se l’è vista arrivare in tavola, oppure sarà che trovo che questa brioche sia dannatamente scenografica con il suo colore dorato e le venature verdi smeraldo in bella mostra. Fatto sta che non potevo non condividerla con voi, dai.

brioche al gorgonzola aglio e basilico

Per prepararla sono partita da una pasta brioche semplice e abbastanza neutra (come sapore), in modo da andare a mettere in risalto il ripieno che ha come ingrediente principe un grande erborinato italiano: il gorgonzola. Qui l’ho mixato insieme ad un mazzetto di ottimo basilico e (un’idea) di aglio per ottenere una crema spessa e densa, che sarebbe già fantastica da sola, ma trova un rifugio perfetto tra le maglie di questa brioche. Se non vi piace il gorgonzola, potete sempre optare per un pesto di pomodorini secchi o di olive, come una tapenade.

È una ricetta che si presta ad un aperitivo, che può essere preparata per arricchire il cesto del pane o, perché no, da gustare durante un pic-nic insieme a salumi di qualità.

Brioche al gorgonzola, aglio e basilico

Ingredienti:
per la pasta brioche:

  • 280 g di farina 00
  • 100 g di farina manitoba
  • 220 ml di latte
  • 20 g di zucchero semolato
  • 60 g di burro morbido
  • 7 g di lievito di birra disidratato
  • 2 cucchiaini di sale fino

per il ripieno:

  • 150 g di gorgonzola
  • 20 g di basilico fresco
  • 1/2 spicchio d’aglio
  • olio extravergine di oliva

per spennellare:

  • olio extravergine di oliva

Per la brioche: nella ciotola della planetaria raccogliete le farine, il lievito, il latte e lo zucchero. Iniziate a lavorare con il gancio a foglia il tanto che serve ad amalgamare. Montate il gancio a uncino e impastate inserendo, poco alla volta, il burro morbido a pezzetti, aspettando che si sia ben incorporato prima di unirne altro. Impastate per 15-20 minuti, o comunque fino a quandro la massa sarà elastica e incordata (ben avviluppata attorno al gancio e i bordi della ciotola della planetaria saranno puliti) unendo il sale verso la fine. Trasferite l’impasto all’interno di una ciotola, copritelo con la pellicola alimentare e lasciatelo lievitare fino al raddoppio (circa 2 ore).

Nel frattempo preparate il ripieno: raccogliete nel mixer il gorgonzola, le foglie di basilico, l’aglio e lavorate il tutto a crema unendo olio d’oliva a filo, diciamo il tanto che basta a ottenere una crema omogenea.

Rovesciate l’impasto lievitato sulla spianatoia e, aiutandovi con un mattarello, stendetelo in un rettangolo di 30 x 50 cm circa. Distribuite il ripieno fino a 1 cm dal bordo aiutandovi con un cucchiaio. Arrotolate stretto l’impasto incominciando da un lato lungo verso l’altro. Dovrete ottenere un cilindro che disporrete con la parte della chiusura verso il basso. Con le mani chiudete saldamente le due estremità, poi con un coltello affilato tagliate il cilindro di pasta a metà longitudinalmente, lasciando intatto un capo. Formate una treccia alternando i due cordoni così ottenuti, avendo cura di lasciare in evidenza sempre la sezione dell’impasto (in modo che si vedano le parti verdi del ripieno per capirci). Saldate nuovamente le estremità e trasferite la brioche salata su una teglia foderata di carta forno. Lasciatela riposare per 30 minuti coperta con un panno.

Spennellate la brioche con l’olio d’oliva e cuocetela nel forno già caldo a 180° per 30 o fino a doratura. Sfornate e servite tiepida o a temperatura ambiente.

sara-querzola

Ciao sono Sara e questo è Fiordifrolla, un luogo in cui si intrecciano e trovano una collocazione alcune delle mie più grandi passioni: cucina, scrittura, fotografia, vino e viaggi. Questo blog è nato nel 2008 quasi per gioco, con gli anni è diventato il mio lavoro: ad oggi sviluppo ricette (e video), le cucino e le fotografo per numerosi ed importanti editori, riviste e agenzie.

  • 1
  •  
  • 6
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    7
    Shares

Lascia un commento