mercoledì 16 febbraio 2011

Cartoccio di pere, fichi secchi e feta in carta fata

Pere, fichi secchi e feta in carta fata

Questione di feeling diceva una vecchia canzone. E permettetemi di dire che con questa ricetta si è trattato di un colpo di fulmine del tutto inaspettato, mi è bastato infatti leggere nel numero di Saveurs di febbraio tre paroline per restarne immediatamente conquistata: pere, feta e fichi secchi.

Tre ingredienti che insieme formano un matrimonio di gusto molto equilibrato, che si completano e si esaltano a vicenda in un vortice di sapori giocato sul contrasto dolce-salato che non può lasciare indifferenti, anzi. Il tutto viene completato da una leggera nota aromatica e pungente regalata dal pepe rosa e dal tocco di freschezza che deriva dalla presenza del timo limone e del rosmarino. Se ci aggiungiamo la cottura nel cartoccio di carta fata (che può essere tranquillamente sostituita con della comune carta da forno, per chi non riuscisse a reperirla, e della quale vi avevo già parlato in questa occasione), otterremo dei graziosi pacchettini dai quali è possibile intravedere il loro goloso contenuto.

Si tratta di un piatto che praticamente si prepara da solo, a noi resterà il compito di reperire materie prime di ottima qualità, e mentre lui cuoce in forno, noi potremo comodamente dedicarci senza troppe ansie alle altre pietanze o goderci la compagnia dei nostri ospiti. Io lo trovo davvero perfetto per essere servito magari a fine cena al posto del classico plateau fromages (e relative compostine) oppure come sfizioso ed originale antipasto.

Cartoccio di pere, fichi secchi e feta in carta fata

Ingredienti per 4 persone:
2 pere Decana mature
200 g di feta
10-12 fichi secchi
2 rametti di rosmarino
4 rametti di timo limone
pepe rosa q.b.
olio extravergine di oliva
sale

Procedimento:
Lavate le pere e tagliatele a metà senza sbucciarle né detorsolarle. Tagliate i fichi secchi a metà e lafeta a fettine sottili. Disponete le pere (due metà per cartoccio)con la parte tagliata verso l’alto all’interno di due quadrati realizzati con la carta fata (in alternativa potete utilizzare la carta forno), quindi aggiungetevi i fichi e cospargete qua e là con le lamelle di feta. Unite un rametto di rosmarinoe del timo limone per ciascun cartoccio, quindi aromatizzate con il pepe rosa in quantità a piacere. Irrorate il tutto con abbondante olio extravergine di oliva, salate e chiudete ermeticamente i cartocci con un laccio in silicone che possa andare in forno o con dello spago da cucina. Fate cuocere i cartocci nel forno già caldo a 180°, posizionandoli all’interno di due pirofile, per circa 20-30 minuti, o comunque fino a quando le pere risulteranno morbide, ma ancora sode. Sfornate aprite i cartocci e servite immediatamente.

Articoli correlati:

Stampa questo post Stampa questo post
Condividi su:

38 comments

1 Tweets that mention Cartoccio di pere, fichi secchi e feta in carta fata -- Topsy.com 16 febbraio 2011 alle 05:46

[...] This post was mentioned on Twitter by La Pentola Magica, Sara Querzola . Sara Querzola said: Cartoccio di pere, fichi secchi e feta in carta fata http://goo.gl/fb/iDcsZ [...]

2 Elisabetta 16 febbraio 2011 alle 07:10

decisamente accattivante,golosissima ed originale questa preparazione!!ho dei fichi secchi da consumare..ci faccio un pensierino..:)grazie!!!piacere di conoscerti..sono Elisabetta

3 gaia 16 febbraio 2011 alle 07:47

la famosa carta fata….ne sento spesso parlare ultimamente e mi ha incuriosita, tu come ti sei trovata con la cottura in questo tipo di cartoccio!?

4 babs 16 febbraio 2011 alle 07:50

ciao splendida splendente!
saveurs ha il suo perchè. resta ad oltranza la mia rivista prediletta.
e qui si capisce!
questa chicca è davvero degna di te!
ciao sara, un bacino

5 Elga 16 febbraio 2011 alle 08:02

Bella e fresca, complimenti di cuore! Nonostante gli ingredienti siano invernali, qui si respira primavera oggi!

6 Annamaria 16 febbraio 2011 alle 08:24

Mamma mia che bontà.Non la conoscevo la carta Fata.Peccato che da me non si trova oppure non l’ho mai vista.Brava

7 giady di sulemaniche 16 febbraio 2011 alle 08:38

applausi applausi x questa ricetta bellissima e x la foto

8 sissa 16 febbraio 2011 alle 08:50

wow! Speciale questo cartoccio! La rivista non la conosco, seppur ne abbia sentito parlare mooolto bene. Certo è che, non sapendo il francese, non saprei come districarmi tra le pagine invitanti. Quindi è bello che qualcuno proponga ricette tratte da lì! ..Ma lo hai acquististato in Italia?
Un abbraccio,
Sissa

9 imma 16 febbraio 2011 alle 09:05

oooohhhh che visione celestiale tesoro e poi l’abbianmento e di quelli che nn si sbaglia mai, un matrimonio riuscitissimo e poi al cartoccio quindi anche scenografico!!!!bacioni imma

10 Silvia 16 febbraio 2011 alle 09:16

In questo periodo sono alla ricerca di finepasto golosi ma senza zucchero. Non ti dico che frustrazione :( Questo invece è PERFETTO, di gran classe!

11 Carolina 16 febbraio 2011 alle 09:40

Rieccoci con la carta fata! Vuoi proprio farmi morire d’invidia, eh?! Vedessi che carta forno bruttina che abbiamo da queste parti… :( E tu mi parli della carta fata?! Me la sogno la notte! ;D
Favolosa ricetta Sara…
Un abbraccio e buon lavoro.

12 Dario 16 febbraio 2011 alle 09:57

Ma sai che possiedo della carta fata da un po’ di tempo e la uso troppo poco? Interessante questa ricetta, come quella delle penne al kamut della Felicetti cotte in carta fata che prima o poi proverò… Sto attraversando un periodo di crisi dovutoal troppo lavoro che non mi lascia tempo libero, spero di riprendermi presto! Comunque stasera farò una cosa che conosci bene e hai nache assaggiato, la mia marmellata di arance!
Buona giornata carissima

13 ( parentesiculinaria ) 16 febbraio 2011 alle 10:36

Ti dirò… sta carta feta non mi convince molto, perchè nelle preparazioni al forno amo prorpio tutte quelle famose crosticine e grinzette che si formano in cottura.
Tuttavia questo tuo cartoccio mi fa immaginare la meraviglia del profumo, aprendolo.
Sì, credo sposerei questo metodo di cottura, ma per la frutta.

14 lise.charmel 16 febbraio 2011 alle 11:17

adoro i piatti che si preparano da soli mentre stai in salotto a chiacchierare con gli ospiti! e mi piacciono molto anche i cartoccetti, così ognuno si apre il suo per svelare il contenuto, che in questo caso dev’essere particolarmente sfizioso e profumato, con il dolce e il saporito che si compenetrano a vicenda

15 sonia 16 febbraio 2011 alle 11:25

oh Sara,
questa foto mi piace proprio moltissimo! lovely

16 Onde99 16 febbraio 2011 alle 12:11

Ma l’ospite di cui ti godi la compagnia mentre questi cartoccini si cuociono da soli sono io, vero? :-)

17 arabafelice 16 febbraio 2011 alle 12:39

Ma che delizia. Non so se piu’ per gli occhi o per il palato!

18 manu e silvia 16 febbraio 2011 alle 16:09

Ciao! bellissimo questo cartoccio: un dessert come piace a noi: molto caldo e dal sapore morbido e dolce!
e poi è davvero semplice da preparare! intrigante il tocco della feta!
baci baci

19 CorradoT 16 febbraio 2011 alle 16:57

A questi abbinamenti non avevo mai pensato, sembrano proprio azzeccati. Golosita’ al quadrato :)
Ma la feta si scioglie e incolla tutto, o cosa?

20 mirtilla 16 febbraio 2011 alle 17:21

utilissima la carta fata!!!

21 Le Rocher 16 febbraio 2011 alle 18:21

che spettacolo! Colpo di fulmine anche per noi!

22 Sara@fiordifrolla 16 febbraio 2011 alle 18:27

@ Elisabetta: grazie a te e benvenuta :)

@ Gaia: ti dirò, io mi trovo molto bene, non ho fatto moltissimi esperimenti, ma mi sembra che fino ad ora abbia dato il risultato desiderato :) E poi c’è da dire che a livello scenografico è molto più bella da vedere rispetto alla carta da forno, no? :)

@ babs: intanto complimenti per il traguardo raggiunto :) Io Saveurs lo adoro ed è senza dubbio tra le mie riviste preferite insieme a Donna Hay, che preferisco però per le foto, non per le ricette :) Grazie stella, un bacio.

@ Elga: vero, anche secondo me ha un che di primaverile questa ricetta! Un abbraccio.

@ Annamaria: come ho scritto nel post se non riesci a reperirla puoi sempre usare la carta da forno :)

23 Sara@fiordifrolla 16 febbraio 2011 alle 18:33

@ Giady: ciao, benvenuta! Grazie, sei troppo buona come me :)

@ Sissa: sono abbonata e avendo fatto il liceo linguistico non ho particolari problemi con il francese ;)

@ Imma: grazie Imma, è vero, la carta fata rende sempre tutto più scenografico :)

@ Silvia: allora questo cartoccio dovrebbe proprio fare al caso tuo! Sono contenta di esserti stata d’aiuto :)

@ Carolina: ma no stella e come potrei? A parte che non sono il tipo da fare tutte queste cose e poi vogliamo mettere quante cose trovi lì che qui magari non ci sono? :D Un abbraccio tesoro e buona serata!

24 Sara@fiordifrolla 16 febbraio 2011 alle 18:46

@ Dario: anch’io la uso troppo poco e infatti il rotolo che ho è ancora all’inizio ci credi? :D Per il lavoro ti capisco ;) La tua marmellata di arance è da urlo Dario, come potrei dimenticarla… :) Un abbraccio carissimo, buona serata!

@ parentesiculinaria: tu ami le ricette gratinate, ma con i cartocci il risultato che si vuole ottenere è diverso (almeno come lo intendo io) :) Concordo con te, per la frutta è un metodo di cottura favoloso :)

@ Lise.charmel: profumatissimo davvero, abbiamo mangiato mezza pera a testa ma ti confesso che io avrei tranquillamente fatto il bis ;)

@ Sonia: grazie!

@ Onde99: ovvio! ;) Sto già pensando al menu per quando verrete a trovarci di nuovo ;)

25 Sara@fiordifrolla 16 febbraio 2011 alle 18:50

@ Arabafelice: grazie Stefania, ci credi se ti dico che me ne sono innamorata? :)

@ manu e silvia: grazie :)

@ CorradoT: la feta resta feta, nel senso che non si scioglie né incolla, la parte sulla pera rimane quasi come da cruda, quella nel fondo del cartoccio invece diventa leggermente dorata (e secondo me favolosa) :)

@ Mirtilla: vero :)

@ Le Rocher: bene! Sono contenta!

26 ilariavafuori 16 febbraio 2011 alle 18:57

Non ci posso credere, anche io oggi ho pubblicato quetsa ricetta (solo che non avevo I fichi e ci ho messo le prugne) che coincidenza…proprio lo stesso giorno ;-) baci

27 Alessia 16 febbraio 2011 alle 23:28

Io avrei una domanda che forse sembrerà inutile..ma il cartoccio lo servi come dessert o come antipasto? Io non so, sarei tentata di aggiungere un po’ di miele “a freddo”..una volta estratto dal forno..

28 cleare 17 febbraio 2011 alle 12:45

la carta fata mi piace tantissimo. Però costa abbastanza ed è di difficile reperibilità. ma credo che per ricette come questa valga la pena cercarla perchè fa la differenza..se nn fosse altro è bella quando la portiamo in tavola.
Eh si questo lo vedo proprio bene al posto del plate fromage (che io odio servire a fine cena..preferisco che costituisca la cena!).

29 sissa 17 febbraio 2011 alle 16:46

Cara Sara, oggi a pranzo avevo voglia di qualche cosa di sfizioso e così, rientrata a casa dall’ufficio, giusto il tempo di sbucciare la pera, tagliarla a tocchi così come un etto di feta, un po’ di pepe, rosmarino e timo, ho chiuso il cartoccio e l’ho infornato a forno freddo perché sono uscita subito per la corsa quotidiana al parco vicino a casa mia e non avevo quindi la possibilità di controllo sulla cottura.
Sono tornata dopo 35/40 minuti con la lingua a penzoloni ed il pranzetto era bello che pronto e la cucina sapeva di buono! Ho adagiato il contenuto del cartoccio su un’insalata di rucoletta, ho spezzettato qualche noce, un giro d’olio evo ed una fetta di pane multicereale……. Mmmm non puoi capire che gioia e bontà!!!!.
Grazie mille per questa idea sfiziosa che ripeterò senz’altro e buona giornata!
Ciao!
Sissa

30 Sara@fiordifrolla 17 febbraio 2011 alle 17:26

@ Ilariavafuori: che dire? Sintonia!

@ Alessia: come ho scritto nel post lo si può servire sia come antipasto che al posto del classico tagliere di formaggi dopo la carne e prima del dessert :) Il miele è una validissima aggiunta, ma non esagererei perché a conferire dolcezza ci sono già i fichi :)

@ Cleare: concordo, non è semplice da trovare, ma fa la differenza :) Buona idea quella di servirlo come piatto unico ;)

@ Sissa: ma grazie a te! Vedo che ti sei anche organizzata per bene e sei anche riuscita ad andare a correre nel frattempo, brava! Posso immaginare la tua soddisfazione, che è anche la mia nel leggere questo tuo feedback positivo :)
Buona serata, un bacio.

31 speedy70 21 febbraio 2011 alle 16:08

Ho visto solo ora questa ricetta, brava Sara, stepitosa!

32 Sara@fiordifrolla 21 febbraio 2011 alle 22:27

@ Speedy70: grazie, sono felice che ti piaccia!

33 Giovanna 23 febbraio 2011 alle 14:30

Queste pere strepitose me le ero perse!!! che meraviglia… amo questa ricetta! la carta fata non la trovo di certo ma di carta forno ne ho sempre grandi scorte! me la preparo domani per pranzo!

34 Sara@fiordifrolla 23 febbraio 2011 alle 21:14

@ Giovanna: io non vedo l’ora di poterle rifare, non sai quanto ho apprezzato questo cartoccio!

35 sandra mantova 24 febbraio 2011 alle 10:51

Carta Fata non è difficile da reperire.. in 24 ore a casa tua.. provato di persona, grazie Sara per la ricetta, la provo domenica come antipasto!

http://stores.ebay.it/Decorfood-Italy?_rdc=1

36 Sara@fiordifrolla 27 febbraio 2011 alle 18:59

@ sandra mantova: bene, fammi sapere!

37 martina 1 settembre 2011 alle 11:12

ho i fichi a seccare al sole…e non vedo l’ora di preparare questo delizioso piatto…anche se è ancora estate e uno potrebbe abbinarlo ad altro frutta ancora!?!?

38 Sara@fiordifrolla 3 settembre 2011 alle 13:44

@ Martina: certo gli abbinamenti sono innumerevoli ed è anche il bello di questa ricetta, la sua grande versatilità :)

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.