Categoria - Biscotti

29 giugno 2013

Caffè estivo, melting moments al cardamomo e… Sicilia!

cafféestivo

Ci siamo, la partenza ora è più che mai è vicina. I bagagli sono fatti, le tappe del mio viaggio on the road in terra siciliana sono state definite, così come tutte le varie sistemazioni. Ho una lista sterminata di luoghi da visitare, non senza pasticcerie, ristoranti, mercati e cantine vinicole, che quasi mi domando se riuscirò a fare tutto. Ma, in fondo, è proprio questo il bello di questo viaggio: io, lui e la nostra voglia di scoprire questa terra in ogni suo volto, in ogni sua sfaccettatura. E poi finalmente incontrerò un’amica, Rossana, con la quale ci scriviamo e telefoniamo quasi quotidianamente da tempo senza esserci mai conosciute di persona. Una delle belle cose accadute attraverso la rete. Insomma, parto con una grande curiosità, con il sorriso stampato sulla faccia, pronta per l’avventura. Finalmente.

Ma non potevo non passare di qua a salutarvi e, magari, lasciarvi con un’idea per una merenda veloce. Ci prendiamo quest’ultimo caffè insieme, un caffè estivo, con la bevanda scura calda e la schiuma fredda. Prepararlo è semplicissimo, tutto ciò che serve è del latte scremato (monterà meglio e la crema sarà più stabile), del ghiaccio e un mixer per frappé. In pochi minuti otterrete una spuma setosa, lucida e freschissima. Cosa abbinarvi? Ma i melting moments, of course, biscotti di frolla montata farciti di una crema al burro e cardamomo. Fragranti e irresistibili, si sposano alla perfezione con le note tostate del caffè.

Baci sparsi a tutti, mentre mi leggerete io sarò alla volta dell’aeroporto. A presto!

Caffè estivo e melting moments al cardamomo

Ingredienti:
per i biscotti (dosi di Eugenia Abbate):
170 g di burro morbido a temperatura ambiente (preso fuori dal frigo molte ore prima)
90 g di zucchero a velo
50 g di uova
250 g di farina petra5
1 pizzico di sale
1 stecca di vaniglia

per il ripieno:
90 g di burro morbido
185 g di zucchero a velo
3 cucchiaini di rum
4-5 bacche di cardamomo verde

per il caffè estivo:
caffé (moka o espresso)
latte scremato
cubetti di ghiaccio
zucchero (a piacere)

Per i biscotti: con le fruste elettriche o con la planetaria (utilizzando in questo caso il gancio a frusta) monta il burro morbidissimo insieme allo zucchero a velo setacciato e ai semi divaniglia (ottenuti incidendo la stecca per il lungo con un coltellino affilato e prelevandone il contenuto con la punta di un cucchiaino) fino ad ottenere un composto gonfio, spumoso, che dovrà essere aumentato di volume. Incorpora le uova, una alla volta, continuando a montare fino a quando il composto diventerà ben gonfio. Aggiungi la farina setacciata ed amalgamala al composto con l’aiuto di una spatola (non con le fruste o la planetaria, mi raccomando, altrimenti la fareste precipitare) mescolando dal basso verso l’alto, fino a quando il composto sarà diventato omogeneo.

Metti l’impasto nella sac à poche munita di una bocchetta a stella medio-grande e confeziona i biscotti spremendo l’impasto su di una leccarda foderata di carta forno. Metti le placche (con sopra i biscotti) in frigorifero per almeno 30 minuti (passaggio obbligatorio, se non si rispetta questa fase rischierai che i biscotti si smontino in maniera irreparabile), quindi cuoci nel forno già caldo a 180° per circa 10-12 minuti o comunque fino a leggera doratura. Fai raffreddare i biscotti su di una griglia per dolci.

Nel frattempo prepara la farcia: lavora con lo sbattitore elettrico il burro con lo zucchero, il rum e il contenuto delle bacche di cardamomo che avrai pestato nel mortaio fino ad ottenere un composto gonfio e cremoso. Conserva in frigorifero. Quando i biscotti saranno completamente giunti a temperatura ambiente farciscili e uniscili a due a due.

Per il caffè estivo: metti il latte freddo nel bicchiere del mixer per frappé insieme al ghiaccio e azionalo fino ad ottenere una spuma liscia, lucida e gonfia. Non esistono dosi precise, consiglio di provare con una piccola quantità di latte e qualche cubetto di ghiaccio, che aggiungerai fino all’ottenimento della consistenza desiderata. Completa i caffè (espresso o moka, come preferisci) con questa crema di latte e servi subito con i biscotti.

15 Comments

24 dicembre 2012

Husarenkrapferln o biscotti degli ussari

Biscotti degli ussari

Manca pochissimo al Natale. Si respira un’atmosfera magica, sognante, che mi fa sentire, se possibile, ancora di più il calore della mia famiglia. Immagino che come me sarete tutti indaffarati nei preparativi in vista delle festività, ma non potevo non scrivere questo post per farvi i miei più affettuosi auguri. Lo faccio porgendovi idealmente un vassoio di questi favolosi biscotti degli ussari o Husarenkrapferln. Ho provato a cercare informazioni sull’origine del nome alquanto singolare di questi biscotti, ma anche sfruttando le mie conoscenze in fatto di lingue straniere, non sono riuscita poi a trovare granché. Tutto quello che vi posso dire è che sono dei dolcetti di pasta frolla alle nocciole di origine tedesca, che vengono preparati nel periodo dell’avvento. Hanno la caratteristica di avere un avallamento centrale che viene riempito di confettura, principalmente di frutti rossi o di albicocca.

Sono perfetti per essere regalati, dato che se opportunamente conservati in una scatola di latta, si mantengono per circa due/tre settimane. Per una buona riuscita è fondamentale utilizzare una confettura senza pezzi di frutta all’interno, in modo da riuscire a farcirli agevolmente. Io preferisco farlo prima di infornarli, per non correre rischi che i fori si chiudano in cottura. Da gustare per una merenda golosa o per accompagnare una calda tazza di tè, servendoli su di una bella alzatina oppure su di un vassoio vintage come quello che vedete in foto.

Biscotti degli ussari

Ingredienti per circa 30 pezzi:
150 g di farina 00
50 g di nocciole tritate finemente
75 g di burro
75 g di zucchero semolato
1 cucchiaino di zucchero vanigliato
1 pizzico di cannella
1 uovo
1/4 cucchiaino di lievito in polvere per dolci
1 pizzico di sale

inoltre:
confettura di frutti rossi o albicocca per farcire
zucchero a velo per spolverare

Nella planetaria con il gancio a foglia (o in alternativa nel mixer utilizzando le lame metalliche e procedendo ad impulsi) lavora il burro ammorbidito insieme ai due tipi di zucchero, alla cannella e al sale. Aggiungi l’uovo, il lievito, la farina, le nocciole finemente tritate e impasta fino ad ottenere una pasta omogenea. Forma la classica palla, avvolgila nella pellicola per alimenti e fai riposare per 1 ora.

Trascorso questo tempo preleva delle piccole porzioni di pasta e forma dei piccoli salsicciotti, che taglierai a tocchetti di 3 cm. Con ciascuno di essi forma tante palline che disporrai, opportunamente distanziate, su di una teglia ricoperta di carta da forno. Con il manico di un cucchiaio di legno pratica al centro di ciascuna pallina una fossetta. Fai scaldare la confettura prescelta, se necessario passala al setaccio, quindi aiutandoti con un cucchiaino farcisci ciascun biscotto. Fai cuocere nel forno già caldo a 180° per circa 15 minuti. Sfornali e, mentre saranno ancora caldi, spolverali con dello zucchero a velo. Una volta che saranno freddi, conservali all’interno di scatole di latta, si manterranno per circa 2/3 settimane.

11 Comments

22 novembre 2012

Biscotti alle castagne uvetta e cioccolato

Biscotti alle castagne uvetta e cioccolato

Dopo i fantomatici “gnocchi lilla”, come li ha definiti qualcuno in rete, è giunto il momento di passare a qualcosa di dolce e quindi oggi andiamo di biscotti. Era un po’ che non li preparavo devo dire, l’ultima ricetta risale infatti a molto prima dell’estate, e così, complice una domenica pomeriggio fredda e umida, di quelle che ti invogliano a stare rinchiusa in casa, preferibilmente sul divano con plaid d’ordinanza e magari una cremosa cioccolata in tazza, mi sono messa all’opera per riempire il mio adorato vaso di vetro dei biscotti.

Li volevo particolarmente ricchi (la cosa vi dovrebbe fare un po’ preoccupare, perché se mi conoscete bene sapete cosa intendo), quindi ho optato per un mix di farina di castagne e cacao amaro (il mio è quello mitico di Guido Gobino), al quale ho aggiunto uvettacioccolato in pezzi, che in cottura si scioglierà solo parzialmente, diventando al contempo fondente e croccante. Si tratta di biscotti che per forma, tondeggiante e schiacciata, e per modalità di preparazione ricordano vagamente i chocolate chip chookies, ma in chiave dark e rustica. Si preparano quindi in maniera molto facile adagiando con un cucchiaio una piccola porzione di impasto direttamente sulla teglia, non prima di aver rispettato almeno 30 minuti in frigorifero in modo che esso assuma una consistenza adeguata.

Il risultato? Dei biscotti fragranti, lussuriosi, e davvero piacevoli con quei bordi appena caramellati, perfetti da servire agli amici per un caffé pomeridiano o da gustare a colazione insieme ad un bicchiere di latte. Inoltre si conservano anche a lungo, i miei si sono mantenuti per circa due settimane. Si prestano a numerose varianti, ad esempio potete sostituire l’uvetta con mirtilli rossi disidratati oppure con frutta secca a vostra scelta, io in questo caso ci vedrei molto bene delle noci ad esempio.

Biscotti alle castagne uvetta e cioccolato

Ingredienti per circa 30 biscotti:
100 g di farina di castagne
30 g di farina 00 (io ho usato Petra5)
30 g di cacao amaro in polvere
1 cucchiaino di bicarbonato
150 g di burro morbido
125 g di zucchero a velo
80 g di zucchero di canna
1 uovo grande
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
170 g di cioccolato fondente al 70%
125 g di uvetta
1 pizzico di sale

In una ciotola setaccia le due farine, il cacao, il bicarbonato e il sale. Mescola il tutto per amalgamare. In una seconda ciotola con le fruste elettriche lavora il burro insieme allo zucchero a velo e allo zucchero di canna fino ad ottenere un composto cremoso. Aggiungi l’uovo e l’estratto di vaniglia, sempre lavorando il composto con le fruste elettriche. Unisci il contenuto della ciotola con la farina e mescola il tutto con una spatola fino ad ottenere un composto omogeneo. Aggiungi il cioccolato grossolanamente tritato e l’uvetta e mescola per amalgamare. Fai raffreddare il composto, coperto da pellicola per alimenti, in frigorifero per 30 minuti.

Trascorso questo tempo, aiutandoti con un cucchiaio, preleva delle piccole porzioni di impasto e, cercando di dargli il più possibile una forma regolare, disponile su una teglia rivestita di carta da forno, avendo cura di lasciare di 8 cm tra un biscotto e l’altro perché in cottura si abbasseranno e cresceranno quindi in larghezza. Fai cuocere nel forno già caldo a 180° per circa 10-13 minuti (consiglio di infornare prima pochi biscotti per trovare il tempo di cottura che si adatti al tuo forno). Fai indurire per qualche minuto i biscotti (appena sfornati saranno molto teneri), quindi delicatamente falli raffreddare su di una griglia per dolci. Questi biscotti si conservano per diversi giorni se opportunamente conservati all’interno di una scatola a chiusura ermetica.

25 Comments

Page 1 of 1512345...10...Last »