Categoria - Press

30 maggio 2013

Di un cucchiaio (d’argento), app per iPhone e ricette

Il Cucchiaio d'Argento | La nuova app

Alzi la mano chi, come la sottoscritta, non può fare a meno di vivere in una sorta di stato amorevole/simbiotico con il proprio smartphone. Tra foto, social network, e un quantitativo di “app” spropositato, ammetto che nelle poche occasioni in cui questo aggeggio infernale, come amo definirlo, non è a portata di dito mi sento alquanto smarrita.

Tra tutte le applicazioni possibili, più o meno utili, ve ne segnalo una che proprio non potete non avere, ovvero la nuova app per iPhone de Il Cucchiaio d’Argento.

Cosa contiene: ricette, davvero tante. 110 per Cucchiaio Free, che diventano ben 1.100 per Cucchiaio a pagamento (al prezzo irrisorio di 1,79 euro). Dalle più semplici, ma d’effetto, a quelle più elaborate.

Cosa mi piace: è intuitiva, fruibile, colorata, fresca e interattiva. Tutti i piatti sono corredati da una bellissima foto, spiegazioni dettagliate dei procedimenti, e sono catalogati in base alle diverse tipologie (portata, cottura, occasione) oppure in ordine alfabetico. Ma non solo, c’è la possibilità di pubblicarli in rete attraverso facebook e twitter, via mail, di completarli con le proprie annotazioni e, aspetto che mi ha fatto sollevare entrambi gli angoli della bocca, quella di stilare in maniera automatica una lista della spesa con le precise quantità degli ingredienti per ciascuna ricetta selezionata. Un elenco modificabile, che può essere spuntato così come si farebbe con quello cartaceo. C’è anche un timer per tenere sempre monitorati tempi e cotture. Se poi volete mettervi alla prova o avete voglia di confrontarvi, scambiarvi trucchi e consigli, potete condividere in tempo reale con i vostri amici i vostri piatti ben riusciti e i vostri esperimenti.

Cosa mi conquista definitivamente: è un’app dinamica, che si aggiorna nel tempo. Ogni settimana è prevista infatti una ricetta in regalo.

Inutile nasconderlo, ne vado molto orgogliosa perché, e lo dico scrivo con un velo di commozione, la sento un po’ mia. Ci trovate infatti anche una selezione delle ricette che ho cucinato e scritto in questi mesi proprio per il Cucchiaio.

Insomma, un valido aiuto da portare sempre con sé per non farsi mai trovare impreparati. Ospiti improvvisi? Zero idee su cosa cucinare per cena? Arriva a cena la suocera e volete fare bella figura? Questa è l’app che fa per voi.

10 Comments

11 settembre 2012

Confettura di prugne settembrine, cannella e limone e una novità.

Confettura di prugne settembrine, cannella e limone

E pensare che un tempo ero intimorita nel preparare conserve e marmellate. Troppi rischi, mi dicevo. Poi, a piccoli passi, ho scoperto questo interessante mondo e ora, quando mi trovo a disposizione una certa quantità di frutta matura, il pensiero immediatamente seguente a quello di utilizzarla per un dolce, scusate se è poco, è quello di farci una marmellata. Sempre. Oltre alla soddisfazione personale che si prova nel vedere in dispensa tutti quei bei barattoli colorati perfettamente allineati e nel poter fare colazione o merenda con qualcosa preparato con le propri mani, c’è poi tutto il divertimento che deriva dal fatto di scegliere l’etichetta, il tessuto per coprire il tappo e il nastro per fissarlo.

Quest’anno, a causa del grande caldo, le susine settembrine sono maturate in anticipo. Non che la cosa mi dispiaccia, ovviamente. Sono la mia varietà preferita per preparare la confettura, perché dolci, profumate e succose. Quando ho visto che mia nonna iniziava a raccoglierle me le sono fatte tenere subito da parte per racchiuderle in qualche vasetto in modo da poterle consumare anche una volta che non sarebbero state più di stagione.

La tradizione a casa mia vuole che questa confettura si faccia cuocere per molte ore con la scorza di tanto limone e, molto spesso, diventa poi il ripieno delle tipiche raviole che si preparano in famiglia. Il risultato è davvero buonissimo, io ogni volta che ne apro un vaso me la mangerei a cucchiaiate, però come sapete sono per le cotture più brevi che rispettino maggiormente il sapore della frutta e ne preservino il suo magnifico colore. Ecco quindi la mia versione al limone e alla cannella. Come è mia abitudine ho frullato una buona metà della confettura stessa per ottenere una texture più vellutata, nella quale però permangono ugualmente una buona parte di pezzettoni. Provatela spalmata su una fetta di pane insieme a un buon burro e ditemi se non ne è valsa la pena di farla.

Confettura di prugne settembrine, cannella e limone

Confettura di prugne settembrine, cannella e limone

Ingredienti:
1 kg di susine settembrine (denocciolate)
500 g di zucchero semolato
1 stecca di cannella
1 bicchiere d’acqua
la scorza di 1 limone bio

In una casseruola capiente mettete le prugne, lavate, asciugate e private del nocciolo, lo zucchero semolato, la stecca di cannella, la scorza di limone (potete prelevarla con l’aiuto di un pelapatate evitando l’albedo) e l’acqua. Portate a bollore a fiamma moderata, mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno ed eliminando la schiuma con un mestolo forato. Quando la polpa dei frutti si sarà un po’ disfatta, frullate il tutto con il frullatore ad immersione per ottenere una consistenza più vellutata. Fate cuocere fino a quando lasciando cadere un po’ di confettura su di un piattino freddo, dopo averlo inclinato, essa non scivolerà via velocemente, il che significa che è pronta. In caso contrario proseguite la cottura per qualche minuto e rieffettuate la prova.

Eliminate la stecca di cannella aiutandovi un cucchiaio di legno, quindi con un mestolo versate laconfettura bollente all’interno dei vasi sterilizzati e asciutti (senza prenderli in mano perché sono ustionanti), pulite bene con un panno pulito i bordi dei barattoli, quindi chiudete e capovolgeteli fino al giorno seguente.

Confettura di prugne settembrine, cannella e limone

E ora veniamo alla novità. Finalmente posso darvi l’annuncio: da qualche mese collaboro, per la parte ricette e foto, con la rivista Dolci Tentazioni, un mensile nuovo e giovane dedicato interamente alla pasticceria e alla creatività con ricette semplici, veloci e moltissime rubriche interessanti. Il numero di settembre esce in edicola proprio oggi e ci trovate, per iniziare, due mie ricette inedite a tema biscotti.

Dolci Tentazioni

Dolci Tentazioni

Dolci Tentazioni

Insomma se vi va di seguirmi mi trovate anche lì ;)

44 Comments

3 luglio 2012

Torta con pomodori ciliegini e tapenade

Torta con pomodori ciliegini e tapenade

Certo che trovarsi a scrivere di cibo quando proprio non si ha appetito non è mica facile eh. Per non parlare di cucinare. Per me è infatti impossibile pensare ad una nuova ricetta senza provare il bruciante desiderio di mangiarla. E’ quello che mi è successo negli ultimi tempi, non per chissà quali motivi, nessuna stanchezza verso questo blog e tutto quello che comporta ci tengo a sottolinearlo chiaramente (anzi qui la passione come un fiume in piena non fa che aumentare), ma è che semplicemente questo caldo mi ha tolto ogni forza. Come immagino sarà successo anche a voi del resto.

Nonostante tutto, dopo un po’ di lontananza dai fornelli la nostalgia ha iniziato a farsi sentire in tutta la sua intensità, ecco che quindi domenica scorsa ho pensato bene di sfidare l’anticiclone Caronte cucinando a tutto spiano e sopportando temperature a dir poco infernali (eh sì perché ho avuto la brillante idea di accendere il forno). Il risultato? Come sempre mi sono divertita come una matta, ma anche rilassata, perché tutto questo per me ha sempre un che di liberatorio e, come ho scritto già in diverse occasioni, ha il potere di rimettermi in pace con il mondo.

Per farla breve, uno dei piatti che ho cucinato è stata proprio questa torta, per la quale mi sono ispirata ad una ricetta di Cristophe Felder soprattutto per l’accostamento dei sapori, modificandola poi a mio piacimento. Tapenade e pomodori ciliegini infatti, oltre ad essere un accostamento perfetto sotto ogni profilo, mi fanno subito pensare all’estate, alle cene in giardino con gli amici di sempre, magari al crepuscolo e con una piacevole brezza ad accompagnare il tutto (ok non è esattamente quello a cui possiamo aspirare ora con questa canicola, almeno non qui nella torrida provincia di Bologna, ma sognare è gratis, no?).

Ancora una volta si tratta di una ricetta ultra rapida e davvero alla portata di tutti, che a fronte di un tempo di preparazione davvero irrisorio, sorprenderà piacevolmente i vostri commensali (i miei se la sono divorata in pochi istanti tra un complimento e l’altro, un vero balsamo per l’anima ecco). Tra l’altro, e poi la smetto, salvatevi la ricetta della tapenade perché vi potrà tornare utile per farci dei crostini, farcire torte salate o creare ad esempio delle piccole girelle di pasta di pane donando un tocco di Provenza ai vostri piatti.

Torta con pomodori ciliegini e tapenade

Ingredienti per uno stampo da crostata da 30 cm di diametro:
280 g di pasta sfoglia
700 g di pomodori ciliegini maturi e con il picciolo
sale, pepe

per la tapenade:
200 g di olive nere denocciolate
2 cucchiaini di capperi sotto sale
3 filetti di acciuga
1/4 di spicchio d’aglio
olio extravergine di oliva

Per la tapenade: nel vaso del mixer mettete le olive, i capperi che avrete precedentemente dissalato lavandoli sotto l’acqua corrente, i filetti di acciuga e l’aglio. Azionate l’apparecchio e frullate aggiungendo olio extravergine di oliva fino ad ottenere una crema che conserverete in frigorifero per l’intera durata della ricetta.

Preriscaldate il forno a 180°. Stendete la pasta sfoglia in un disco dello spessore di circa 3-4 mm e disponetela all’intero di uno stampo da crostata da 30 cm di diametro rivestito di carta da forno. Bucherellate il fondo con i rebbi di una forchetta e, aiutandovi con un cucchiaio, distribuitevi sopra la tapenade in uno strato spesso. Disponetevi sopra i pomodori ciliegini, lavati e asciugati, interi. Salate, pepate e irrorate con olio extravergine di oliva. Fate cuocere nel forno a 180° per circa 40 minuti, o comunque fino a doratura della pasta.

______________

Prima di salutarvi però, ci tenevo a rendervi partecipe di qualche piccola novità che ultimamente mi ha donato tanta soddisfazione:

  • mercoledì 27 giugno sono stata ospite del programma “Vero Cucina” sul nuovo nato Vero Tv (canale 137 del digitale terrestre), condotto in quell’occasione da Laura Freddi. E’ stata un’esperienza divertente, fa sempre un certo effetto trovarsi in uno studio televisivo, specie se la trasmissione è in diretta e, come me, siete molto timidi e un po’ impacciati ;)

Studio Vero Tv

  • si parla di me e di Fiordifrolla (trovate infatti due mie ricette) nel bellissimo libro “Fornelli in rete” curato da Francesca Martinengo e edito da Malvarosa Edizioni. Si tratta di una piccola guida per orientarsi nei meandri delle cucine più frequentate del web, con oltre 50 food blog recensiti:

FornelliInRete_Copertina

  • ho scritto 3 ricette (alcune inedite), con altrettanti prodotti tipici della mia regione, l’Emilia Romagna, per il libro “I buoni sapori d’Italia – Viaggio nelle accademie del gusto” edito da Trenta Editore e curato da Anna Maria Simonini:

Immagine

23 Comments

Page 1 of 41234