martedì 19 aprile 2011

Cibus tour e Cibo in strada show

norcino

Come vi accennavo nello scorso post, sono stata per la prima volta al Cibus Tour, fiera che si è svolta a Parma dal 15 al 17 aprile. Ed è stato proprio qui, all’interno di uno spazio organizzato dalla Fipe (Federazione Italiana Pubblici Esercizi) che, grazie aSandra e a Francesca Martinengo, sono stata invitata a partecipare all’evento Risto Tour – La ristorazione e le vie del gusto ai tempi del web, nel quale si sono susseguiti una serie di show cooking, degustazioni e tavole rotonde attorno a questa interessante tematica, che hanno visto come attori principali chef, produttori, foodblogger e un folto pubblico di consumatori. In pratica si trattava di dover interagire e raccontare, con tanto di microfono eh (se sapete quanto sono timida immaginerete il mio imbarazzo), con le proprie parole e di rendere maggiormente comprensibile le ricette che lo chef di turno stava preparando il quel momento.

Il mio intervento è stato un po’ diverso da quello delle altre devo dire, nel senso che non ho assistito alla preparazione di una vera e propria ricetta, ma mi sono piuttosto trovata a raccontare e presentare una tradizione fortemente radicata in Italia, quella dello street food, che trova tra le sue rappresentazioni più interessanti nella manifestazione “Cibo in strada show”, che si svolge ogni anno nel comune di San Giovanni Valdarno. Evento che ci è stato spiegato in maniera molto chiara dai suoi organizzatori, Franco Marinoni (direttore della Confcommercio Arezzo) e dal sindaco di San Giovanni in Valdarno, con i quali ho avuto il piacere di interagire sul palco creato per l’occasione.

sindacopresidente

Quella dello street food è una pratica che ha antiche radici nella storia del nostro paese, basti pensare alle tabernae romane o alle strade dei borghi medioevali nelle quali si svolgeva gran parte della vita sociale. Tra scambi commerciali, rapporti interpersonali e momenti di vita, era proprio qui che molto spesso veniva consumato il cibo in modalità che possono ricordare un’antica versione del moderno take away. E Cibo in strada show è una manifestazione che si prefigge di far riscoprire e di dare maggiore risalto ai cibi della tradizione, come il classico panino con la porchetta o quello con il lampredotto ad esempio, per preservare il territorio e la sua storia. Un interessante incontro tra cibo ecultura insomma, nel quale il fast food è il protagonista, come cibo da consumare velocemente, ma da preparare con la dovuta lentezza, rispettando quindi i giusti tempi e prestando grande attenzione alla qualità delle materie prime utilizzate. Pratiche che sono sinonimo di amore e rispetto verso non solo ciò che si sta cucinando, ma anche nei confronti del territorio.

Ed è all’interno di questa cornice che mi sono trovata sul palco insieme ad un norcino (il Sig. Lapini dell’Antica Norcineria di Cavriglia, Arezzo) e ad un fornaio (il Sig. Canu, proprietario di uno dei forni più vecchi di San Giovanni in Valdarno), i quali si sono fatti portavoce di tanti altri produttori i quali, come loro, prendono parte a questa manifestazione, trasmettendo passione e grande cura per il proprio lavoro e per i propri prodotti, e preparando in diretta panini con le salsicce di cinta senese cotte al momento e la tipica “briciolona” insieme all’ottimo pane sciocco tipico toscano, realizzato con lievito naturale e farine pregiate. Impossibile non restare immediatamente rapiti dai profumi che si sprigionavano nell’aria in quel momento, da quello delle salsicce in padella, a quello del pane leggermente tostato che esaltava il sapore della finocchiona. Verso la fine non ho resistito, ho appoggiato il microfono e, come si poteva immaginare, mi sono messa ad aiutare i miei compagni di viaggio nella preparazione dei piatti per la degustazione.

briciolona

paneok

Collagesalumi

Per saperne di più vi invito a leggere questo articolo dell’Ascom di Arezzo.

Articoli correlati:

Stampa questo post Stampa questo post
Condividi su:

15 comments

1 Cibus tour e Cibo in strada show | CookingPlanet 19 aprile 2011 alle 04:53

[...] Cibus tour e Cibo in strada show [...]

2 Sandra 19 aprile 2011 alle 07:21

Bellissima esperienza vero? E tu sei stata molto brava Sara, sembrava così naturale il tuo chiacchierare al microfono! Un abbraccio

3 kitty's kitchen 19 aprile 2011 alle 07:56

Brava Sara, Brava Sandra e tutti :)
Mi piace fast food ma da preparare con la dovuta lentezza. Approvo

4 sonia 19 aprile 2011 alle 08:20

io ho pubblicato solo ora, sei troppo più mattiniera di me :)
Mi piace moltissimo la foto di apertura, il signor Lapini (è lui giusto?) è stato fantastico sul palco!
un abbraccio a presto
sonia

5 Ady 19 aprile 2011 alle 08:45

Bellissimo reportage Sara, te lo ridico anche qui, peccato non essersi incontrate :(
Baci

6 Stefy 19 aprile 2011 alle 08:53

Dalle foto e dai racconti sono certa che sia stata una fantastica esperienza…..baci stefy

7 Juls @ Juls' Kitchen 19 aprile 2011 alle 08:57

Sara chew peccato che sei scappata proprio prima che io arrivassi! mi sa che il tuo intervento è stato divertentissimo! :) un abbraccio

8 elenuccia 19 aprile 2011 alle 08:58

Ma come hai fatto a resistere sul palco con tutte queste cose prelibate intorno? mamma mia che tentazione ;)

9 Valeria 19 aprile 2011 alle 09:21

ciao. sono stata anche io al Cibus Tour, molto interessate.

10 Francesca 19 aprile 2011 alle 16:18

Deve essere stata una bellissima esperienza, complimenti anche per averci raccontato di questa manifestazione molto coinvolgente :)

11 Sara@fiordifrolla 19 aprile 2011 alle 20:03

@ Sandra: è stata un’esperienza davvero molto bella, che valeva senza dubbio la pena di essere vissuta. Io all’inizio ero un po’ spaventata, poi salita sul palco ho cercato di fare del mio meglio per essere meno timida possibile :)
Un abbraccio tesoro e grazie di tutto.

@ Kitty’s kitchen: approvo anch’io il tuo pensiero Elisa, grazie :)

@ Sonia: non è che sono più mattiniera, è che ho scritto il post ieri sera e poi mi sono avvalsa della programmazione automatica per le 5 del mattino ;) Confermo la grande simpatia ed il grande carisma del norcino che era con me sul palco. E’ stato bello poterti finalmente conoscere di persona, un abbraccio!

@ Ady: già un vero peccato, ultimamente non ci troviamo sempre per un soffio, ma sono certa che molto presto avremo una nuova occasione, no? :) Un bacio.

12 Sara@fiordifrolla 19 aprile 2011 alle 20:06

@ Stefy: lo è stata davvero, te lo confermo, ed è stata anche una grande opportunità di crescita :)

@ Juls: già, speravo di riuscire ad incontrarti prima della mia partenza, peccato! Che dici, riusciamo a rifarci prima o poi? ;) Un bacione.

@ Elenuccia: in realtà ho anche mangiato, impossibile resistere al profumo che si sentiva sul palco! :D

@ Valeria: concordo!

@ Francesca: sì, mi sono molto divertita ed ho anche appreso molte nuove cose, insomma sono molto più che soddisfatta di questa collaborazione :)

13 Simo_81 19 aprile 2011 alle 20:28

Non conoscevo Cibo in strada show, grazie per avercene parlato (vorrei tanto andare a San Giovanni Valdarno a maggio) e per aver condiviso questo racconto noi. Un bacio,

Simo.

14 Daria 20 aprile 2011 alle 16:09

Che bella l’idea di valorizzare lo street food, e le tue foto così invitanti non fanno altro che sottolineare la bontà di questi prodotti.Oddio, come si fa a resistere a una bella fetta di quel pane con sopra la finocchiona??!!

15 Sara@fiordifrolla 21 aprile 2011 alle 21:40

@ Daria: infatti io non ho resistito e me la sono proprio gustata! L’idea è davvero lodevole, concordo, mi auguro che questa manifestazione permetta di conservare le nostre tradizioni nel tempo perché sono un enorme patrimonio che abbiamo :)

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.