venerdì 25 luglio 2008

Coppette di Parmigiano con Pomodorini e Prosciutto Crudo

cestini2

Oggi vi presento un antipasto ideato ancora una volta prendendo spunto da un piatto assaggiato al ristorante: le coppette di parmigiano con crudo e pomodorini ciliegia.

Io vi riporto la dose per due persone, però se come me, non siete proprio esperti nella loro preparazione, vi consiglio per le prime volte di aumentare la dose considerando una persona in più. In questo modo avrete sempre una coppetta di riserva nel caso che la prima non vi riuscisse nel modo desiderato!

Queste cialdine si prestano ad una miriade di ripieni, io ne ho scelto uno piuttosto rinfrescante, data la calura di questi giorni, ma potete riempirle con del risotto ad esempio. Si tratta di un antipasto dal grande effetto scenico che stupirà piacevolmente i vostri commensali.

Ingredienti per 2 persone:
80 g di parmigiano grattugiato (quindi 40 g a persona)
Olio extravergine di oliva q.b.
Pomodorini ciliegia
Basilico fresco
2 fette di prosciutto crudo
Sale e pepe q.b.

Per prima cosa realizzate le coppette, quindi ungete una padellina antiaderente con un filo di olio extravergine di oliva, spargetelo bene utilizzando della carta assorbente. Quando la padella sarà sufficientemente calda versatevi a pioggia il parmigiano grattugiato distribuendolo nella maniera più uniforme possibile e coprite i vari buchi che potreste aver lasciato. Fatelo dorare a fuoco moderato equando, fondendosi, avrà preso la forma di una crespella, sollevatelo con una paletta. Mettetelo sul fondo di un bicchiere o di una coppetta capovolti e modellatelo coprendolo con della carta da forno (in questo modo non vi scotterete le dita!). Togliete la carta e fate raffreddare. Ripetete il tutto per la seconda coppetta.

Ora lavate ed asciugate i pomodorini, tagliateli in quarti e metteteli all’interno di una ciotolina. Aggiungetevi il basilico già pulito e spezzettato con le mani, regolate di sale e pepe (non salate troppo perché i cestini di parmigiano ed il prosciutto sono già abbastanza saporiti di natura). Lasciate riposare il tutto per dare modo agli ingredienti di insaporirsi bene.

Montaggio: prendete le coppette di parmigiano, adagiatevi la fetta di prosciutto crudo facendo in modo che una buona metà esca dai bordi, aggiungetevi il composto di pomodorini e basilico, copritecon l’altra metà di prosciutto ed irrorate il tutto con del buon olio extravergine di oliva. Servite immediatamente decorando con una fogliolina di basilico.

Note: mi raccomando riempite le coppette di parmigiano solo all’ultimo momento, altrimenti rischiereste di ammorbidirle troppo e perderebbero la loro consistenza!

Articoli correlati:

Stampa questo post Stampa questo post
Condividi su:

14 comments

1 cri 27 agosto 2010 alle 16:29

ciao senti ma non è che poi mangiando si rompono e il ripieno si sparpaglia in ogni dove sul tavolo???-

2 Sara@fiordifrolla 30 agosto 2010 alle 09:34

@ cri: le coppette piene reggono abbastanza bene direi, in ogni caso per mangiarle vanno tagliate con il coltello e in questo modo parte del ripieno potrebbe fuoriuscire, che poi è una cosa inevitabile se si vogliono assaggiare coppetta e ripieno insieme :) Vanno sempre e comunque servite su un piatto, in questo modo nulla si sparpaglierà sul tavolo.

3 Laura 31 agosto 2010 alle 15:02

Ciao! sono di nuovo Laura,sto gironzolando tra le tue fantastiche ricette per organizzare un pranzo di compleanno e mi hanno colpito (oltre alla parmigiana di zucchine) anche queste coppette per le quali volevo chiederti se posso prepararle (ovviamente senza riempirle) per questioni di tempo la sera prima senza rischiare che si “ammoscino”. Per quegli invitanti spiedini di vitello ai carciofi invece la domanda é se ti ricordi con 10 fettine di vitello quanti spiedini si preparano. Siamo 8 persone e dopo due antipasti ed un primo non credo che mangeremo più di uno spiedino a testa, ma non vorrei nemmeno che mancassero per un eventuale bis ;o) Attendo i tuoi suggerimenti e ancora grazie mille per la tua disponibilità!
Laura

4 Sara@fiordifrolla 1 settembre 2010 alle 08:58

@ Laura: ciao Laura!
Rispondo subito alle tue domande:

1. no, non puoi prepararle il giorno prima le coppette, altrimenti si ammosciano e perdono di fragranza. Purtroppo sono quelle che cose che io preferisco sempre preparare quasi espresse ecco :)

2. la dose che ho indicato per gli spiedini è volutamente ad occhio perché dipende prima di tutto dalla grandezza del taglio di carne che scegli o che ti da il macellaio. Se sono lunghe e abbastanza larghe ottieni di solito 3 rotolini per fetta, quindi circa 1 spiedino. Quindi in questo modo arriveresti a coprire perfettamente 1 spiedino a testa per 8 persone. Io ti consiglio di farti tagliare le fette di carne con l’affettatrice e di chiederle sottili, quel tanto che basta a non rompere la carne. Se vedi che le fette non sono proprio grandi, magari stai un po’ abbondante, puoi sempre congelare la carne che non usi per usi futuri :)

Spero di aver risposto in maniera esauriente alle tue domande, se hai bisogno sono qua :))

5 Laura 1 settembre 2010 alle 09:58

Ciao! grazie per le tue risposte sei stata molto gentile ed esauriente, ti farò sapere com’é andato il pranzo! :o)
buona giornata, Laura

6 Sara@fiordifrolla 1 settembre 2010 alle 11:40

@ Laura: figurati, è un piacere per me :) Attendo tue notizie!

7 Laura 7 settembre 2010 alle 13:23

eccomi!
il pranzo, merito anche delle tue ricette e consigli é stato un successone!! :o) mi sono un pò impazzita con la preparazione dei cestini prima di azzeccare la giusta cottura e il momento giusto per metterli in forma sulla tazza,(ma ne ho rovinato solo uno ;o), e alla fine ne é valsa la pena, sia per la presentazione che per il gusto, davvero stuzzicanti!! ottimo il cake alle melanzane e feta e anche gli spiedini sono stati un grande successo, ho solo modificato in parte la cottura, ovvero inzialmente sulla pietra ollare e poi nel forno a legna dove si sono cotti restando morbidi e con un buonissimo sapore di legna! davvero ottimo l’abbinamento spezie e carciofino ;P scusa il lungo post ma ci tenevo a farti sapere che tutta la famiglia ha mangiato di gusto!!
ancora grazie e alla prossime ricette! :o)
un bacio, Laura

8 Sara@fiordifrolla 8 settembre 2010 alle 14:09

@ Laura: finalmente riesco a venire a leggere il tuo resoconto, scusa se ci ho messo un po’ a risponderti, ma sono delle giornate di fuoco quelle appena trascorse :)
Wow, sono contentissima che il pranzo sia andato così bene! Immaginavo che comporre le coppette per la prima volta sarebbe stato un po’ complicato, ma una volta imparato il metodo vedrai che andrà sempre meglio. Comunque sei stata bravissima, perché rovinarne una sola non è da tutti! Approvo in pieno come hai cotto gli spiedini, sono certa che saranno rimasti belli morbidi anche all’interno in questo modo :) Secondo me carciofo e vitello è un abbinamento favoloso, in stagione in fatti vorrei preparare un arrotolato di vitello ripieno di carciofi ;)
Grazie mille per il tuo entusiasmo, per avermi raccontato così dettagliatamente il risultato del tuo pranzo, mi ha fatto moltissimo piacere leggerlo!
Un bacione, a presto :)

9 mauro visentini 25 dicembre 2010 alle 18:18

cara Sara, da non molto ho appreso una tecnica per semplificare la realizzazione delle coppette di grana, vorrei farne partecipi i suoi seguaci:
- preparare un piattino da dessert coperto con un foglietto di carta forno;
- preparare un secondo foglietto uguale, sempre su un piattino
- preparare un terzo foglietto come i primi, stavolta senza piattino;
- distribuire uno strato di Grana Padano grattugiato sui foglietti nei piatti, non alto, ben distribuito a coprire uniformemente una superficie pari al piatto
- introdurre la preparazione nel forno a microonde alla potenza massima (600-700 w)
e poi provare prima con 45 secondi, poi aumentando i tempi fino a rendere il formaggio un disco dorato e bollente.
-toglier dal microonde, sollevale la carta dal piattino e poggiarla su di un bicchiere largo e basso
- con il terzo foglietto di carta da forno fare prendere al formaggio la giusta piega per realizzare il cestello
- nel frattempo si sarà introdotto nel forno il secondo piattino, col quale realizzare subito il secondo cestino e così via.
Alcuni giovani aiutanti, che ho avuto al ristorante, riuscivano a farne 60 l’ora quando avevamo banchetti di nozze, poiché l’unica difficoltà si incontra nella primissima preparazione, quando non si conosca quanto tempo occorra al nostro forno per arrivare alla giusta fusione del formaggio
A risentirci e ancora auguroni

10 Sara@fiordifrolla 27 dicembre 2010 alle 20:55

@ Mauro Visentini: molto interessante, la prossima volta proverò senz’altro questa tecnica. Grazie per averla condivisa con me e con i lettori di Fiordifrolla :)

11 Cristina 18 aprile 2011 alle 08:44

Ciao Sara,
ho provato a fare questi cestini con la tecnica di Mauro e devo dire che è davvero molto semplice. Io ho utilizzato 40 gr di parmigiano a persona, mio marito, che è sempre molto critico, dice che andrebbero un pò più piccoli stile finger food. Domenica per il pranzo di Pasqua ci provo.
In ogni caso sono molto buoni, complimenti per la ricetta,e se poi hai altre idee da proporre per un ripieno diverso…Grazie per la ricetta sfiziosa!

12 Sara@fiordifrolla 18 aprile 2011 alle 22:04

@ Cristina: io la tecnica di Mauro non l’ho ancora provata, ma mi sembra come sempre validissima (lui è uno chef professionista) e la testerò quanto prima! Questi cestini si prestano anche ad essere dei contenitori per il risotto ad esempio, naturalmente devono essere riempiti all’ultimo momento o con il calore il formaggio si scioglierà :)

13 carlotta 24 maggio 2011 alle 18:07

Ciao sara, è la prima volta che visito il tuo blog, complimenti! vorrei suggerirti un modo alternativo di utilizzo delle coppette di parmigiano, qui in puglia le ho mangiate spesso in ristoranti tipici riempite con orecchiette al pomodoro mantecate con ricotta marzotica e basilico (o rucola) oppure con capunti (è una pasta fresca), funghi cardoncelli, pomodorini e polpettine…insomma, si possono utilizzare in tanti modi appetitosi :)
Ciao!

14 Sara@fiordifrolla 25 maggio 2011 alle 22:16

@ Carlotta: benvenuta :) Grazie per il tuo prezioso contributo, direi che l’idea è molto carina, insomma mi piace! Certo, le coppette di parmigiano sono molto versatili e si prestano davvero a molteplici utilizzi :) Grazie e buona serata :)

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.