venerdì 15 maggio 2009

Crema fredda al Croccantino

cremafredda

Concludo la settimana con un dessert in coppa, una vera rarità in questo blog, dato che, come mi pare di avervi già detto, preferisco spudoratamente i dolci da forno. Inoltre siccome si tratta di una cremafredda ho pensato di fare cosa gradita per tutti coloro che vorranno provarla, viste le temperature estive che hanno caratterizzato questa ultima settimana.

Mi sono particolarmente divertita nel preparare questo dolce, in particolare per quanto riguarda la decorazione: un croccantino di mandorle a dir poco sublime, il cui profumo e sapore mi hanno per un attimo fatto tornare bambina riportandomi con la mente nelle fiere di paese dove si trovano quei banchetti che vendono dolciumi di ogni genere e foggia. Realizzarlo non è un’operazione molto difficile, ma richiede molta attenzione, perché come ogni volta che si prepara del caramello il rischio ustione è sempre in agguato. Pertanto quando lo preparate non vi sognate minimamente di toccarlo con le mani o di assaggiarlo se non una volta completamente raffreddato, non voglio nessuno sulla coscienza ecco. Una volta imparato a realizzarlo poi ci si può sbizzarrire con altri tipi di frutta secca, come noci o nocciole, per decorare i vostri dolci al cucchiaio creando nuovi accostamenti di sapori.

Nella ricetta originale la crema che compone questo dolce non era aromatizzata da alcunché, a mio avviso però in questo modo l’intero dessert perderebbe un po’ di carattere, quindi vi consiglio di aromatizzarla a vostro piacimento. Io ad esempio ho optato per la vaniglia, ma se il dolce non è destinato a bambini potete anche pensare di scegliere un liquore come marsala o Cointreau.

E’ un dolce molto delicato e invitante, grazie alla presenza del croccantino che crea un piacevolissimo contrasto di consistenze con la crema. Si rende perfetto se accompagnato con un bicchiere di un buon passito di Pantelleria.

cremafredda2

CREMA FREDDA AL CROCCANTINO
(tratto da “Dolci” – Idea Libri)

Ingredienti per 4 persone:

per la crema:
½ l di latte
4 tuorli
80 g di zucchero semolato
30 g di farina 00
1 cucchiaio di fecola
1 bacca di vaniglia

per il croccantino alle mandorle:
120 g di zucchero semolato
4 cucchiai di acqua
120 g di mandorle intere

Per il croccantino: disponete le mandorle su di una leccarda, rivestita di carta da forno, in modo che non siano sovrapposte e fatele tostare per circa 5 minuti a 200°. Dovranno apparire dorate. In una casseruola di acciaio versate lo zucchero semolato insieme all’acqua e fate caramellare (non mescolateli mi raccomando, l’acqua si asciugherà e lo zucchero si cristallizzerà per poi fondersi da solo). Quando otterrete un composto ambrato, spegnete il fuoco, aggiungete le mandorle tostate e mescolate molto velocemente con un cucchiaio di legno, in modo che la loro superficie sia completamente ricoperta. Trasferite il tutto su di un foglio di carta da forno e livellate servendovi di una spatola. Lasciate raffreddare e indurire.

Preparate adesso la crema: portate il latte ad ebollizione in un piccolo tegame insieme alla bacca di vaniglia che avrete inciso per il lungo con la punta di un coltello. Nel frattempo in una casseruola sbattete con una frusta i tuorli insieme allo zucchero semolato, incorporate la farina setacciata e la fecola, amalgamandole, quindi versate a filo il latte bollente (al quale avrete tolto la bacca di vaniglia) continuando a mescolare.

Trasferite il tutto sul fuoco e fate addensare sempre mescolando continuamente. Quando noterete che la crema prenderà un leggero bollore, toglietela dal fuoco e trasferitela in un altro recipiente lasciandola intiepidire. Rimestatela di tanto in tanto per evitare la formazione della patina superficiale. Quando sarà a temperatura ambiente versatela in 4 coppette individuali, livellandola bene, e ponete (coperte) in frigo a raffreddare. Su di un tagliere tritate il croccantino in maniera grossolana servendovi di un coltello da cucina e un minuto prima di servire disponetelo sulla superficie della cremaper decorazione.

Colgo l’occasione per segnalare a tutti coloro che sono interessati che dal 14 al 24 Maggio si terrà laSagra dell’Asparago Verde di Altedo Igp, località Altedo di Malalbergo in provincia di Bologna. Per maggiori informazioni vi invito a visitare il sito del Consorzio di Tutela, il programma con tutti i dettagli lo trovate qui.

Articoli correlati:

Stampa questo post Stampa questo post
Condividi su:

2 comments

1 CLAUDIA 1 maggio 2011 alle 15:34

COMPLIMENTI,VERAMENTE DELIZIOSA PENSO CHE LA PROPORRO’ DOMENICA PER LA FESTA DELLA MAMMA DURANTE LA GARA DI TORTE ALL’ORATORIO . SAREI LIETA DI RICEVERE QUALSIASI RICETTA GRAzie

2 Sara@fiordifrolla 1 maggio 2011 alle 20:00

@ Claudia: ti ringrazio, è un dolce che con l’arrivo della stagione calda propongo molto spesso perché fresco, goloso e di facile preparazione :)

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.