lunedì 22 marzo 2010

Crescente al rosmarino

Bocconcini di crescente al rosmarino
Vi ricordate della crescente? Forse i miei lettori più fedeli, e che mi seguono da più tempo, sapranno a cosa mi riferisco, a tutti gli altri consiglio invece di leggere questo mio post nel quale troverete qualche notizia in più su questa favolosa focaccia tipica bolognese. Dovete sapere che è una delle ricette che faccio più spesso, non solo perché è sempre un gran piacere mangiarla, ma anche perché è molto pratica, visto che è possibile congelarla già porzionata e riscaldarla brevemente al microonde per farla tornare come nuova. Proprio per questo ne conservo sempre un sacchetto nel freezer, che riservo alle grandi emergenze, come quando, ad esempio, ho finito ogni scorta di pane o per un aperitivo improvvisato con gli amici.
Qualche giorno fa dovevo per l’appunto riprepararla, avevo già anche predisposto tutti gli ingredienti a dire il vero, se non fosse che poi al lato pratico ero convintissima di aver conservato un bel gambuccio(la parte terminale del prosciutto) riservato allo scopo, che però alla fine non ho trovato (che l’abbia fatto fuori l’ultima volta che ho fatto il ragù al prosciutto? Probabile…). Ma siccome ormai avevo stabilito che in quel momento crescente doveva essere per forza (eh sì sono un’incurabile testarda ahimé), ho optato per una sua variante, ovvero quella al rosmarino e in formato finger food.
La ricetta proviene sempre dal mitico libro “Pane e roba dolce” delle sorelle Simili, edito da Avallardi, e devo dire che è stata una piacevolissima scoperta. Ho sfornato infatti dei fragranti e profumati bocconcini al rosmarino, ideali per arricchire il cesto del pane, ma anche per un aperitivo o semplicemente per uno spuntino pomeridiano, ancor meglio se accompagnati da un tagliere rustico di salumi e formaggi. Prima di passare alla ricetta permettetemi un solo consiglio, quello di non farli cuocere troppo, io li preferisco con una leggera doratura perché risultano internamente più soffici.
Bocconcini di crescente al rosmarino

Bocconcini di crescente al rosmarino

Ingredienti:
500 g di farina 00
200 g circa di acqua
25 g di lievito di birra
50 g di strutto (burro morbidissimo a temperatura ambiente nel mio caso)
70 g di olio extravergine di oliva
8 g di sale (un cucchiaino colmo)
3 cucchiai colmi di rosmarino fresco tritato
Procedimento:
Sbriciolate il lievito di birra in un contenitore contenente l’acqua tiepida e mescolate con un cucchiaio per farlo sciogliere. Nella ciotola della planetaria mettete la farina insieme allo strutto (o burro), alla soluzione di lievito e acqua, all’olio e al rosmarino tritato. Impastate il tutto utilizzando il gancio a uncino, aggiungendo da ultimo il sale, fino ad ottenere un impasto morbido, liscio e omogeneo. Formate una palla, ponetela in una ciotola e coprite con un foglio di pellicola per alimenti. Lasciate lievitare in questo modo per circa 40-50 minuti in un luogo al riparo da correnti d’aria (io l’ho messo dentro alforno spento con la luce accesa).
Trascorso questo tempo prendete l’impasto e, senza lavorarlo, stendetelo con un mattarello su di una spianatoia leggermente infarinata in modo da ottenere un rettangolo alto circa 1 cm. Con una rotella dentellata ricavate adesso tante strisce larghe circa 1 cm, che poi andrete a tagliare trasversalmente, sempre con l’ausilio della rotella dentellata, formando dei bastoncini della lunghezza di un dito. Spennellate i bastoncini con dell’olio di oliva e disponeteli su di una teglia rivestita di carta da forno avendo cura di distanziarli per bene tra loro. Lasciate lievitare per altri 15-20 minuti, quindi fate cuocere, una teglia alla volta, nel forno già caldo a 190-200° per circa 18-20 minuti, non devono essere troppo dorati in superficie. Sfornate e fate raffreddare su di una griglia per dolci.
Note: conservate i bocconcini all’interno di sacchetti di carta per un paio di giorni, altrimenti è possibile congelarli all’interno degli appositi sacchetti per alimenti. Basterà poi scongelarli per un paio di minuti almicroonde con l’apposito programma e torneranno come appena fatti.

Articoli correlati:

Stampa questo post Stampa questo post
Condividi su:

5 comments

1 arabafelice 22 marzo 2010 alle 05:23

Splendidi questi bocconcini, brava!

2 martina 19 marzo 2011 alle 22:32

buonissimi!!!!le faccio sempre per l’amica della mia figlia laquale è molto,ma molto selettiva per il cibo…piacciano molto!!!!

3 Sara@fiordifrolla 21 marzo 2011 alle 19:47

@ arabafelice: grazie!

@ Martina: grazie mille :)

4 Cristina 28 dicembre 2011 alle 10:08

Bella idea.. brava!! Mi puoi dire indicativamente quanti bastoncini vengono con le dosi che hai indicato? Grazie

5 Sara@fiordifrolla 29 dicembre 2011 alle 00:20

@ Cristina: purtroppo non te lo so dire, il problema è che ogni volta che li faccio non riesco mai a contarli perché spariscono alla velocità della luce!

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.