venerdì 2 luglio 2010

Crumble al mango e rosa

crumblemangoerosa

Se vi ricordate ero tornata dal mio soggiorno nelle Langhe con diversi prodotti gastronomici, riposti diligentemente in dispensa in attesa di ispirazione su come impiegarli. Inutile dirvi che la prima cosa che volevo utilizzare era proprio una favolosa composta di petali di rosa, trovata presso il banchetto di un produttore agricolo del mercato di Alba. L’avevo assaggiata prima di acquistarla e quindi ero certa dell’effettivo sapore di rosa, ma quando ho aperto il barattolo di vetro, sono rimasta rapita da questa preparazione. Ha un profumo delicato, quasi inebriante, e contiene al suo interno alcuni petali ben visibili del bellissimo fiore. Una composta che è buonissima così al naturale o spalmata su una fetta di pane tostato insieme ad un po’ di burro, ma che si rende perfetta per accompagnare anche formaggi, yogurt al naturale e, ovviamente, per aromatizzare i dolci.

Io è appunto su quest’ultimo tema che volevo “lavorare” e quindi, sempre grazie al fido foodpairing, ho scoperto (beh magari per voi è la scoperta dell’acqua calda, ma io non avevo mai assaggiato nulla di simile prima d’ora) che la rosa si abbina particolarmente bene al mango. Siccome di solito sono abbastanza diffidente di natura però, ho fatto una piccola prova con poca polpa a crudo spalmata di un velo di composta e devo dire che mi si è aperto un mondo. Questo frutto infatti, oltre ad essere per me dissetantissimo e delizioso, ha secondo me un gusto finale speziato e floreale che ben si accosta alla rosa e la esalta.

Ecco che quindi ho utilizzato questi due ingredienti per comporre un crumble da servire rigorosamente caldo, o al massimo tiepido, preferibilmente accompagnato con una pallina di gelato alla panna (o comunque ne sceglierei uno abbastanza neutro per non coprire troppo il sapore della frutta) per un piacevole contrasto di temperature. Una volta cotto questo crumble si è confermato delizioso, non eccessivamente dolce e dal gusto preponderante di mango, con una nota leggera e tenue di rosa, cosa voluta per non conferire al tutto il classico “effetto saponetta”. Per chi non riuscisse a reperire la composta da me utilizzata, credo sia possibile sostituirla con un cucchiaino di acqua di rose, altrimenti vi assicuro che questo rustico dessert al cucchiaio (ma dal mood un po’ romantico se vogliamo) è buono anche così, solo con il mango.

Crumble al mango e rosa

Ingredienti per 5-6 persone:
430 g di mango al netto degli scarti (1 mango)
40 g di zucchero semolato
150 g di composta di petali di rosa (oppure 1 cucchiaino di acqua di rose)

per il crumble:
100 g di farina 00
90 g di zucchero di canna demerara
75 g di burro freddo
1 pizzico di sale

per servire e decorare:
petali di rosa non trattati essiccati
gelato alla panna

Con un pelapatate sbucciate il mango (se fosse proprio troppo maturo, e la polpa un po’ tenera, potrebbe essere necessario utilizzare invece un coltello) e con un coltello da cucina ricavate uno spicchio a forma di “v” tagliando fino al nocciolo, durissimo e coriaceo. Proseguite in questa maniera, uno spicchio alla volta, tagliando tutto il frutto. Riducete adesso la polpa così ottenuta a cubetti di dimensioni non troppo grandi e abbastanza regolari. Trasferiteli in una ciotola e unitevi lo zucchero semolato insieme alla composta di petali di rosa. Mescolate con un cucchiaio per amalgamare.

In una seconda ciotola mettete lo zucchero di canna insieme alla farina, incorporatevi il sale e il burro freddo di frigo tagliato a cubetti, lavorando con la punta delle dita, fino ad ottenere un composto bricioloso. Trasferite il mango all’interno di 5-6 cocottine da forno (il numero dipende dalla loro grandezza) riempiendole fino ad 1 cm dal bordo. Coprite con il composto di briciole e fate cuocere nel forno già caldo a 180° per circa 30-40 minuti, o comunque fino a quando il crumble apparirà ben dorato in superficie e vedrete sobbollire il composto a base di mango (a questo proposito consiglio di mettere prima della cottura un foglio di alluminio sotto alle cocottine per preservare la base del forno da eventuali schizzi che poi si brucerebbero fino a carbonizzarsi). Servite caldo o tiepido accompagnando con una pallina di gelato alla panna e decorando con petali di rosa non trattati ed essiccati.

Articoli correlati:

Stampa questo post Stampa questo post
Condividi su:

39 comments

1 Carolina 2 luglio 2010 alle 05:30

Buongiorno mia cara!
Ma wow! Tu pubblichi talmente presto che la sera riesco a commentarti… ;)
Sono stata rapita dal nome della ricetta, proprio perchè conteneva “rosa”. Una sorta di ingrediente feticcio per me!
Ti auguro un dolce risveglio…
Un abbraccio,
Carolina

2 Luciana 2 luglio 2010 alle 06:30

Buongiorno tesoro, questo crumble è davvero esotico ed originale…tutto da assaggiare!!!! bravissima!!! ottima idea…un bacio, Luciana

3 Elga 2 luglio 2010 alle 07:21

Bellissimo accostamento, anche se io trovo difficcolotoso acquistare un mango maturo, sempre troppo acerbi li trovo!!

4 Stefano Caffarri 2 luglio 2010 alle 07:48

vuoi forse dirmi che così non sarò obbligato a sformare? che è la cosa che più mi getta nello sconforto di ogni dolce…

5 Milena 2 luglio 2010 alle 08:14

Molto poetico: mango e rosa!!!!!
Lo proverò senz’altro :))

6 Elvira 2 luglio 2010 alle 08:36

L’accostamento poetico deve essere per forza buono, andrei di acqua di rose, perchè la composta è oggettivamente difficle da trovare :)
Foto bella bella!

7 Onde99 2 luglio 2010 alle 09:18

Secondo me il mango sa di Thailandia. E la Thailandia sa di fiori, c’era dappertutto un profumo di fiori da svenire. Quindi la rosa va bene con il mango, sìssì!
Stamani sono andata al super e ho fatto una delle spese che preferisco, quella basata sugli ingredienti di piatti pensati per gli amici!

8 babs 2 luglio 2010 alle 09:36

sara! mango e rosa???? che accostamento incredibile! gli opposti che si attraggono :-) grande!
un bacione e buon we

9 Juls @ Juls' Kitchen 2 luglio 2010 alle 09:36

Foodpairing è davvero avanti, anche io lo adoro!
Il mango l’ho provato giusto 2 giorni fa, nell’insalata del Cavoletto, quindi in una composizione salata.. ne è avanzato mezzo, ma non ho nè acqua di rose né tantomeno composta… uff!
vabeh, per ora mi godo l’idea di come sarebbe!
Buon fine settimana!

10 Fiordilatte 2 luglio 2010 alle 09:50

anche io ignoravo l’abbinamento rosa/mango! :D W foodpairing!! Buon weekend Sara!

11 Paolo 2 luglio 2010 alle 10:09

ottimo abbinamento..
buon fine settimana

12 El taller de Curra 2 luglio 2010 alle 10:16

Adoro i crumble, quello alle mele e alle pere lo faccio spesso ma mi segno adesso anche la tua ricetta, sembra buonissima..!! complimenti.!!

13 katia 2 luglio 2010 alle 10:18

Ciao Sara, che esotico e profumato il tuo crumble! Io inoltre ho proprio una confezione di acqua di rosr che ho comprato e mai utilizzato.. potrebbe essere un buon motivo finalmente per usarla. Buon w.e.!

14 ( parentesiculinaria ) 2 luglio 2010 alle 10:39

Anche io sarei stata reticente, ma per diffidenza nei confronti del mango che apprezzo, ma da solo. E invece… Credo che mi metterò sulle tracce di questa favolosa composta di rose. Ti andrebbe di dirmi il produttore? Magari duranre una scampagnata lo vado a trovare…

15 Sara@fiordifrolla 2 luglio 2010 alle 10:46

@ Carolina: buongiorno Caro, che bella sorpresa questa mattina!
Come va lì? Vedo le tue foto su flickr dove sono immortalate tutte le tue tappe americane e mi sto appassionando, è bellissima sta cosa, ma non sai che voglia di vederle di persona avrei! Che dolce che sei, ti ringrazio offrendoti simbolicamente un paio di cocottine di questo crumble con l’ingrediente feticcio ;)
Un abbraccione a te, come farò senza di te per 3 settimane? :)

@ Luciana: grazie mille, io lo trovo anche particolarmente romantico :)
Baci

@ Elga: io sono stata fortunata e sono riuscita a trovarlo al giusto grado di maturazione, con la polpa soda ma un po’ cedevole :) Io adoro questo frutto, mi fanno impazzire sia il profumo che il suo sapore :)

@ Stefano Caffarri: proprio così, si mangia direttamente dalla cocottina monoporzione con il cucchiano, io lo trovo molto pratico :) Per il discorso di sformare dipende quali tipi di dolci realizzi, per le torte io mi trovo bene con gli stampi a cerchio apribile, per le crostate quelli con il fondo amovibile, per i piccoli formati vado di silicone a volte :)

@ Milena: così mi farai sapere che ne pensi di questo abbinamento, sono molto curiosa di conoscere il tuo parere :)

16 Sara@fiordifrolla 2 luglio 2010 alle 10:55

@ Elvira: sì ho aggiunto l’idea di sostituire la composta con l’acqua perché immagino che sia più facilmente reperibile, poi come ho scritto nel post penso che questo crumble sia buono anche così solo con il mango, ma forse è solo perché a me questo frutto fa impazzire :) Felice che ti piaccia la foto, ultimamente io non ne sono molto soddisfatta :)

@ Onde99: io in Thailandia non ci sono mai stata e quindi non posso che fidarmi di queste tue sensazioni/ricordi, peraltro piacevolissimi da leggere. Non sai quanto desideri che domenica arrivi in fretta, sono curiosissima di sapere cos’hai comprato ;)

@ babs: io non li vedo così opposti, per me il mango nelle sue note finali ha un che di floreale che richiama la rosa appunto, ma come sempre questo è il mio modestissimo e opinabilissimo parere :)
Un bacio carissima e buon week end anche a te!

@ Juls: la mia prossima idea infatti è quella di utilizzarlo per una ricetta salata, devo scoprire come ci sta! Buon fine settimana anche a te, un abbraccio Ju.

@ Fiordilatte: lo ignoravo anch’io prima di leggerne su Foodpairing, mi piace sempre più questo sito!
Buon week end e buona montagna, un bacione.

@ Paolo: grazie, anche a te :)

17 imma 2 luglio 2010 alle 10:57

lo sapevo che avresti usato in modo favoloso la composta di petali di rosa abbinata poi ad un frutto cosi fresco e gustoso deve essere da delirio questo crumble!!!sei un mito!!!bacioni imma

18 lagaiaceliaca 2 luglio 2010 alle 11:06

confesso di non aver mai assaggiato il mango.
mi sa che mi tocca provarlo, questo crumble mi attrae tantissimo.
le rose poi sono stupende…

19 CorradoT 2 luglio 2010 alle 13:07

Ma guarda, che abbinamento!!! Voglio vedere se si apre un mondo anche per me…
Senti, ma la cottura non smorza troppo i profumi di frutta e rosa?
Buona fine di settimana :))))

20 Dario 2 luglio 2010 alle 13:49

Ciao carissima, questo crumble è sicuramente favoloso e secondo me ha un che di afrodisiaco… ma del restoche te lo dico a fare, sei fantastica!
Buona giornata, io questo we, tanto per non perdere l’abitudine, vado al mare!

21 Azabel 2 luglio 2010 alle 14:09

Mango e rosa, mango e rosa… si, credo proprio che sia fantastico! Peccato che mi manchi la composta, vediamo se si riesce a rimediare!

22 Alice 2 luglio 2010 alle 14:10

che invidia mi fai con quella composta, la vogliooooo

23 maia 2 luglio 2010 alle 14:29

il crumble e’ uno dei miei dolci preferiti!
Trovo geniale l’abbinamento mango rosa!

ciao

24 Francesco 2 luglio 2010 alle 16:36

wow Sara, golosissima questa ricetta! Io me la immagino già nei pirottini da cupcake, da “fissato” quale sono… Me la studio un pò e vedo come ne posso uscire… Buon weekend! Francesco

25 Mirtilla 2 luglio 2010 alle 19:12

Wow che buono dev’essere questo crumble! anche se dev’essere servito tiepido credo sia molto estivo. A me il mango mi sa così tanto di estate… sarà per quel suo colore acceso…o quel sapore dolce… beh comunque complimenti è un ottima ricetta! se mai troverò la composta di rose la farò anche io!

26 Valeria 2 luglio 2010 alle 20:11

provo ad immaginarmi l’accostamento…e mi piace assai :)

27 Linda (lericetteperfette) 2 luglio 2010 alle 21:41

che interessante unione mango e rosa! Secondo te c’è anche qualche altro frutto il cui sapore potrebbe essere esaltato da quello della rosa? Grazie

28 Sara@fiordifrolla 3 luglio 2010 alle 11:47

@ El taller de curra: grazie e benvenuta :) Se lo provi mi farai sapere? :)

@ katia: sì potresti provare a vedere come viene con l’acqua di rose, secondo me dovrebbe rendere bene anche così :) Grazie e buon week end anche a te!

@ parentesiculinaria: certo che te lo dico, se mi dai il tuo indirizzo email te lo scrivo molto volentieri ;)

@ Imma: ci ho pensato moltissimo a come utilizzarla e la prima metà l’ho utilizzata per questo crumble, con quello che resta ci sto ancora pensando, sono molto indecisa tra un paio di ricette :) Vi aggiornerò comunque sui miei esperimenti!
Un bacione

@ lagaiaceliaca: sono contenta che questa ricetta ti risulti intrigante, per me è lo stesso, io adoro il mango e lo trovo favoloso in ogni modo :)

@ CorradoT: come ho scritto nel post dopo la cottura in forno prevale il sapore del mango, che comunque è quello più marcato, al quale si aggiunge però un delicato gusto di rosa sulle note finali. E’ un sentore leggero, non ci si deve aspettare di mangiare un bouquet fiorito, io almeno non volevo ottenere questo effetto :)
Buon fine settimana anche a te!

29 Sara@fiordifrolla 3 luglio 2010 alle 11:52

@ Dario: non ci avevo pensato a questo probabile effetto afrodisiaco, certo è che si tratta di un dessert molto romantico, credo che preparato da un uomo per la sua amata gli farebbe fare una discreta figura ;) Fai bene ad andare al mare, anche perché restare in città con questo caldo non è il massimo :) Io credo andrò in piscina invece, devo prendere un po’ di sole prima delle ferie :)
Un bacio, divertiti :*

@ Azabel: puoi sostituirla con dell’acqua di rose, non ho provato direttamente come verrebbe, ma immagino che ci dovrebbe stare altrettanto bene, no? :)

@ Alice: eheheh se sei dalle parti del Piemonte mandami una mail che ti scrivo l’indirizzo del produttore :)

@ maia: l’ho scoperto su foodpairing, a me è piaciuto moltissimo, così come al mio compagno spero piacerà anche a chi lo proverà :)

30 Sara@fiordifrolla 3 luglio 2010 alle 11:56

@ Francesco: sarei curiosissima di vedere (e assaggiare) il risultato del tuo esperimento :) Buon week end anche a te!

@ Mirtilla: secondo me è molto estivo, anche perché lo si può servire tiepido accompagnandolo con del gelato alla panna :) Se non trovi la composta di petali di rosa puoi provare con l’acqua di rose credo :)

@ Valeria: bene, ne sono felice :)

@ Linda: forse la prugna o la pesca, non so, dovrei fare delle prove di assaggio per capire :)

31 aurore 3 luglio 2010 alle 16:25

Davvero belle ricette e bel blog, se vuoi fare un giro nella mia cucina, http://biscottirosaetralala.blogspot.com

32 MMM 4 luglio 2010 alle 14:21

gnamm.. che delizia! blog fantastico poi!
dai un occhio se ti va a
http://www.modemuffins.blogspot.com
baci

33 manu e silvia 4 luglio 2010 alle 19:04

Ciao! un crumble dal ssapore corposo, ma fresco! sicuramente molto originale!
baci baci

34 lisa 4 luglio 2010 alle 20:45

Accostamento favoloso, bravissima!
Lisa

35 Sara@fiordifrolla 5 luglio 2010 alle 07:59

@ aurore: benvenuta e grazie :)

@ MMM: grazie :)

@ manu e silvia: io lo trovo esotico e delicato :) Baci

@ Lisa: ti ringrazio, credo che lo riproporrò in qualche altro dolce :)

36 Michela 2 agosto 2010 alle 21:29

Ciao, ieri ho provato questa ricetta, ma non avendo ne acqua di rose ne altro, ho deciso di modificare lievemente la tua ricetta aggiungendo dei lamponi. Bhe devo dire veramente buonissima!! Complimenti per tutte queste ricette squisite che posti ogni volta. Solo una osservazione, io ho trovato che 15g di burro siano pochi…non è che manca uno zero? Un abbraccio
Michela

37 Sara@fiordifrolla 3 agosto 2010 alle 09:53

@ Michela: benvenuta :)
Ottima scelta quella dei lamponi! Hai ragione, è stato un refuso, invece di 15 g sono 75 g, ora provvedo a correggere subito il post :) Grazie per avermelo fatto notare, sto sempre molto attenta quando scrivo le dosi, ma si vede che questa volta mi è scappato :)
Un bacione e a presto!

38 Clara 12 aprile 2014 alle 21:49

Non so se si ricorda di me, e’ stata mia ospite a Torino presso il mio bed and breakfast.
Ho sempre seguito il suo sito con le sue meravigliose ricette con foto.
Complimenti e affettuosi auguri! Quando torna a trovarmi?
Clara Di Palo

39 Clara 12 aprile 2014 alle 21:51

Proverò presto il crumble di mango,
Cordiali saluti,
Clara

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.