giovedì 19 aprile 2012

Di scoperte, acquisti compulsivi, ingredienti feticcio e diamanti al cacao e cardamomo.

Diamanti al cacao e cardamomo

Un titolo un po’ bizzarro, me ne rendo conto. E’ che mi sono accorta di avere una dipendenza o qualcosa molto di simile ad essa. Che mi dite degli acquisti on line? Io sempre più di frequente mi trovo a comprare ingredienti feticcio e prodotti di nicchia, caccavelle, libri o qualsiasi cosa che riguardi la cucina, comodamente seduta sul divano. Carrello leggero, zero fatica, niente fila alla cassa, tutto ciò che desidero è a portata di click. Per non parlare dell’insana gioia che provo quando torno a casa e mi vedo recapitare il pacco! Vi è mai capitato? Io credo di sì.

Tra le recenti scoperte c’è un portale che vi vorrei segnalare. Si chiama Tastexp.it. Il nome è una forma abbreviata di Taste Experience e già promette bene, non trovate? Quando Giulio mi ha chiesto di parlarne qui sul blog ho subito accettato, vuoi perché condividiamo ideali comuni come la qualità, la trasparenza e il rispetto per l’ambiente, vuoi perché il progetto è molto ambizioso, giovane (nella sua doppia accezione: recente e ideato da persone giovani) e alla base ha la grande passione di chi l’ha creato. Un tema, quest’ultimo, al quale sono molto affezionata come sapete.

Ambizioso perché stiamo parlando del primo temporary shop in Italia interamente dedicato al mondo del food. In pratica si tratta di un portale di vendite temporanee dedicato ad eccellenze enogastronomiche, nel quale ogni settimana la vetrina e l’offerta dei prodotti è composta da un’accurata selezione di poche aziende e sempre ben descritta attraverso schede informative e fotografie. Allo scadere della settimana la gamma dei prodotti si rinnova in modo da trovare una “dispensa virtuale” nuova, tutta da esplorare. Tra i tanti nomi che potete trovare ve ne faccio alcuni: Bonajuto, Acquerello, Gobino e Aceto Sirk. Se non bastasse sappiate che c’è un’ottima cantina con una selezione di vini biologici e naturali e trovate anche la possibilità di acquistare corsi di cucina con chef stellati (una delle ultime offerte riguardava Ciccio Sultano, per dire), prenotare soggiorni e itinerari nei luoghi del gusto della nostra bella Italia.

Tutto è semplice ed intuitivo, dalle prime fasi di registrazione (mi riferisco anche al caso in cui perdeste la password di accesso, vi garantisco che non c’è da impazzire, perché è capitato più volte alla sottoscritta), fino alle modalità di acquisto e di pagamento. Infine vi dico anche che i prezzi sono contenuti perché Tastexp.it si rivolge direttamente al produttore, saltando tutti i passaggi che la rete commerciale a volte prevede. Un aspetto che con i tempi che corrono non è da sottovalutare, no? E se vi accorgete che tra le nuove vendite ci sono nuove tentazioni da acquistare, nessun problema, potete integrare il precedente ordine senza pagare nuovamente le spese di spedizione.

Tra le offerte di questa settimana trovate ad esempio una vasta scelta di prodotti di Guido Gobino ed è proprio con uno di questi, il pregiato cacao in polvere, che ho realizzato la ricetta di oggi. Si tratta dei celebri diamanti al cacao di Pierre Hermé, dei biscotti che non hanno bisogno di presentazione e che trovo perfetti per consolarsi un po’ in queste grigie giornate autunnali, ehm perdonate il refuso, volevo dire primaverili. Unica variazione che mi sono permessa di fare è stata quella di sostituire la cannella con il cardamomo verde.

Cacao in polvere

Diamanti al cacao e cardamomo

Ingredienti per circa 30 biscotti:
385 g di farina 0
285 g di burro morbido
125 g di zucchero a velo
35 g di cacao amaro in polvere Guido Gobino
1/4 di cucchiaino di estratto di vaniglia
4 bacche di cardamomo verde
1 pizzico di sale

inoltre:
1 tuorlo
zucchero di canna in cristalli grossi

Setacciate la farina insieme al cacao, il cardamomo (ottenuto aprendo le bacche e macinandole con un mortaio) e il sale. Tagliate il burro a pezzetti e mettetelo nella planetaria (usate il gancio a frusta) fino a quando sarà diventato cremoso. Incorporate lo zucchero e l’estratto di vaniglia, azionando l’apparecchio fino ad ottenere una pasta omogenea. Incorporate la farina, il cacao e il cardamomo e impastate molto velocemente fino ad ottenere una pasta omogenea. Suddividetela in due parti uguali e fate raffreddare 30 minuti in frigorifero avvolgendo il tutto nella pellicola per alimenti. Trascorso questo tempo con ciascuna metà di impasto formate due salsicce di circa 3-4 cm di diametro, avendo cura di appiattire prima ognuna di esse con il palmo delle mani per poi ripiegarle su loro stesse dandogli appunto una forma cilindrica (questo servirà ad evitare di ritrovarsi con dei sablés forati al centro). Avvolgete il tutto nuovamente nella pellicola e fate riposare in frigorifero per 2 ore.

Preriscaldate il forno a 180°. In una ciotola sbattete il tuorlo dell’uovo. Prendete fuori dal frigorifero un cilindro di pasta alla volta, quindi affettatelo a fette di circa 1,5 cm di spessore. Se la forma non fosse perfettamente tonda aggiustatela delicatamente su di una spianatoia, quindi passate ciascun disco prima nel tuorlo e poi nello zucchero di canna in cristalli per farlo aderire (in realtà aderisce molto bene secondo me anche senza il passaggio nel tuorlo). Disponete i dischi su di una leccarda rivestita di carta da forno, distanziandoli di circa 2,5 cm tra loro (una sola teglia non basterà, quindi conservate i biscotti rimanenti in frigorifero fino al momento in cui dovrete cuocerli). Fate cuocere a 180° per circa 15-18 minuti, controllando verso fine cottura che nella parte inferiore non siano troppo coloriti, o comunque fino a quando i sablés saranno sodi al tatto. Fate raffreddare su di una griglia per dolci. Conservati nelle apposite scatole di latta, i biscotti si mantengono per una settimana.

Articoli correlati:

Stampa questo post Stampa questo post
Condividi su:

37 comments

1 Marina 19 aprile 2012 alle 06:09

Non posso non andare a guardare… pronti via!
Un diamantino lo porto con me ;)

2 veru 19 aprile 2012 alle 07:01

Wow, interessante. Ovviamente per colpa tua diventerò povera e mi avrai sulla coscienza. :)

3 sabina 19 aprile 2012 alle 07:07

ho comperato solo qualche libro on line ed è una bella sensazione aspettare il postino e aprire il pacco, ma ancora preferisco andare per negozi, guardare e toccare con mano, anche se in realtà mi sto rendendo conto che non trovo mai quello che cerco esattamente.
Fantastici questi biscotti
baci sabina

4 Valentina 19 aprile 2012 alle 07:17

dei biscotti da urlo!!

5 Sandra 19 aprile 2012 alle 07:37

Uno spettacolo tesurin!!! Lo voglio anche io :-)
Beso

6 Chiara 19 aprile 2012 alle 07:44

Grazie per la segnalazione!Vado subito a dare un’occhiata al sito.Io amo anche andar per negozi o in libreria a cercare ciò che voglio, ma sempre più spesso mi capita di rivolgermi alla rete, e si quando il pacco arriva è sempre un’emozione!
Buona giornata!
Chiara

7 Raffy 19 aprile 2012 alle 07:56

deliziosi…li voglio provare!!

8 GG 19 aprile 2012 alle 08:02

Oddio, non posso trovarmi queste squisitezze davanti a quest’ora del mattino, ancor prima di aver fatto colazione! Sapendo poi che la ricetta è di Pierre Hermè, mi viene subito voglia di provarli!!
Un bacione, GG

9 Lorella 19 aprile 2012 alle 08:26

Segnalazione superlativaaaa corro ad iscrivermi! :-) grazie sara! smack

10 Paola 19 aprile 2012 alle 08:37

Devo farli! Diamonds are a girl’s best friend….

11 lea 19 aprile 2012 alle 08:43

Sara, non sai quanto ti capisco….da qualche mese anche io ho iniziato ad acquistare on-line cose per la cucina…quando mi arriva il pacco sembro una bambina che scarta il regalo appena portato da Babbo Natale in persona!!! Ho riempito la casa di pirottini di tutti i colori e le fantasie e altre cose che non so quando utilizzerò ma dovevano assolutamente essere mie ;-)
Adesso vado a dare un’occhiata anche al sito che ci segnali tu…una garanzia, quindi mi sa che acquisterò qualcosa, nn si sa mai ;-P
Un abbraccio

12 Serena 19 aprile 2012 alle 09:02

Il tuo incipit mi ha ricordato la pubblicità di Zalando… mi sono immaginata R chiuso nello sgabuzzino che fissa la telecamera e raccomanda agli uomini di non far *mai* *mai* sapere alla compagna che esistono siti di e-commerce dedicati al food… poi improvvisamente si accende la luce e appaiono scaffali traboccanti di prodotti bizzarri e caccavelle!!!
I diamants li ho fatti anch’io talvolta, mi piace anche dividere l’impasto e aromatizzare diversamente le varie parti. Ma quelli al cacao sono effettivamente i migliori!

13 Terry 19 aprile 2012 alle 09:55

Ah come ti capisco…io ormai compropiù online che altro… Aldilà del mondo food… Ancheperchè onestamente rrovo glinstessi prodotti dei negozi a molto meno! ..pure mettendoci la spedizione!!! …ora sbircio il sito! ;)

14 Rossana 19 aprile 2012 alle 11:12

DIAMONDS ARE FOREVER…
Ero già capitolata con i Diamanti al limone di Ducasse, ma questa tua variazione cioccolatosa mi mette l’irrefrenabile voglia di mollare tutto e correre a prepararli!

La foto del cacao Guido Gobino è spettacolare, BRAVISSIMA!

Sai che gli shop on line sono la mia salvezza, mi hanno cambiato la vita!

STANDING OVATION

15 Rossana 19 aprile 2012 alle 11:23

…il cardamomo verde, esperidato e balsamico, esalta molto il pregiato vellutato cacao!

16 Rossana 19 aprile 2012 alle 12:24

Già fatto l’ordine!
Segnalo un buono sconto di benvenuto ;D

Ci sono in vetrina anche i mieli di Ape nera sicula, presidio slow food, di Carlo Amodeo!

17 Le Rocher 19 aprile 2012 alle 13:46

Interessante tastexp! Ottima segnalazione.
Ci piace la tua versione al cardamomo, rendono ancora più stuzzicanti questi diamanti

18 cleareIlpomodorosso 19 aprile 2012 alle 14:53

tastexp lo conosco ma nn ho ancora mai comprato nulla. sarà che qui a Roma alla fine si trova tutto. Però ti dico che anch’io adoro comprare online..sopratutto se si risparmia! Questi son di quei biscottini che sembran semplici ma poi quando li assaggi.. io devo aspettare che le mie intolleranze a lattivini e farine con glutine vadan via..però li posso fare per gli amici, no?

19 breakfast at lizzy's 19 aprile 2012 alle 17:42

Questi sono davvero da estasi, con la materia prima di questo livello non può essere altrimenti….vado subito a vedermi lo shop!

20 Non chiamateli cookies: sono Diamanti di cacao! | TastEXP 19 aprile 2012 alle 18:15

[...] si resta a bocca asciutta, a meno che … si prendono gli ingredienti su Tastexp.it e si segue la ricetta di [...]

21 Rossana 19 aprile 2012 alle 19:28

Consiglio ai golosi di impastarne doppia dose,
hanno superato ogni aspettativa.
Il loro sofisticato e sublime sapore vi travolgerà!
D E L I Z I O S I

22 daniela 19 aprile 2012 alle 19:38

conosco i diamanti, li adorano tutti..con un cacao speciale poi!!
Ho già visitato tastexp..veramente ineressante!grazie. Un saluto anche da egidio

23 Sara@fiordifrolla 19 aprile 2012 alle 20:26

@ Marina: quella di portarti dietro un diamantino mi pare davvero un’ottima idea! ;)

@ Veru: è un rischio che voglio correre, anche perché così non mi sentirò l’unica a sperperare i miei averi nei vari siti di e-commerce :D

@ Sabina: io acquistato due libri giusto ieri sera, per dire ;) Per i libri poi, ormai mi sono abituata a comprare da Amazon.co.uk e non ne posso più fare a meno, trovo un sacco di testi interessanti sulla cucina e non :)

@ Valentina: grazie!

@ Sandra: per te cara anche tutta la produzione ;) Un abbraccio.

@ Chiara: concordo, ogni volta che sento suonare il campanello e vedo il corriere è sempre grande festa :)

24 Sara@fiordifrolla 19 aprile 2012 alle 20:32

@ Raffy: buona idea!

@ GG: e invece io sono un diavoletto tentatore e mi piace farvi iniziare la giornata con qualcosa di dolce!

@ Lorella: grazie a te, un caro saluto!

@ Paola: lo puoi dire forte, anche se secondo me quelli veri sono ancora più best friends ;D

@ Lea: oh meno male che non sono la sola! Io faccio esattamente come te, non appena vedo il pacco saltello come una bambina di fronte al suo gioco prediletto! Guarda se mi parli di dispense e mobili pieni di caccavelle, stampini, pirottini, teglie, ecc sfondi una porta aperta, qui ormai non so più dove mettere le cose né quando le userò tutte ;D Un abbraccio

@ Serena: ahahah me la ricordo bene quella pubblicità! Sai che potrei sognarmela questa notte la scena che hai descritto, vero? :D Quelli al cacao sono i miei preferiti, specie quando il cacao è di grande qualità come quello di Gobino, quando si dice il grande valore della materia prima!

25 Sara@fiordifrolla 19 aprile 2012 alle 20:44

@ Terry: io oltre ai libri e a prodotti enogastronomici non sono mai andata. Ad esempio: un paio di scarpe non so se riuscirei ad acquistarlo, avrei paura che poi non mi andasse bene. Ma so che sono io che devo ancora abbattere quest’ultima barriera :D

@ Rossana: non so da dove partire. Innanzitutto grazie per avermi mandato la foto dei diamanti appena sfornati che hai preparato con questa ricetta, non sai quanto mi riempia il cuore di gioia! Sono davvero contenta che ti siano piaciuti così tanto! Come di ho detto in privato io li preferisco al cardamomo verde che con la cannella, trovo abbiamo un sapore più raffinato e degno di accompagnare il favoloso cacao di Gobino :) E’ vero al momento della registrazione su Tastexp.it c’è un buono di 5 euro :) Quei mieli devono essere miei ;)

@ Le Rocher: grazie, come dicevo sopra io li preferisco al cardamomo, li trovo più freschi con quel loro leggero ed elegante retrogusto mediorientale :)

@ CleareIlpomodorosso: sì a Roma siete fortunati perché è difficile non riuscire a trovare qualche chicca e non è una cosa da poco! Io credo che i tuoi amici saranno davvero contenti se glieli preparerai ;))

@ breakfast at lizzy’s: davvero questo cacao in polvere è qualcosa di sublime! Buona navigazione allora :)

@ Daniela: grazie a te cara Daniela e un saluto ad Egidio!

26 donatella 19 aprile 2012 alle 22:23

io non amo i gioielli né i diamanti.. però questi qui sono una favola!!! che buoni che sono, accidenti! mi fai venir fame a quest’ora!!!
acquisti online? presente! compulsivi online? di nuovo presente! complulsivi online del mondo cibo? sììììììì, sempre io!!!

27 Monica - Un biscotto al giorno 20 aprile 2012 alle 10:50

Il cacao in polvere di Gobino è una cosa spaziale!!! Buonissimi anche i biscotti, me li segno!

28 margie-o 20 aprile 2012 alle 14:56

Ciao sara
grazie a te posso finalmente comprare i cioccolatini Gobino per mia madre che qui a padova non riuscivo a trovare.
la confenzione di cacao in foto è quella da 3 kg?
intanto proverò la ricetta con il cacao che ho in casa e poi magari prenderò pure quello di Gobino che a conti fatti non costa molto di più di certi industriali.

29 Barbara 20 aprile 2012 alle 14:59

Adoro questi biscotti! bravissima :)

30 Sara@fiordifrolla 21 aprile 2012 alle 09:58

@ donatella: io amo anche i gioielli, ma questi diamanti qui in effetti hanno un fascino particolare! ;)

@ Monica: davvero è di una qualità eccelsa secondo me :)

@ Margie-o: i tourinot dici? Sono me.ra-vi-glio-si! La confezione della foto non è quella da 3 kg in vendita, io per esigenze fotografiche ho optato per un barattolino molto più piccolo, ma la materia prima è la stessa :)

@ Barbara: grazie, buon week end :)

31 Lidia - The Spicy Note 22 aprile 2012 alle 08:22

Grazie per la segnalazione del sito, tutto quello che si può comprare on line io l’ho provato, mamma mia. Orail mio oggetto del desiderio è il termometro per dolci… ma queste prelibatezze.. mmmm… La mia carta di credito non ringrazia ;-)

32 Sara@fiordifrolla 22 aprile 2012 alle 21:02

@ Lidia: ma figurati, grazie a te, sono contenta se il sito in questione può tornarti utile. Non sempre si riesce a reperire tutto quello che cerchiamo nelle nostre città e gli stores on line sono spesso una vera e propria salvezza :)

33 Margie-o 15 maggio 2012 alle 10:51

In effetti è arrivato un contenitore anonimo tutto bianco ENORME!
Mia nonna pensava fosse pittura… :D
È favoloso mi è venuto un salame di cioccolato strepitoso!

34 Margie-o 15 maggio 2012 alle 10:52

Dimenticavo una domanda: perchè non si puó rotolare il rotolo di impasto sullo zucchero prima di tagliare i diamanti?

35 Sara@fiordifrolla 16 maggio 2012 alle 21:51

@ Margie-o: ahahah addirittura pittura?! ;) E’ un prodotto di elevata qualità infatti, sono contenta che anche tu sia stata soddisfatta! Io non ho detto che non si possa, io però trovo più pratico farlo in un secondo momento :)

36 martina 2 novembre 2012 alle 21:31

wow, veramente deliziosi!!!!!!!!!!!!!particolari..amo il cardamomo, mmmmhhh!!!martina

37 Sara@fiordifrolla 4 novembre 2012 alle 21:05

@ Martina: grazie, Pierre Hermé non mente mai ;)

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.