mercoledì 17 febbraio 2010

Minestra di cereali ai funghi porcini e speck

Minestra di cereali ai funghi porcini e speck
Tutto questo proliferare di ricette non dico light, ma quanto meno natural e sane, vi dovrebbe far capire che mi trovo nel consueto periodo dell’anno in cui inizio lentamente a seguire un’alimentazione un po’ più controllata. Non che durante il resto dell’anno mangi solo schifezze eh, per carità, ma diciamo che, senz’altro anche grazie ai diversi strati di maglioni in cui posso nascondere i rotolini di troppo, sto molto meno attenta alle calorie e al livello dei grassi di un dato cibo e, se mi scappa un cioccolatino di troppo, non ne faccio un dramma ecco. Questo però non significa che il blog da questo momento in poi andrà verso una direzione univoca (quella della dieta), quindi continueranno ad esserci i miei dolci, anche quelli ipercalorici e decadenti, i secondi succulenti e via dicendo. Rassicurate pure le vostre maniglie insomma :)
Se vi ricordate qualche tempo fa avevo raccontato di un certo pacco natalizio contenente diversi prodotti tipici umbri regalatomi da una cara amica, dal quale proviene anche la famosa roveja di questo post. Oggi invece è il turno di una confezione di cereali misti (farro e orzo, in parti uguali) e lenticchie diCastelluccio che ho impiegato per una zuppa saziante e corroborante, che ho creato ispirandomi vagamente ai sapori della minestra di orzo altoatesina (si vede che inizio ad avere tutti quelli che sembrano essere i sintomi da astinenza da montagna, vero?). Un piatto che secondo me regala molta soddisfazione, caratterizzato da sapori importanti come quello dei funghi porcini secchi (visto che quelli freschi ormai non sono più di stagione) e dal gusto affumicato e sapido dello speck. Un po’ diprezzemolo fresco per dare un pizzico di freschezza e un filo di un buon olio extravergine di oliva a crudo sono il degno completamento di questa zuppa rustica, che a casa ha riscosso un certo successo.
Per chi la possiede, consiglio di cuocere questa minestra in una pentola di coccio, lasciandola sobbollire dolcemente e a fuoco lento, ma avendo cura di regolare di conseguenza il tempo di cottura. Naturalmente la quantità di cereali che io ho utilizzato per questa ricetta può essere sostituita concereali di altro tipo, con o senza legumi.

Minestra di cereali ai funghi porcini & speck 

Ingredienti per 2 persone:
200 g di cereali misti (io ho utilizzato: farro 40%, orzo 40%, lenticchie 20%, ma vanno bene anche dialtro tipo)
50 g di speck a fette
30 g di funghi secchi
1 cipolla media
1 spicchio d’aglio
prezzemolo fresco
brodo vegetale caldo q.b.
olio extravergine di oliva
sale, pepe
Procedimento:
Un paio di ore prima mettete i porcini secchi in ammollo in un piccolo contenitore coprendoli con acqua tiepida. Trascorso questo tempo scolateli, sciacquateli e strizzateli molto bene, quindi tritateli grossolanamente con un coltello da cucina. Mondate l’aglio, schiacciatelo con la lama di un coltello emettetelo a rosolare in una casseruola con un po’ di olio extravergine di oliva. Mondate anche la cipollae tritatela finemente al coltello, quindi unitela all’aglio facendola rosolare e mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno. Quando la cipolla sarà diventata trasparente aggiungete i funghi porcini eun po’ di brodo vegetale caldo a poco a poco se notate che il soffritto tende ad asciugarsi troppo. Fateli cuocere fino a quando saranno diventati teneri ed eliminate l’aglio. Unite adesso lo speck ridotto a listarelle e fatelo insaporire per alcuni minuti sempre mescolando con cura. Aggiungete adesso i cerealimisti sciacquati molto bene più volte sotto l’acqua corrente, mescolate, e coprite con abbondante brodo vegetale caldo.
Mettete il coperchio alla casseruola e fate cuocere la zuppa seguendo le indicazioni riportate sulla confezione (io ho cotto per circa 45 minuti dalla ripresa del bollore). Se durante la cottura notate che icereali avranno assorbito tutto il liquido aggiungete altro brodo caldo un po’ alla volta, regolandovi anche con la consistenza voluta. Quando sarà pronta aggiustate di sale e di pepe e servite nei piatti individuali decorando con un ciuffetto di prezzemolo fresco lavato e un filo di olio extravergine di oliva a crudo. Servite subito.

Articoli correlati:

Stampa questo post Stampa questo post
Condividi su:

0 comments

Non ci sono ancora commenti...

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.