Penne al pesto di pistacchi di Bronte e maggiorana

Se da un lato non amo particolarmente il cambio di stagione, in quanto lo vivo sempre in maniera un po’ faticosa (specie il mattino, un po’ come tutti, immagino), dal punto di vista culinario lo accetto sempre di buon grado perché è un momento di cambiamento, di rottura della monotonia grazie all’arrivo di nuove varietà di ortaggi e frutta. Per me che sono abituata a cucinare molte verdure non è cosa da poco, sapete, pur amando molto infatti crucifere, bietole e compagnia bella ero davvero stanca di vederle comparire sulla mia tavola. Ci voleva dunque una ventata di aria nuova che solo questa primavera poteva portare.

Abbandonati i piatti robusti e opulenti, sono contenta di poter passare finalmente a qualcosa di più leggero, che assecondi il periodo quindi, come questo pesto di facile realizzazione (a chiamarlo pesto in effetti ci vuole un certo coraggio, visto che è preparato tutto nel mixer ;), che mi ha già salvato il pranzo (o la cena, vedete voi) in diverse occasioni. L’occorrente sono degli ottimi pistacchi (i miei di Bronte, dai bellissimi colori che virano dal verde al viola) e della maggiorana, un’erba aromatica che come sapete amo molto in cucina (non so se vi ricordate di questa vellutata o di questi sfiziosi involtini ad esempio) per quel suo retrogusto fresco e al tempo stesso delicato, che in molte occasioni preferisco alla menta.

Ecco quindi la ricetta di questo pesto davvero sprint che si può preparare nel tempo di cottura della pasta:

Penne al pesto di pistacchi di Bronte e maggiorana

Ingredienti per 4 persone:
380 g di penne
60 g di pistacchi di Bronte sgusciati e non salati
40 g di parmigiano reggiano
5 rametti di maggiorana
il succo di 1/2 limone
1/2 spicchio d’aglio
5 cl di olio extravergine di oliva
acqua q.b.
sale, pepe

Tostate leggermente i pistacchi in una padella antiaderente, quindi fateli raffreddare. Poneteli nel bicchiere del mixer insieme alle foglie di maggiorana, al parmigiano grattugiato e allo spicchio d’aglio, tritate il tutto aggiungendo a filo il succo di limone e l’olio extravergine di oliva fino ad ottenere un pesto cremoso. Se la consistenza dovesse risultare troppo densa, diluite eventualmente con poca acqua. Regolate di sale e di pepe. In una casseruola fate cuocere le penne, scolatele al dente conservando un po’ di acqua di cottura, quindi conditele con il pesto eventualmente diluendolo con poca acqua. Mescolate e servite subito.

Vino consigliato: a questo piatto il nostro sommelier ha abbinato un vino elegante, morbido e caldo come un Pinot Bianco del Friuli, con leggero passaggio in legno, dalle note floreali e di frutta come mela e albicocca.

Autore

Sara Querzola
Sara Querzola
Ciao sono Sara e questo è Fiordifrolla, un luogo in cui si intrecciano e trovano una collocazione alcune delle mie più grandi passioni: cucina, scrittura, fotografia, vino e viaggi. Questo blog è nato nel 2008 quasi per gioco, con gli anni è diventato il mio lavoro: ad oggi sviluppo ricette (e video), le cucino e le fotografo per numerosi ed importanti editori, riviste e agenzie.
  • 53
  •  
  • 33
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    86
    Shares

33 commenti su “Penne al pesto di pistacchi di Bronte e maggiorana

  1. Ciao! Ormai è un pò che ti seguo … il tuo blog è pieno di stile e idee fantastiche. Come questo pesto! è davvero particolare!!! appena ho l’occasione lo provo di sicuro…I pistacchi di Bronte sono facili da trovare??
    Grazie, baci!

  2. Mai provato con la Maggiorana!
    Colori meravigliosi:)
    di solito aggiungo anche dei carciofi sottilissimi saltati in padella.
    Ricetta superlativa, BRAVISSIMA!

  3. Questa ricetta sembra buonissima| Adoro i pistacchi! Secondo me ci starebbe bene anche un rosso corposo Santa Cristina..
    ciao

  4. Oh, un primo :)
    Brava, bel risultato. E molto goloso!!!! La maggiorana ci sta perfettamente.
    I pistacchi, dopo averli sgusciati, li hai anche sbucciati?

  5. Che bella idea, fresca quanto basta per affrontare i primi caldi (diciamo tepori, che per me sono già più che sufficienti… pavento l’arrivo del caldo *vero*): ho comprato una piantina di maggiorana profumatissima, sabato, sono certa che con questa ricetta ne farò buon uso!

  6. @ Kitty’s kitchen: sai cosa mi sono detta? Che alla fine sì, va bene la ricerca, la sperimentazione, va bene tutto, però i miei piatti più amati sono come questo, semplici, di rapida realizzazione ma senza mai tralasciare l’aspetto estetico :) Spero ti piacerà!

    @ Valentina: non so nella versione siciliana ci vada la maggiorana, quello che ho mangiato io ad esempio non la prevedeva, ma secondo me ci sta davvero bene :)

    @ Claudia: sì non sono difficili da trovare, basta recarsi in un negozio di alimentari ben fornito, che venda prodotti di una certa qualità. Altrimenti si possono sempre acquistare on line :)

    @ Rossana: è una delle famose erbette aromatiche che sono ancora vive dopo il disgelo, non potevo non omaggiarla con questo tributo ;) Bella l’idea dei carciofi saltati in padella, alla prossima occasione me ne ricorderò :) Un abbraccio

    @ Paola: guarda che ti aspetto, eh?! ;)

  7. @ Valentina: dici? Proverò l’abbinamento, conosco il vino e mi hai incuriosita :)

    @ CorradoT: beh non cucino solo dolci, anzi ;) No, come si vede dalla foto i pistacchi non li ho sbucciati, se ricetta veloce deve essere sia, no? :)

    @ Serena: ahahah lo so, come te temo già l’arrivo dell’estate, anche se quest’anno ne ho più voglia del solito :)

    @ Raffy: grazie!

    @ brakfast at lizzy’s: e infatti è proprio per questa allegria che mette che mi piace tanto ;) Grazie

  8. Una ricetta fantastica!!! Vorrei farla questo sabato perché viene il mio babbo a pranzo. Posso usare la maggiorana secca? Quanti cucchiaini corrispondono ai 5 rametti?
    Grazie 1000!

  9. Un ottimo primo piatto sostanzioso per affrontare il cambio di stagione! E poi hai ragione: è proprio il caso di dire “aria nuova in cucina”!

    Nadia – Alte Forchette –

  10. @ donatella: grazie, non vedevo l’ora che arrivasse la primavera per portare in tavola piatti nuovi e colorati :)

    @ Annalisa: meno male che hai trovato la pianta, con la maggiorana secca non sarebbe mai stata la stessa cosa, anzi te lo avrei sconsigliato :)

    @ Una Cucina per Chiama: infatti anche questa mattina svegliarsi non è stato semplice!

    @ Nadia: ci voleva Nadia ;) Un abbraccio

    @ Manuela e Silvia: è maggiorana, non timo eh ;) A prsto

    @ Alice: grazie :)

  11. Ciao Sara, è da molto che ti seguo ma anche se ho già sperimentato tantissime tue ricette (tutte molto ben riuscite) non ho mai scritto nulla. Questo pesto l’ho fatto ieri sera ed è davvero delizioso! molto fresco ed equilibrato nei sapori!il tocco in più secondo me lo danno proprio il limone e la maggiorana. Mio marito ha fatto addirittura la scarpetta ;) buono anche il giorno dopo (ho fatto un po’ di pasta in più e me la sono portata per pranzo in ufficio). Brava e complimenti! A presto. Erika

  12. il profumo lo sento da qui! :D
    devo attendere che la mia maggiorana si riprenda dai freddi dell’invero per farla :)

    ps buona quella panna cotta al roquefort!

  13. @ Francesca: grazie :)

    @ Maddalena & Manuela: grazie, a presto!

    @ Erika: ciao Erika, mi fa piacere che tu abbia deciso di scrivermi, non sai quanto! Benvenuta allora :) Sono molto contenta che questo pesto sia stato apprezzato, grazie mille a te. A presto!

    @ Gio: sai che credevo che la mia fosse morta? Era coperta da una coltre di neve di un metro e invece è sopravvissuta :)

  14. Ho provato questo tuo pesto ieri, con lo spaghetto di kamut. Mi è piaciuto moltissimo: tenevo a fartelo sapere :-)
    Ho passato parola anche ad un amico.
    Un abbraccio sincero. E grazie.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.