giovedì 3 marzo 2011

Quiche ai carciofi e prosciutto crudo

Quiche ai carciofi e prosciutto crudo

Se il sabato sera di norma (quando ne ho voglia eh) a casa mia è il momento dedicato ad una cena con tutti i crismi, e con questo intendo almeno 4-5 portate (con pietanze che prevedono anche lunghe cotture), apparecchiatura seria, con un numero imprecisato di piatti, posate e bicchieri e almeno 2 cambi vino, la domenica sera è invece l’esatto opposto. Se infatti nel primo caso la voglia di cucinare(per poi assaggiare tutto ovviamente) era alle stelle, ecco che con la fine del week end anche quest’ultima va scemando, così spesso mi ritrovo a desiderare cibi dalle brevi preparazioni, non troppo complicati, ma pur sempre golosi. E va da sé che, oltre ad una bella pizza, uno dei piatti che preparo con maggiore frequenza è la quiche, che declino ogni volta seguendo la stagionalità dei prodotti e che preparo all’ultimo minuto approfittando sempre di quel pacchettino di pasta brisée che avevo precedentemente impastato e congelato per utilizzi futuri.

Tutta ‘sta cosa per dirvi che ho fatto una semplicissima torta salata ai carciofi, che poi altro non è che il secondo esperimento con il burro salato (una delle tante idee alle quali accennavo nel post precedenteper capirci), che ho utilizzato per dare una marcia in più a questa, già peraltro ottima pasta da quiche(sempre lei ovviamente, quella di Felder). In questa versione i carciofi sono felicemente abbinati alla sapidità del prosciutto crudo e del Gruyère grattugiato, che contribuiranno a dare vita ad un ripieno ricco, morbido e sfizioso. Da servire tiepida o a temperatura ambiente, possibilmente accompagnandola con un vino bianco frizzante dalla buona acidità.

Quiche ai carciofi e prosciutto crudo

Ingredienti per uno stampo da 24 cm di diametro:
per la pasta da quiche:
1 dose di pasta da quiche di C. Felder (utilizzando il burro salato ed eliminando il pizzico di sale)

per il ripieno:
5-6 cuori di carciofo (a seconda delle dimensioni)
150 g di prosciutto crudo
80 g di Gruyère grattugiato grossolanamente
40 g di parmigiano grattugiato
1 dl di panna fresca
3 uova
1 spicchio d’aglio
prezzemolo fresco
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
sale, pepe

Per la pasta da quiche: con la planetaria (o nel mixer, utilizzando le lame metalliche e procedendo ad impulsi) lavorate la farina insieme al burro salato freddo tagliato a pezzetti utilizzando il gancio a k. Aggiungete l’uovo intero e l’acqua continuando ad impastare fino a quando otterrete un impasto liscio eomogeneo. Prelevatelo dalla ciotola, se necessario lavoratelo brevemente a mano, quindi formate la classica palla. Ora avvolgetela nella pellicola alimentare e fatela riposare in frigorifero per 2 ore.

A mano: lavorate con le dita il burro morbido in una ciotola insieme alla farina e al sale fino a quando esso sarà stato completamente incorporato dalla farina. Unite l’uovo e l’acqua e continuate ad impastare fino a quando otterrete un impasto omogeneo, quindi procedete come sopra.

Per il ripieno: riducete con un coltello i cuori di carciofo a spicchi, quindi rosolateli in una padella antiaderente abbastanza capiente insieme all’olio extravergine di oliva e all’aglio mondato e schiacciato. Aggiungete un mestolo scarso di acqua e fateli cuocere per circa 10 minuti o comunque fino a quando si saranno inteneriti. Regolate di sale e di pepe, aggiungete il prezzemolo fresco tritato. Fate raffreddare completamente. In un piatto fondo mescolate i formaggi grattugiati insieme alle uova, che avrete precedentemente sbattuto, alla panna e al prosciutto crudo tagliato a listarelle. Regolate di sale epepe e mescolate fino ad ottenere un composto omogeneo.

Stendete la pasta con il mattarello su un foglio di carta da forno portandola ad uno spessore di circa 3 mm e con questa rivestite uno stampo rotondo da 24 cm di diametro che avrete leggermente imburrato (formando sia la base che i bordi). Bucherellate la base con i rebbi di una forchetta e versatevi all’interno i carciofi a temperatura ambiente, avendo cura di distribuirli in maniera omogenea. Coprite con il composto di formaggio, uova e panna, quindi livellate con il dorso di un cucchiaio e fate cuocere nel forno già caldo a 180° per circa 40 minuti.

Articoli correlati:

Stampa questo post Stampa questo post
Condividi su:

37 comments

1 Carlotta 3 marzo 2011 alle 07:52

Bellissima e immagino buonissima!! Anche qui la domenica sera è così e questa è una bellissima idea! Devo pensare anche io di surgelare la brisée, la togli dal freezer molto tempo prima??
Buona giornata

2 Milen@ 3 marzo 2011 alle 07:59

Le “paste burrose” con il burro 1889 acquistano una personalità degna di nota e con questo goloso ripieno ancor di più …..

3 susanna.f22 3 marzo 2011 alle 08:18

deve essere davvero gustosa questa quiche!
perchè non la proponi in questo bel contest…
http://susannaf22betty15.giallozafferano.it/2011/02/22/una-grande-accoppiata-vinitaly-e-venezia-come-si-puo-non-provarci/

4 symposion 3 marzo 2011 alle 08:28

devo dire che anche io preferisco la cena del sabato fatta con tutti i crismi! raramente la domenica, in genere di domenica preferisco dormire fino a atrdi se posso :))
ottima la quiche, i carciofi in questo periodo sono un must, sabato scorso il mercato ne era pieno una meraviglia! mi era venuta voglia di fotografarli :)
buona giornata!

5 raffy 3 marzo 2011 alle 08:57

che delizia…adoro i carciofi e nella quiche sono divini!!! bravissima!

6 valentina 3 marzo 2011 alle 09:13

Bella idea i carciofi nella quiche!!!! ;)

7 Marina 3 marzo 2011 alle 09:14

Sono una fanatica delle quiches e questa è anche molto bella, complimenti! Il burro salto nell’impasto lo uso anch’io e secondo me fa la differenza…

8 Le Rocher 3 marzo 2011 alle 09:24

Buonissima! Ottimo il ripieno che abbina i carciofi al crudo e al gruyère!

9 Onde99 3 marzo 2011 alle 09:44

Ehi! Su questa tradizione della quiche della domenica sera il copyright è mio!!! Beh, ti cedo l’usufrutto, anche perché le tue torte salate sono stupende… considerato che, in tal veste, sei riuscita a far mangiare i porri anche a Marco, quasi quasi ti copio questa e vediamo se per una volta mi riesc mangiare i miei adorati carciofi senza sentire sbuffi di sottofondo!

10 LILLY 3 marzo 2011 alle 09:57

Ciao Sara!
Mi hai dato un’ottima idea (come sempre!!) per sabato sera…il mio fida vuole assolutamente stare a casa a vedere la partita…quindi penso che mi diletterò in cucina anche questo sabato ;-) ormai mi ha preso troppissimo la voglia di cucinare e di sperimentare, anche cose nn troppo complicate, visto che sn ancora molto brava!!!
Sei il mio appuntamento quotidiano!!!
Un bacioneeeeee

11 Sara 3 marzo 2011 alle 10:05

Ciao :)
E se usassi del tonno al posto del prosciutto? Sì, vero? :)

12 imma 3 marzo 2011 alle 10:08

le quiche mi fanno impazzire se poi hanno deglim abbinamenti cosi gustosi allora sono proprio il top e tu sai smepre come ingolosirmi!!!che abbinamento fantastico!!!bacioni imma

13 Alice 3 marzo 2011 alle 10:11

le quiche sono salva frigo e salva tempo! rendono tantissimo e sono davvero eleganti :)
ah…le frolle al burro salato…che cosa goduriosa!
un bacio!

14 LILLY 3 marzo 2011 alle 10:11

Dicevo…visto che NON sn ancora molto brava…ma lo sto diventando…grazie a TE!!!!

15 mary 3 marzo 2011 alle 11:30

E’ favolosa questa quiche!

16 Acilia 3 marzo 2011 alle 11:31

La quiche è un piatto che apparentemente sembra accessibile a tutti, ma di veramente buone ne ho assaggiate poche fino ad oggi. È facile che diventino secche, spugnose.
La tua è bellissima, sembra avere la giusta fragranza. Il connubio carciofi-prosciutto crudo mi piace molto.
Un caro abbraccio :-)

17 Cenerentola 3 marzo 2011 alle 11:56

ciao Sara! anche da me la domenica sera si va alla sbrigativa, soprattutto alla leggera considerando che la domenica a pranzo si prepara sempre qualcosa di più elaborato e goloso! la tua quiche ha ingredienti davvero squisiti complimenti;)

18 simo 3 marzo 2011 alle 12:26

davvero uno splendido abbinamento di sapori…devo provarla anche io questa quiche, magari è il modo migliore per far mangiare i carciofi alla mia figliola!
Un abbraccio

19 Veru 3 marzo 2011 alle 12:31

Io e la quiche non andiamo d’accordo, non so come mai :) Le preparo ma non le mangio, non c’è verso :D

20 l'albero della carambola 3 marzo 2011 alle 15:15

Conosco bene la pasta di Felder: appena posso la preparo anch’io. E devo dire che le quiche non deludono mai. La tua è superinvitante!!!
simo

21 mirtilla 3 marzo 2011 alle 16:18

una vera delizia,ti e’venuta benissimo :)

22 manu e silvia 3 marzo 2011 alle 16:50

Ciao! delicata e gustosa! semplice nella preparazione e sfiziosa all’assaggio!
bacioni

23 Dada 3 marzo 2011 alle 20:54

troppo buona questa quiche di crudo e carciofi! La devo assolutamente provare, perchè io amo queste torte rustiche!
veloce, come hai detto tu, ma saporitissima! vado a sbirciare come si fa la quiche :)
Bacioni! :-D

24 Sara@fiordifrolla 3 marzo 2011 alle 22:07

@ Carlotta: la prendo fuori circa un paio d’ore prima, altrimenti la faccio il giorno prima e la tengo in frigorifero fino al momento dell’utilizzo :)

@ MIlen@: quel burro è talmente buono da donare grande personalità ad ogni preparazione nel quale lo si impiega secondo me :)

@ Susanna.f22: grazie per la segnalazione :)

@ Symposion: idem per me! Anche qui ci sono moltissimi carciofi e non ti nego che in questo periodo ne sto mangiando davvero tanti (li adoro!) :)
Buona serata!

@ raffy: grazie :)

@ valentina: grazie, non ho scoperto nulla eh, però ci stanno davvero bene :)

@ Marina: anche secondo me fa la differenza ;)

25 Sara@fiordifrolla 3 marzo 2011 alle 22:21

@ Le Rocher: grazie :)

@ Onde99: grazie per l’usufrutto, come sei magnanima! :D Cioè, fammi capire, quindi Marco ha apprezzato la mia quiche ai porri?! Questa cosa mi fa un sacco piacere! Per me così camuffati i carciofi li mangia eccome… ;)
Un abbraccio tesoro :*

@ Lilly: che bello leggere queste parole Lea, grazie di cuore! Non ti preoccupare, avevo capito quello che intendevi dire :) Un bacio grande :*

@ Sara: ehm io non amo particolarmente questa opzione, non credo che con i carciofi ci starebbe poi così bene, ma i gusti sono gusti, dopo tutto :)

@ Imma: grazie Imma, buon week end :)

@ Alice: le quiches mi hanno salvato in ben più di un’occasione devo dire, sono proprio praticissime!

@ Mary: grazie :)

@ Acilia: infatti secondo me le buone quiches si distinguono soprattutto dal ripieno, che non deve risultare troppo secco e asciutto a mio avviso :) Un caro saluto!

26 Sara@fiordifrolla 3 marzo 2011 alle 22:24

@ Cenerentola: grazie mille, mi piace leggere le vostre abitudini per il week end :)

@ Simo: spero che li apprezzerà, così sono effettivamente un po’ nascosti e magari riesce a mangiarli :)

@ Veru: ma dai, davvero? :)

@ L’albero della carambola: grazie!

@ Mirtilla: grazie mille :)

@ manu e silvia: grazie ragazze :)

@ Dada: grazie :)

27 Laura 4 marzo 2011 alle 13:54

dev’essere fantastica!
Io oltretutto non ho mai provato a fare questa pasta, sarei curiosa di provare. E lo farò!

28 Patty 5 marzo 2011 alle 22:26

Ciao Sara, bella questa ricetta. Proprio qualche giorno fa, avevo voglia di una torta salata ed ho fatto una tatin di carciofi e prosciutto crudo e l’abbinamento è risultato vincente. Adesso voglio provare la tua quiche che ha un cuore più cremoso e ricco. Un abbraccio, Pat

29 Manuela 7 marzo 2011 alle 15:20

ottima… mi piacciono molto le tue ricette … continuerò a seguirti
a presto

30 Sara@fiordifrolla 7 marzo 2011 alle 21:34

@ Laura: fammi sapere come ti sei trovata!

@ Patty: buonissima anche la tatin di carciofi, che senza dubbio si presenta anche molto bene :) Un abbraccio, buona serata :)

@ Manueka: grazie e benvenuta :)

31 letiziando 8 marzo 2011 alle 07:56

Visti gli ingredienti utilizzati non può che avere un sapore appagante e avvolgente per il palato, come lo è del resto per gli occhi. Buonissimi anche i biscotti alla crema di pistacchio. Ti ho scoperta solo adesso ed è proprio un peccato… chissà quante cose mi sono persa, ma conto pian piano di rimettermi in pari :)

Bacio e buona giornata
diariodicucina.blogspot.com

32 Dario 8 marzo 2011 alle 17:37

Ciao Sara, sarà la fame del giovedì pomeriggio, ma ho deciso che questo we la faccio!

33 Sara@fiordifrolla 8 marzo 2011 alle 21:28

@ letiziando: benvenuta :) Hai tutto il tempo per rifarti se vuoi, io non scappo :) Grazie mille per le tue parole, ti auguro una buona serata :)

@ Dario: giovedì pomeriggio?? Oggi non è martedì?! Dario non ti sarai mica un po’ perso per la settimana! Un bacio carissimo :*

34 Dario 9 marzo 2011 alle 01:18

Ooopss! Probabilmente nel mio subconscio speravo fosse giovedì, il troppo lavoro mi sta logorando!!

35 Sara@fiordifrolla 9 marzo 2011 alle 21:43

@ dario: penso di poter dire la stessa cosa anche di me sai? Solidarietà Dario, solidarietà ;)

36 marcy 15 marzo 2011 alle 02:09

ottima ricetta! al posto del crudo ho messo lo speck, e posso dire che il risultato è stato eccellente!

37 Sara@fiordifrolla 15 marzo 2011 alle 18:31

@ marcy: grazie e benvenuta!

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.