mercoledì 14 ottobre 2009

Risotto affumicato alle mele

Si vede che sono in piena fase di primi piatti, eh? Dopo gli gnocchi del post precedente, ecco che oggi è il turno del risotto. E’ passato tanto, troppo, tempo dall’ultima volta che ne ho fatto uno e quindi è capitato che mi sono sentita quasi emozionata nell’inaugurare la mia personalissima “stagione delr isotto”.
Inizio con una preparazione non molto ortodossa a dire la verità, spero di non urtare la sensibilità dei puristi/integralisti, il fatto è che ogni tanto è anche stimolante variare un po’, no? In fondo il metodo di cottura è quello canonico in casseruola, con un mestolo di brodo per volta e mantecatura (si dirà?) finale con parmigiano reggiano grattugiato. Se non fosse che alla fine è previsto un piccolo passaggio in forno(brevissimo eh, soli 5 minuti) per permettere al formaggio di fondersi e diventare, ça va sans dire, golosamente filante. Dicevamo che si tratta di un risotto dal gusto affumicato, che deve il suo sapore allo speck e alla scamorza, binomio che, come ben sapete se mi leggete da qualche tempo, mi piace sempre tanto. Il tutto viene poi  smorzato dalle fettine di mela (rigorosamente con la buccia)rosolate in poco burro con una foglia di alloro e un paio di bacche di ginepro.

Devo dire che abbiamo gradito molto, sicuramente è un altro pezzo da inserire nel repertorio per quando vado un po’ di fretta e non so cosa cucinare (anche perché questi ingredienti a casa mia non mancano quasi mai…), ma si sa che quando si tratta di sapori tendenzialmente nordici io non sono per nulla obiettiva. Unico neo è il fatto che il passaggio sotto il grill fa perdere un po’ di cremosità al piatto, cosa alla quale si può facilmente ovviare, lasciando il risotto un po’ più lento rispetto al solito prima di trasferirlo nella pirofila e di infornarlo.

Risotto affumicato alle mele
(estrapolato da “Cucina Moderna” – Novermbre 2008)
Ingredienti per 2 persone:
200 g di riso Carnaroli
1 mela rossa
50 g di speck a cubetti
50 g di scamorza affumicata
1 bicchierino di brandy
1 scalogno
2 bacche di ginepro
1 piccola foglia di alloro
parmigiano reggiano grattugiato q.b.
brodo vegetale caldo q.b.
10 g di burro + quello per la pirofila
sale
pepe
Procedimento:
Lavate la mela, asciugatela e tagliatela in quarti. Detorsolatela (lasciate la buccia) e riducetela a fettine sottili. In una padella antiaderente fate profumare il burro con la foglia di alloro e le bacche di ginepro. Subito dopo unite le mele e lo speck e fate rosolare per circa 5 minuti mescolando con un cucchiaio di legno, quando il grasso dello speck si sarà quasi sciolto sfumate con il brandy e lasciate evaporare. Spegnete e tenete da parte eliminando alloro e ginepro.
Mondate lo scalogno e tritatelo finemente con un coltello. Fatelo rosolare in una casseruola con una noce di burro ed unite il riso. Lasciatelo tostare per un paio di minuti a fiamma alta mescolando con un cucchiaio di legno. Portate il riso a cottura non completa, lasciatelo bensì al dente, aggiungendo un mestolo di brodo vegetale caldo per volta e avendo cura di mescolare per non farlo attaccare. Regolate di sale e di pepe e spegnete il fuoco. Mantecate con il parmigiano reggiano grattugiato e rimestate nuovamente, quindi lasciate riposare coperto per un paio di minuti.
Imburrate una pirofila e disponete un primo di stato di risotto, coprite con un alcune fettine di scamorza piuttosto sottili e aggiungete un po’ di mele e speck. Proseguite con un altro strato di risottoe procedete in questo modo fino ad esaurimento degli ingredienti, terminando con il riso. Passate sotto il grill caldo per circa 5 minuti, quindi impiattate e servite subito.

Articoli correlati:

Stampa questo post Stampa questo post
Condividi su:

0 comments

Non ci sono ancora commenti...

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.