lunedì 12 dicembre 2011

Sablés integrali ai pistacchi e cioccolato e… #vitanova11

Sablées integrali ai pistacchi e cioccolato

Che colori ha per voi il Natale? Io nella risposta non ho dubbi: rosso e bianco. Non è un caso infatti che il mio albero sia sempre addobbato con una predominanza di questi due colori, lo stesso dicasi per ogni decorazione che adorna la mia casa (dalle presine, alle candele, passando per tovaglie & co, il tutto in stile shabby tirolese). Il rosso mi regala sensazioni di calore, di intimità, di famiglia, affetto e amore, mentre il bianco mi fa pensare immediatamente alla neve, che quest’anno però si fa un po’ troppo attendere per i miei gusti. Colori che guarda caso, trovate anche nella foto del post odierno.

Proseguo quindi nel mio mood natalizio, con qualche idea e appunto per i momenti che passerete in cucina in vista delle prossime festività. Per oggi avrei pensato a questi alberelli sablés che ho realizzato con dell’ottima farina di pistacchi (che, incredibile ma vero, ho trovato in un’enoteca molto fornita della mia città mentre cercavo in realtà tutt’altro) e una farina molto particolare che è la Petra 9. Per terminare il tutto ho pensato che un “bagno” per metà nel cioccolato fondente non avrebbe fatto altro che giovare a questi friabilissimi biscotti, per completarli non solo da un punto di vista estetico, ma anche da quello del gusto.

Come potete notare questi alberelli hanno un colore particolarmente ambrato e una texture piuttosto ruvida, per non dire quasi grezza, aspetti che derivano essenzialmente dal tipo di farina che ho utilizzato, la quale ha fatto sì che l’impasto abbia assunto anche un marcato sapore di grano e una consistenza più rustica (Petra 9 è infatti una farina macinata a pietra che contiene al suo interno parti del chicco con una granulometria diversa; questo lo dico non per pubblicità, ma perché è un prodotto che sto imparando a conoscere, che merita e, come tale, non posso non segnalarvelo). Caratteristiche che me li hanno fatti adorare non poco! Ecco la ricetta:

Sablés integrali ai pistacchi e cioccolato

Ingredienti per circa 50 biscotti:
200 g di farina Petra 9 (o altra farina integrale di qualità)
130 g di burro freddo di frigo
90 g di zucchero semolato
60 g di farina di pistacchi
1 tuorlo
1 pizzico di sale

inoltre:
250 g circa di cioccolato fondente

Nella ciotola della planetaria versate le due farine (la petra 9 e quella di pistacchi) e il burro freddo tagliato a tocchetti. Impastate a bassa velocità con il gancio a k fino a quando otterrete un impasto sabbiato che non dovrete lavorare molto (se non avete la planetaria potete in alternativa utilizzare il mixer, procedendo ad impulsi per non surriscaldare troppo l’impasto). Unite adesso lo zucchero semolato, il tuorlo e il pizzico di sale, quindi azionate di nuovo l’apparecchio e impastate molto velocemente. Formate la classica palla, avvolgetela nella pellicola per alimenti e ponete in frigorifero a raffreddare per almeno 3 ore.

Trascorso questo tempo, prelevate l’impasto e stendetelo su di una superficie infarinata aiutandovi con un mattarello. Dovete portarlo allo spessore di 3 mm. Infarinate il tagliapasta prescelto (il mio ad alberello) e ricavate tante sagome che disporrete, opportunamente distanziate, su di un paio di vassoi rivestiti di carta da forno. Proseguite in questo modo fino ad esaurimento della pasta e ponete i vassoi in frigorifero per 15 minuti. Fate cuocere i biscotti nel forno già caldo a 180° per circa 12 minuti. Lasciateli raffreddare completamente su di una griglia per dolci, quindi immergeteli per metà nel cioccolato fondente che avrete fatto fondere a bagnomaria. Disponeteli su di una griglia per dolci in modo da far colare il cioccolato in eccesso e fateli riposare fino a quando quest’ultimo si sarà solidificato.

______________

Ma non finisce qui. Non so se lo avete notato quel banner nella barra laterale che contiene un countdown dei giorni che mancano “per iniziare a sognare #Vitanova11″. Visto che ormai siamo agli sgoccioli, credo sia giunto il momento di spiegarvi che cos’è in sostanza questo progetto. Si tratta di un wellness blogtrip, nel quale io e altre 8 blogger andremo in Trentino alla scoperta del territorio circostante, per un periodo complessivo di 4 giorni, dal 15 al 18 dicembre. Il programma è davvero ricco di momenti di relax, benessere psicofisico e divertimenti, tra i tanti ci terrei a dirvi che, finalmente, dopo tanti mesi di attesa, tornerò a sciare (sperando che la neve nel frattempo sia arrivata copiosa) e che ci saranno anche tanti piccoli eventi dedicati alla cucina e all’enogastronomia, come una visita al caseificio turnario, un corso di cucina tipica trentina con la signora Sandra dell’hotel Cevedale di Cogolo di Pejo e tanto altro ancora. La nostra casa base sarà l’Hotel Kristiania di Cogolo di Pejo (Tn), nella bellissima Val di Sole.

Ecco i nomi delle altre 8 blogger che prenderanno parte all’evento: Sandra di Un Tocco di Zenzero, Federica G. di Travel to Taste, Federica Piersimoni del blog omonimo, Francesca T. di Travel’s Tales, Michela S. di Comunica te stesso, Valentina di Dreamy Melrose, Ramona di Farina Lievito e Fantasia e Elena di Meno male son golosa.

Qui invece, se vi va di conoscermi meglio, trovate una breve intervista fotografica che è stata fatta a me e Federica per l’occasione.

La partenza è fissata quindi per il prossimo giovedì 15 dicembre, seguitemi mentre sarò là (connessione permettendo of course) attraverso facebook e il mio profilo twitter, ma in ogni caso al mio ritorno aspettatevi un resoconto dei miei ricco di foto, indirizzi e percorsi mangerecci e non.

Prima di quella data però continuate a leggermi perché un altro (dolcissimo) post vi attende ;)

Articoli correlati:

Stampa questo post Stampa questo post
Condividi su:

30 comments

1 Roberta 12 dicembre 2011 alle 07:27

Anche per me rosso e bianco, ma con motivi norvegesi. I tuoi alberelli sono uno spettacolo. Farina di pistacchi…interessante…buona sttimana, a presto

2 ladyB 12 dicembre 2011 alle 07:55

Anche casa mia è diventata magicamente rosso e bianco! ;) Mi ricorda il natale più di ogni altro duo di colori… questi alberini sono favolosi e questa farina Petra 9 interessantissima! (anch’io ne uso spesso una simile..la farina 2)…un abbraccio e dopo il prossimo post.. buon’avventura!

3 Gaia 12 dicembre 2011 alle 08:26

Adoro tutto cio’ che e’ integrale e adoro tutto cio’ che e’ cioccolatoso!basta questo credo per dirti che i biscotti me li segno subito da rifare a breve!!!

4 Rossana 12 dicembre 2011 alle 08:31

Sto già sabbiando le farine in planetaria…
resisterò ad aspettare le 3 ore di riposo!?

Meravigliosa l’iniziativa wellness!
Attendo il reportage e buon divertimento!!!

5 Raffy 12 dicembre 2011 alle 09:04

wow..strepitosiiiii!! poi amo i pistacchi!

6 Laura 12 dicembre 2011 alle 09:24

Che favola questi biscotti!!!
le tue ricette sono sempre una festa per gli occhi e per il palato :-)
mi incuriosisce molto la farina che hai utilizzato visto che adoro i pistacchi e le farine integrali…ho visitato anche il loro sito, ma visto che sono anch’io di Roma puoi dirmi dove l’hai acquistata?
grazie mille, ancora complimenti e buona partenza!!
Laura

7 Milen@ 12 dicembre 2011 alle 10:15

Complimenti per il progetto Vita nova e buon divertimento :D
E’ interessante il mix di farine che hai usato ed è deliziosa la forma di alberello per questi biscotti che mi paicerebbe tanto assaggiare :D

8 breakfast at lizzy's 12 dicembre 2011 alle 10:46

pistacchi+farina integrale+cioccolato … devono essere strepitosi!!

9 valentina 12 dicembre 2011 alle 11:26

Ciao!!!! prima di tutto complimenti, in Trentino sarà una splendida esperienza!!!! E poi che bei biscotti!!!!!!

10 Virò 12 dicembre 2011 alle 11:34

Bellissimi!

Pensi che in mancanza della farina di pistacchi si possa utilizzare quella di mandorle o di nocciole?

Favolosa l’esperienza in Trentino: non vedo l’ora di leggere i resoconti!

11 germana 12 dicembre 2011 alle 11:55

Come vi invidio!!
Anche se superfluo dirlo, aspettiamo un dettagliato resoconto di questa bellissima vacanza.
PS:biscotti favolosi come sempre

12 l'albero della carambola 12 dicembre 2011 alle 13:01

Vi invidio anch’io da morire! E non vedo l’ora di leggere il vostro report :-) innanto corro a caccia di farina di pistacchi….la voglio anch’ioooooooooo! Un saluto e complimenti davvero per questi alberelli deliziosi. Bravissima
simo

13 Carolina 12 dicembre 2011 alle 14:08

Non appena ho letto nel feed “sablés integrali” mi sono precipitata a leggere il post. Una volta arrivata qua, oltre a dei particolarissimi biscotti, ho trovato un sacco di altre novità. :)
Aspetterò con curiosità il resoconto…
Buon pomeriggio cara Sara!

14 risomandorlino 12 dicembre 2011 alle 16:06

Una texture particolare e la presenza della farina di pistacchio con l’aggiunta di un velo di cioccolato in copertura…devo cercare la farina di pistacchi, o in alternativa iniziare a sbriciolare gradualmente quelli che ho in dipensa, sìsì!! Grazie per la ricetta festiva ;)) Lys

15 Valentina 12 dicembre 2011 alle 17:19

divini frolla coi pistacchi!!!! e poi cioccolato!!

16 Rossana 12 dicembre 2011 alle 18:41

Il germe di grano e i sentori minerali del pistacchio creano una sinfonia che sorprende!
Sono friabilissimi!
Sai sempre come esaltare le eccellenze, credo che non potrò più fare a meno delle farine Petra ;P
Grazie per avermele fatte conoscere!

17 Sara@fiordifrolla 12 dicembre 2011 alle 20:26

@ Roberta: motivi scandinavi anche per me, va detto ;) Buona settimana a te!

@ LadyB: già, la Petra 9 è davvero molto interessante, pensa che al corso che si è tenuto con il maestro Morandin mi è capitato di assaggiare un panettone realizzato con questa farina e devo dire che secondo me aveva una marcia in più, anche solo perché lo trovo molto più digeribile :) Grazie mille, non vedo l’ora di partire!

@ Gaia: condividiamo questa passione per l’integrale mi sa, per il cioccolato non serve nemmeno dirlo perché tanto è ovvio che ne vado matta :D Un bacio

@ Rossana: alla fine ho letto che li hai preparati, sono contentissima che ti siano piaciuti! Io mi sono innamorata della Petra 9, della sua ricchezza e del sapore che conferisce agli impasti, mi fa piacere se anche tu ti trovi altrettanto bene :) Un abbraccio cara :*

@ Raffy: anch’io li adoro :D

18 Sara@fiordifrolla 12 dicembre 2011 alle 20:34

@ Laura: in un momento nel quale non sempre si hanno delle certezze, leggere queste tue parole mi scalda il cuore. Io la farina l’ho acquistata direttamente dal loro e-shop, sono confezioni da 5 kg ciascuna (pensa che ne ho comprate tre tipologie e quindi ben 15 kg!), ti lascio il link: http://shop.farinaearte.it/ :) Grazie mille a te, a presto!

@ Milen@: grazie mille, sono certa che mi divertirò un sacco! Ti sembrerà strano, ma non l’avevo mai utilizzato questo stampino… ho pensato che fosse giunto il momento di fargli vivere il suo attimo di gloria :D

@ Breakfast at lizzy’s: qui sono stati tanto apprezzati ;)

@ Valentina: non vedo l’ora di partire, conto le ore! I biscotti originariamente dovevano essere un pensierino natalizio per un’amica, poi si sono volatilizzati e quindi addio regalino! :D

@ Virò: ti consiglio caldamente quella di nocciole, specie se usi una farina integrale molto ricca tipo la Petra 9, i due sapori si sposeranno a meraviglia. E poi nocciole + cioccolato… beh è una favola!
Cercherò di fare in modo di fare un bel reportage dell’esperienza trentina, a maggior ragione se so che siete curiosi di leggere com’è andata :)

19 Sara@fiordifrolla 12 dicembre 2011 alle 20:42

@ Germana: e stai pur certa che il resoconto dettagliato arriverà ;) Grazie!

@ L’albero della carambola: grazie, vedrai che la farina di pistacchi la trovi, prova nei negozi di alimentari più forniti :)

@ Carolina: buonasera Caro! I biscotti te li consiglio, se un po’ ho capito come sono i tuoi gusti credo ti potrebbero piacere assai ;) Un abbraccio

@ Risomandorlino: sì è una soluzione anche questa, l’importante è che non siano pistacchi salati :) Grazie a te, di ricette festive ne arriveranno molte altre!

@ valentina: grazie!

20 Rossana 12 dicembre 2011 alle 22:01

Per chi cerca la farina di pistacchi di Bronte, ecco un link per lo shop on line ;D
http://www.brontepistacchio.it/shop/19-farina-di-pistacchio

21 Ilaria 13 dicembre 2011 alle 07:45

Al rosso e bianco aggiungerei anche un bel tocco d’oro e d’argento.
Non aggiungerei invece nulla ai tuoi biscotti… sono già perfetti così!

22 Dulcistella 13 dicembre 2011 alle 08:36

oh, wow, il Trentino! è vicino a casa mia, ma pensa un po’, non ci sono mai stata! Che invidia!
Bè complimenti, te lo meriti proprio!

23 daniela 13 dicembre 2011 alle 08:57

Carissima…sono davvero felice per te..potrai gustarti un po’ della mia Val di Sole..( sai la mia famiglia è originaria di quella zona!! ^-^)
Daniela ( ed Egidio ovviamente!)

24 Sara@fiordifrolla 13 dicembre 2011 alle 18:26

@ Rossana: grazie, preziosissima come sempre!

@ Ilaria: senza dubbio anche l’oro e l’argento sì :)

@ Dulcistella: ma dai davvero? Scusa ma dove abiti? Sono curiosa!

@ daniela: sapevo delle tue origini, ma non pensavo fossi proprio della Val di Sole! Un abbraccio a te e a Egidio :*

25 Tuki 14 dicembre 2011 alle 11:57

Pensa che dall’anteprima di flickr avevo pensato acd un fiocco di neve.. Petra 9 e pistacchi suonano moolto bene assieme ;)

26 Sara@fiordifrolla 14 dicembre 2011 alle 21:32

@ Tuki: ho visto che sei andata di sablés anche tu, si vede che la Petra 9 ci ha ispirate entrambe allo stesso modo! ;)

27 Dulcistella 15 dicembre 2011 alle 07:54

io abito in Friuli… anzi, attualmente nella Venezia Giulia, per essere più precisa :-D
Sono di un paesino vicino a Udine, ma abito a Trieste. Il Trentino tutto sommato non è lontano, ma non ci sono mai stata e mi piacerebbe andarci. Buona gita!

28 Sara@fiordifrolla 15 dicembre 2011 alle 08:32

@ Dulcistella: adoro Trieste, ci sono stata un paio di volte e la trovo una città stupenda :) Grazie mille, sono in partenza :)

29 Le Rocher 19 dicembre 2011 alle 12:06

meravigliosi questi biscotti! ci piace l’idea dei sablés con la farina di pistacchio.
Il colore del Natale? Bianco e rosso, ma anche un bel verdone per spezzare un po’

30 Sara@fiordifrolla 21 dicembre 2011 alle 00:25

@ Le Rocher: sono d’accordo, il verde lo davo quasi per scontato perché è il colore dell’albero ;)

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.