Shortcake alle pere e more

Shortcake pere e more

E per chi, perdendosi l’occasione di gustare qualcosa di veramente particolare, non avesse provato la ricetta precedente, ecco l’opportunità di rifarsi con un altro dolce, ma dalla forma e dal gusto completamente diversi, nel quale l’ingrediente principe sono sempre le pere. Se nella versione cotte econ la salsa al caffé erano un dessert in qualche modo raffinato ed elegante, oggi passo a qualcosa di decisamente più rustico, ma non per questo meno appagante. Per realizzare questa shortcake, sono partita da una ricetta di Bill Granger, contenuta in “Un uomo in cucina” (Luxury Books editore), che poi ho completamente stravolto modificandone il ripieno, optando per more e pere (anche se ad essere sincera al 100% in mezzo alle more mi sono scappati una ventina di grammi di mirtilli che erano lì soli soletti in un remoto angolino del cassetto del congelatore, ma non ditelo a nessuno ;) e aggiungendo anche un sottile strato di pangrattato per assorbire i succhi rilasciati dalla frutta in cotttura. Il tutto piacevolmente rinfrescato da una punta di scorza di limone grattugiato e racchiuso in un friabile guscio di pasta frolla, resa un po’ croccantina in superficie grazie ad una copiosa spolverata di zucchero semolato.

Devo dire che  dal punto di vista del gusto non ho nulla da dire, si tratta proprio di un dolce da té molto gradevole, che può essere servito volendo con della panna montata non zuccherata o, in caso di temperature un po’ più basse di quelle degli ultimi giorni, con una salsa inglese alla vaniglia. Ma una cosa ve la devo far notare, anche perché è qui che sta la differenza (o una delle) tra un libro di ricette equello che si presume essere un blog di cucina, no? Ebbene, la pasta frolla (che io ho fatto riposare per sole 2 ore, fregandomene dei 30 minuti indicati nella ricetta, ma che suggerisco di aumentare ad una notte intera) è un po’ difficilina da stendere. Mi spiego meglio: con queste dose otterrete degli strati di pasta molto sottili e quindi noterete che si romperà un pochino, soprattutto durante la fase di spostamento dalla spianatoia allo stampo (che deve essere rigorosamente a cerchio apribile, mi raccomando). Il mio modesto consiglio quindi è quello di stendere il primo disco, quello che farà da base per capirci, su di un foglio di carta da forno, che disporrete (con tanto di impasto già steso sopra)direttamente dentro alla tortiera, e di prestare la massima attenzione nello stendere il secondo, controllando spesso che tra la pasta e la superficie di lavoro ci sia sempre un sottile e leggero velo di farina.

Se poi nonostante tutti questi accorgimenti un po’ di impasto dovesse rompersi ugualmente, non vi preoccupate, è successo anche a me e come vedete è anche bello poter intravedere attraverso qualche spaccatura il colore violaceo del ripieno.

Shortcake pere e more - alcuni ingredienti

Shortcake alle pere e more

Ingredienti per uno stampo a cerchio apribile da 22-24 cm:
per la pasta frolla:
190 g di farina 00
125 g di burro freddo
125 g di zucchero semolato
1 uovo
1 cucchiaino di lievito in polvere per dolci
1 pizzico di sale

per il ripieno:
4-5 pere Conference medie mature ma sode
155 g di more di rovo
la scorza di 1 limone bio grattugiata
2 cucchiai di zucchero semolato
1 cucchiaio di acqua
pangrattato q.b.

inoltre:
acqua per spennellare
zucchero semolato per spolverare

Procedimento:
La sera prima preparate la pasta frolla: nella ciotola della planetaria (o nel mixer utilizzando le lame eprocedendo ad impulsi) lavorate, con il gancio a k e a bassa velocità, lo zucchero semolato insieme al burro freddo di frigo tagliato a cubetti. Unite l’uovo, sempre tenendo l’apparecchio in funzione, e fatelo amalgamare brevemente. Aggiungete la farina e il lievito setacciati insieme al pizzico di sale, quindi impastate fino ad ottenere un composto omogeneo, privo di striature di burro. Formate una palla, che avvolgerete nella pellicola alimentare, e fate riposare in frigorifero per tutta la notte.

Il giorno seguente preparate il ripieno: sbucciate le pere, eliminate il torsolo, tagliatele prima in quarti epoi a fettine. Trasferitele in una casseruola insieme ai due cucchiai di zucchero, alla scorza di limone grattugiata e all’acqua. Coprite e fate cuocere brevemente, mescolando delicatamente di tanto in tanto con un cucchiaio di legno, a fuoco basso fino a quando saranno diventate morbide, ma senza sfaldarsi. Fate raffreddare completamente e, se necessario, scolatele da eventuale acqua in eccesso.

Dividete la pasta frolla in 2 parti uguali con un coltello, quindi mettetene una di nuovo in frigorifero estendete l’altra (vedi premessa) con il mattarello su di una superficie infarinata in modo da formare un disco della dimensione dello stampo prescelto. Imburrate quest’ultimo e posizionatevi all’interno il disco di pasta frolla appena steso. Spolverizzatelo con un po’ di pangrattato (che avrà la funzione di assorbire i liquidi che la frutta rilascerà durante la cottura) e disponetevi sopra le fettine di pera ben fredde, lasciando 1 cm dal bordo esterno. Aggiungetevi le more e coprite con un secondo disco di pasta frolla che avrete formato utilizzando la metà di impasto rimanente. Premete bene ai lati con le dita in modo da saldarle.

Spennellate la superficie del dolce con poca acqua e spolverizzate con dello zucchero semolato. Fate cuocere il tutto nel forno già caldo a 180° per circa 40 minuti o fino a quando la pasta apparirà leggermente dorata. Fate raffreddare completamente prima di sformare. Servite a piacere con un po’ di panna montata non zuccherata.

Shortcake pere e more

Autore

Sara Querzola
Sara Querzola
Ciao sono Sara e questo è Fiordifrolla, un luogo in cui si intrecciano e trovano una collocazione alcune delle mie più grandi passioni: cucina, scrittura, fotografia, vino e viaggi. Questo blog è nato nel 2008 quasi per gioco, con gli anni è diventato il mio lavoro: ad oggi sviluppo ricette (e video), le cucino e le fotografo per numerosi ed importanti editori, riviste e agenzie.
  • 19
  •  
  • 12
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    31
    Shares

60 commenti su “Shortcake alle pere e more

  1. @ sarafly: benvenuta e grazie :) Io ti sconsiglio caldamente di fare questa sostituzione perché questo impasto è già veramente molto friabile così con il burro, figuriamoci con la ricotta :)

  2. Ciao! purtroppo oggi non ho trovato la ricotta ( é che in spagna é un problemino reperirla … ) e quindi ho preparato la frolla con il burro come da te indicato ;) … ora sta in frigo a “ninna” e domattina si continua con la preparazione di questa squisitezza!! io l’impasto l’ho fatto a mano in quanto il robot non ce l’ho, vediamo come viene! la consistenza era mooolto morbida ma credo che sia corretto … poi ti sapró dire di +… ovvio che la prossima volta proveró con la variante ricotta … sperando di trovarla!! intanto un bacio e grazissime ancora x tutto! besos from bcn

  3. @ Veronica: mitica! Mi fa troppo piacere, grazie :)

    @ Sarafly: ecco vedi non sapevo che non fosse facile reperirla lì, ma in effetti non si può dire che sia un formaggio tipico :) Come dicevo nel post la consistenza della frolla è particolarmente morbida, risulterà un po’ difficile stenderla, ma fino a questo momento chi ci ha provato ci è riuscito :)

  4. Ciao! buon pomeriggio! la shortcake é stata un successone: vista e sparita !! non ho trovato le more e ho utilizzato fichi e tutti hanno apprezzato moltissimo! grazie ancora x la sublime recipe!!! un abbraccione e alla prossima!

  5. Ciao Sara, scusa l’ingnoranza ma ti devo fare una domanda ;) se lo stampo per crostate non è apribile come fai ad estrarre la crostata in modo tale che non si rompi? è davvero terribile ogni volta che ci provo inizia spaccarsi e quindi mi fermo. tu hai qualche tecnica ”speciale” :) ti ringrazio in anticipo per la rispsta! ciaoo un bacionee

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.