venerdì 23 aprile 2010

Torta di fragoloni e crema soffice di yogurt alla vaniglia

Torta di fragoloni e crema soffice di yogurt alla vaniglia

Le fragole per me sono sinonimo della bella stagione, di sole e di estate. Beh in effetti oggi sono un po’ precoce, ma dietro a queste mie parole c’è, come accade quasi sempre, un dolcissimo ricordo legatoalla mia infanzia. Dovete sapere che, credo proprio nei primi giorni dopo la fine della scuola elementare o forse media, non ricordo, spesso trascorrevo i miei pomeriggi da mia nonna materna che vive in campagna e che possiede un discreto appezzamento di terreno coltivato attualmente a mele, pere, pesche e prugne, ma un tempo (soprattutto quando nonna era più giovane e non aveva mal dischiena) c’erano gli asparagi e le fragole. Anzi non vorrei dire un’eresia, ma queste due coltivazioni si alternavano nella medesima porzione di campo, forse per rendere il suolo più produttivo non so. Quando avevo finito i compiti le mie occupazioni principali erano due: confezionare torte, con il Dolce Forno Harbert quando me lo regalarono, altrimenti ero un’abilissima cuoca di torte di terra e bacche che realizzavo nei sottovasi dei fiori e che decoravo con i fiori stessi (per la serie piccole foodblogger crescono…), e la seconda invece era andare nel campo con i miei nonni e lo zio a raccogliere la frutta da vendere poi al mercato della zona. Ebbene mi ricordo, come se fosse adesso, di questi lunghi filari dipiantine basse e color verde intenso punteggiate qua e là da alcuni piccoli fiorellini molto simile a margherite. Io mi chinavo con il mio cestino blu e davo una mano come potevo con la raccolta, sempre curiosa di trovare dei bellissimi fragoloni tra le foglie rigogliose. Molti di questi finivano direttamente nella mia pancia a dire la verità e solo una piccola parte arrivava nel cestino, ma questa è un’altra storia!

E quindi capirete che questa torta di fragole non poteva che esercitare un discreto fascino su di me, mi è bastato infatti vederla in foto per desiderarla ardentemente. Il classico coup de foudre direi! Mi sono innamorata a prima vista di questo dolce per moltissimi motivi: prima di tutto perché la ricetta originale (che ho modificato nella forma e nella base, che ho ridotto perché era decisamente abbondante) porta la firma di Claudio Sadler, chef che mi aveva già fatto adorare questa torta ai mirtilli se ben vi ricordate. In secondo luogo perché ero incuriosita da questo strato che sostiene l’intera torta, a base di grissini finemente tritati, che viene impastato quasi fosse una sorta di frolla epoi cotto in bianco. Beh poi sarà anche ovvio, ma il binomio fragola + panna montata e yogurt allavaniglia non poteva che preannunciarsi come goloso e appagante. Insomma è una torta che mi è piaciuta moltissimo per la sua freschezza, forse anche perché non è poi così pesante come si potrebbe pensare, e che vi consiglio caldamente di servire con il suo bel coulis di fragole perché ne è il degno completamento.

Torta di fragoloni e crema soffice di yogurt alla vaniglia

Ingredienti per uno stampo da 24 cm di diametro:
per la base:
125 g di grissini
60 g di zucchero semolato
2 tuorli d’uovo
15 g di liquore alla vaniglia (io non l’avevo ed ho utilizzato del kummel)
50 g di burro freddo tagliato a cubetti
50 g di farina
la scorza di mezzo limone grattugiata

per la crema:
100 g di zucchero semolato
100 g di latte intero
350 g di panna fresca
200 g di yogurt alla vaniglia
15 g di gelatina alimentare

per il coulis di fragole:
200 g di fragoloni
100 g di zucchero

Procedimento:
Mettete i grissini nel mixer e sbriciolateli fino quasi a polverizzarli. Trasferiteli nella ciotola della planetaria insieme allo zucchero, la farina, il burro, la scorza di limone grattugiata e il liquore, impastate il tutto a bassa velocità utilizzando il gancio a k fino ad ottenere un composto omogeneo e privo di partidi burro non amalgamate. Cercate di compattarlo con le mani formando una palla, avvolgetelo nella pellicola per alimenti e mettetelo in frigorifero a riposare per circa 1 ora o comunque fino a quando si sarà indurito. Trascorso questo tempo prendetelo fuori dal frigorifero e, dopo averlo sbriciolato un po’ con le mani all’interno di una tortera circolare da 24 cm di diametro con la base rivestita di carta da forno (incastratela tra la base e l’anello possibilmente, così starà più ferma), compattatelo con il dorsodi un cucchiaio così come si fa per la base di un cheesecake. Premete e livellate fino ad ottenere uno strato compatto, omogeneo e tutto della stessa altezza. Fate cuocere nel forno già caldo a 180° per circa 10 minuti, dovrà essere leggermente dorato. Lasciate raffreddare completamente.

In una piccola casseruola fate sciogliere 100 g di zucchero con 100 g di latte e unitevi la gelatina, ben strizzata, che avrete fatto ammollare in acqua fredda per il tempo indicato nella confezione, mescolate  fino a quando si sarà completamente disciolta e togliete dal fuoco. Fate raffreddare mescolando spesso, quindi incorporate lo yogurt. Montate la panna in un contenitore ben freddo con uno sbattitore elettricoe unitela alla crema di yogurt in più riprese, compiendo movimenti dal basso verso l’alto per non smontare il composto fino a quando sarà ben amalgamato.

Sulla base di grissini precedentemente preparata disponete dei fragoloni tagliati a metà, ai quali avrete eliminato anche parte del picciolo, lungo tutta la circonferenza della tortiera (la parte tagliata dovrà essere a contatto con l’anello per capirci). Versatevi all’interno la crema di yogurt e livellatela con il dorso di un cucchiaio o con una spatola in modo da ottenere una superficie il più possibile omogenea. Per un risultato estetico perfetto la crema dovrebbe essere più alta della punta dei fragoloni. Coprite la tortiera con un foglio di alluminio e ponete in frigorifero a rassodare per almeno 3-4 ore o comunque fino a quando appoggiando un dito sulla torta questo rimbalzerà leggermente indietro. Frullate i 200 gdi fragoloni con lo zucchero semolato, passate il coulis così ottenuto attraverso un colino a maglie fittee conservate in frigorifero. Al momento di servire accompagnate ciascuna fetta di torta con il coulis difragole e deocrate con alcune fragole fresche.

Articoli correlati:

Stampa questo post Stampa questo post
Condividi su:

55 comments

1 paolettapink81 23 aprile 2010 alle 06:39

che torta divina! la base di grissini mi intriga… devo provarla al più presto. sono fortunata perchè vivo in un posto in campagna dove ancora c’è gente che coltiva fragole e asparagi. perciò le fragole sanno di fragole! colgo l’occasione per farti di nuovo i complimenti.un abbraccio

2 federica 23 aprile 2010 alle 08:14

eccezionale!!!! da provare!! complimenti!

3 Elga 23 aprile 2010 alle 08:18

Sorprendente con la base di grissini e zucchero! Anche mio nonno coltivava le fragole e ricordo con piacere le enormi quantità che me ne portava!

4 Milena 23 aprile 2010 alle 08:22

Adoro le torte con lo yogurt e di questa mi incuriosisce moltissimo la base ….
Le fragole al rendono irresistibile :)

5 Laura 23 aprile 2010 alle 08:31

Me la segno!
Bravissima!!!!

6 Ely 23 aprile 2010 alle 08:40

meravigliosa… e intravedo in fondo un mazzolino di mughetti… meravigliosi….

7 Carolina 23 aprile 2010 alle 08:58

Anche per me è così… Adoro le fragole!
Pensa che le ho portate anche oggi in ufficio come frutta da dopo pasto… ;)
Ieri, su flickr, mi sono innamorata di questa meraviglia che profuma di bella stagione…
Ti auguro un buon weekend cara Camo!

8 imma 23 aprile 2010 alle 09:02

tesoro ma è da svenimento!!!!!!!!!adoro le fragole e con queste torte cosi deliziose e delicate ci stanno davvero uno favola…e ci credo che è stato un colpo di fulmine, come adesso lo è stato per me vedendo la tua!!!e la foto ne vogliamo parlare??????bellissima!!bacioni imma

9 alem 23 aprile 2010 alle 09:20

la torta è meravigliosa, così come il tuo racconto.
Il dolce forno era quella che cuoceva solo con la magica e fioca luce di una lampadina????

10 Onde99 23 aprile 2010 alle 09:24

Vendere la frutta e la verdura coltivata con le proprie mani al mercato locale… che immagine meravigliosa! Ti avrei voluto vedere alle prese con le torte di terriccio: se fossimo state amiche fin da allora, avrei potuto portarti le coccole dei cipressi della nonna (ingrediente base dei miei primi esperimenti culinari, intorno ai 3 anni) per le decorazioni!!!
Anch’io ho comprato le fragole e voglio usarle per un dolce, sai? Questo e’ molto poetico e la foto… ne vogliamo parlare? Perfetta!

11 lydia 23 aprile 2010 alle 09:27

Ma lo sai quante lacrime ho versato per avere il dolce forno???
Non me l’hanno mai comprato…
Bellissima questa foto, sono mughetti quelli dietro?
Buon fine settimana.
Un bacio

12 Gloria 23 aprile 2010 alle 09:52

Nemmeno io ho mai avuto il dolce forno, non ho mai desiderato tanto un oggetto… forse solo paragonabile al mio desiderio di avere una planetaria oggi! Che bella torta, la base fatta con i grissini mi sorprende ed intriga!

13 Nadia 23 aprile 2010 alle 09:54

Bè, allora faccio parte anch’io della serie ‘piccole food blogger crescono’: infatti nel giardino della casa di campagna dei miei genitori creavo splendide torte di fango, fiori, semi e rametti…
Ma tornando a cose commestibili, trovo questa torta semplicemente deliziosa! E guarda che meraviglia il decoro che creano queste fragole!

Nadia – ALTE FORCHETTE -

14 Juls @ Juls' Kitchen 23 aprile 2010 alle 09:59

Sara, ma stiamo scherzando? Hai visto che foto hai fatto? E’ divina! perfetta!
E comunque anche io sono del partito delle torte di fango, e come Onde, ci mettevo anche le coccole di cipresso!
Baci e buon fine settimana!

15 Elisakitty's Kitchen 23 aprile 2010 alle 10:04

Buongiorno Camo!
Ecco io come lydia ho versato un sacco di lacrime per il dolce forno che non ho mia avuto, in compenso mi consolavo con la macchina dei pop corn e costringevo mio fratello a far finta di mangiare i miei manicaretti di terra e erbe… Quanti ricordi che mi ha riportato alla mente il tuo racconto e della torta che dire? Mi ha conquistato la foto ancora prima di leggere la ricetta. I LOVE FRAGOLONIIII! :)

16 Sara@fiordifrolla 23 aprile 2010 alle 10:06

@ paolettapink81: non è una fortuna da poco sai, io stessa avendo la nonna ed i miei genitori che abitano in campagna posso godere di frutta e verdura freschissima e di ottima qualità :) Grazie mille, baci!

@ federica: grazie, non è nemmeno particolarmente difficile da realizzare :)

@ Elga: la base ha sorpreso anche a me, è molto simile a quella dei cheesecakes, ma qui ci sono anche le uova e la cottura in forno!
p.s.: ho già fatto tutto ;)

@ Milena: pensa che io di torte con lo yogurt ne faccio veramente pochissime ed è un vero peccato perché le trovo semplicemente deliziose! La base ha attirato anche la mia di curiosità e devo dire che mi è piaciuta tanto :)

@ Laura: grazie, fammi sapere!

@ Ely: hai visto bene, sono i mughetti del mio giardino, la nonna me li raccoglie spesso e ne ho sempre in questa stagione qualche mazzolino in casa!

@ Carolina: anch’io le adoro, infatti in questo periodo cerco di non farmele mai mancare, sono favolose nei dolci, ma ottime anche al naturale! Buon fine settimana carissima, un abbraccio.

17 Sara@fiordifrolla 23 aprile 2010 alle 10:17

@ Imma: consocendo un po’ i tuoi gusti immaginavo che ti sarebbe potuta piacere, peccato che abitiamo così lontane perché altrimenti ne avremmo potuto assaggiarne un pochino insieme!
Buon week end :*

@ Alem: eheheh sì era proprio quello! :D C’era anche un ricettario se ben mi ricordo, con i vari impasti base, ovviamente credo da lì non fosse mai uscito nulla di commestibile :D

@ Onde99: nei paesini di campagna è così! Ahahah ti immagini quante torte di terra e cipressi avremmo realizzato noi due?! La foto volevo che avesse un’atmosfera un po’ romantica, boh non so se ci sono riuscita però!
A dopo!

@ lydia: no, davvero? Forse è stato un bene Lydia, uno dei miei ultimi esperimenti che feci con quest’aggeggio fu una torta con delle medicine scadute che andai a raccogliere chissà dove… per fortuna mia nonna riuscì a strapparmela dalle mani in tempo! Sì quelli dietro sono proprio mughetti che provengono direttamente dal mio giardino, sono bellini vero?
Buon fine settimana anche a te, un abbraccio.

@ Gloria: qui sto scoprendo che il dolce forno era il desiderio di molte di noi, non sei la prima che mi dice questa cosa stamattina! Eravamo tutte piccole foodblogger in erba :)
Grazie mille, baci.

@ Nadia: è incredibile come i primi giochi d’infanzia portino a delle vere e proprie passioni da grandi! Il decoro della torta mi sarebbe anche potuto venire meglio a dirti la verità, le fragole forse potevo tagliarle un po’ di più in modo da farle arrivare alla stessa altezza della crema. Pazienza la prossima volta andrà meglio!

18 Elvira 23 aprile 2010 alle 10:32

Sai che non riesco ancora a trovare delel fragole decenti? EEd io mi rifiuto do comprere dei mostri enormi e deformi pompati di acqua, ma confido che con l’inoltrarsi della stagione riusciro’, e per allora questa ricetta mi sara’ molto utile :)
Bellissima la foto :)

19 elenuccia 23 aprile 2010 alle 11:02

Come ti invidio, doveva essere veramente divertente trascorrere i pomeriggi primaverili all’aria aperta in campagna a raccogliere fragole….e a mangiarle :) io ho sempre vissuto in città :\
Ti invidio anche perchè ora avrei proprio voglia di mangiarmi una fettina di quel bel dolce e di assaporarlo per bene, deve essere una delizia. La preparazione della base è veramente molto interessante!!

20 Dario 23 aprile 2010 alle 11:43

Questa ricetta è già stata archiviata nel mio file personale! E’ un’interessante variazione di cheesecake, la proverò la prossima settimana!
la settimana scorsa ho fatto un cheesecake alle fragole dove ho frullato le fragole nella crema e poi ho cotto tutto al forno invece di aggiungere la colla di pesce.
Per la base ho usato dei biscotti secchi, interessante l’idea dei grissini e zucchero!
Complimenti e buon WE!
Un abbraccio

21 Alice 23 aprile 2010 alle 12:01

spettacolo!!!!!!!!!!!!!!!!!
mamma mia…non ho parole :)

22 Sara@fiordifrolla 23 aprile 2010 alle 12:22

@ Juls: ahahah ti ringrazio Giulia, mi fai troppo ridere! Pensa un po’, io credevo di essere l’unica bambina anomala che facesse le torte di fango e invece scopro che eravamo in moltissime! Pensa te… :) Buon fine settimana anche a te stella, un bacione!

@ Elisakitty’s kitchen: ecco vedi io ad esempio la macchina dei pop corn non ce l’ho mai avuta! Che bei giorni spensierati quelli delle nostre torte di fango, vero? Grazie mille, un bacio cara.

@ Elvira: non faccio fatica a crederci! Le mie fragole provengono dalla Basilicata e devo dire che sono dolcissime e succose, ma ne ho viste alcune in giro che non ti dico… facevano rabbrividire solo a guardarle! :)

@ elenuccia: credo che per una bambina un po’ monella non ci sia niente di meglio che trascorrere tutti i pomeriggi all’aria aperta, pensa che con il bel tempo facevo i compiti in giardino! Sicuramente però la campagna ha le sue scomodità e quindi alla fine non so chi debba invidiare chi :) Baci

@ Dario: ma io me lo immaginavo che questa torta con i fragoloni ti avrebbe conquistato, certo che la torta fragolata di Santin deve essere ancora meglio però… prima o poi mi devo decidere a farla! Dario lo sai vero che se parli di cheesecakes mi prendi per la gola, eh? :)
Buon fine settimana carissimo, un bacio.

23 Simo 23 aprile 2010 alle 12:55

Che tripudio di colore e sofficità…complimenti!
Anche la mia nonna coltivava le fragole in giardino…ma io e mia cugina le rubavamo anche acerbe, eheheheh…che scorpacciate…povera nonna…

24 Nepitella 23 aprile 2010 alle 13:52

Wow! e poi mi hai fatto ricordare il Dolce Forno Harbert che da piccola tanto desideravo :-)
Ottima torta
Ciao

25 micaela 23 aprile 2010 alle 14:30

che tenera la tua immagine mentre componi le torte di terra e le decori con i fiori… hai ragione, avevi la stoffa da foodblogger sin da piccola!! :-) questa torta è bellissima, fresca ed invitante, in questo periodo in cui si trovano le fragole migliori mi tornerà molto utile. un bacione e buon fine settimana!

26 Oxana 23 aprile 2010 alle 15:09

Bellissima torta!!!! Mi piace molto questo abbinamento, la segno subito. Bellissimo nuovo look, complimentoni!!! La foto sempre è STUPENDA!

27 Virò 23 aprile 2010 alle 16:05

Arrivo con un po’ di ritardo a farti i complimenti per la nuova veste grafica del blog: pulita, moderna…mi piace davvero!

Mi piace anche questa torta anche se troverei il modo di aumentare la presenza di fragole: solo sul bordo mi sembrano poche…

28 la gaia celiaca 23 aprile 2010 alle 16:37

mi sembra di mangiarle. dev’essere squisita, veramente. mi fa una voglia…

29 Sara@fiordifrolla 23 aprile 2010 alle 16:59

@ Alice: grazie!

@ Simo: grazie Simo, anch’io mi facevo di quelle scorpacciate! :D

@ Nepitella: ehehe vedo che il dolce forno Harbert era nei desideri di tutte noi! ;)

@ Micaela: sissì poi le sformavo anche sai, le facevo prima seccare un po’ al sole e poi le scaravoltavo su un finto piatto! :D Sembravano tante torte al cioccolato! Grazie mille, buon fine settimana :)

@ Oxana: grazie carissima, buon week end :)

@ Virò: grazie, sono felice che ti piaccia! Sì forse si potrebbe fare una decorazione con fragole aggiuntive, ma tieni presente che ogni fetta va nappata con il coulis e, a piacere, servita con un po’ di panna montata :)

p.s. non vengo a Roma questo fine settimana, mi è slittato tutto!

@ La Gaia Celiaca: grazie, devo dire che qui è stata molto apprezzata :)

30 Veronica 23 aprile 2010 alle 17:07

che bella!!!!!! sei proprio brava, complimenti :)
non so se potro’ farla, ci sono troppe cose a base di latte :( peccato perche’ l’adorerei…le fragole sono la mia passione ;(

31 arabafelice 24 aprile 2010 alle 15:27

E’ stupenda, come ti hanno gia’ detto tutti, ed originalissima! Ma non ti perdono l’aver rinverdito il dolore per non aver mai ricevuto il Dolce Forno, mamma pensava fosse pericoloso… :-))))

Domanda idiota: vanno bene grissini qualunque, vero?

32 arabafelice 24 aprile 2010 alle 15:29

Secondo te vien bene fatta anche nell’anello da pasticceria, invece che in normale tortiera?
Abbi pazienza, la domanda e’ venuta appena inviato il messaggio precedente…

33 Sara@fiordifrolla 24 aprile 2010 alle 15:38

@ Veronica: si potrebbe provare a mettere panna vegetale e latte di soia o di riso, ma temo che purtroppo non sarebbe la stessa cosa. E se tu la trasformassi invece in una crema con la quale riempire delle verrines? ;)

@ arabafelice: nessuna domanda idiota, anzi fai bene a chiedere! Allora io ho utilizzato grissini torinesi (i miei erano quelli a marchio coop per capirci), consiglio di scegliere questo tipo e ovviamente non quelli supersalati o aromatizzati ecco. Per quanto riguarda invece l’anello da pasticceria penso proprio che possa andare non bene, di più. Io non ce l’ho, ma ad averlo avuto avrei certamente utilizzato quello. Se poi hai anche dell’acetato da mettere lungo i bordi, beh credo sia il massimo! :)
Buon fine settimana :*

34 Veronica 24 aprile 2010 alle 16:46

sai che ti dico? “mai dire mai”!! le industrie specializzate hanno fatto passi da gigante nella preparazione di questi alimenti speciali per intolleranti ed allergici: ormai le cose senza glutine o senza latte son diventate quasi piu’ buone di quelle normali, sai?
Rileggendo la ricetta ho notato che invece la posso fare: per il burro non c’e’ problema, per il latte neanche (usero’ quello di riso)…i grissini gluten free li trovo facilmente. Poi usero’ panna vegetale e anche lo yogurt…sai che l’ho trovato senza latte?? ed e’ super buono, sembra una crema :)
Si’ si’, ci provero’…sai che ho fatto i tartufi al caffe’??? sono in frigo :) io magari ne assaggio solo un pezzettino….sembrano super!! gia’ mentre li preparavo quel profumo di caffe’..mmmm, buonissimi! sto sperimentando un po’ di dolci perche’ tra un po’ e’ il compleanno di mio marito e dovra’ portare qualcosa dove lavora. Io ci tengo a fare una bellissima figura!! Lui ha sparso la voce che sono brava e mo sono cavoli miei…Ansia da prestazioneeeeeeeee, aiuto!!! :P Sto sperimentando tante cose perche’ voglio individuare i dolci che mi vengono a colpo sicuro! Questi tartufi li faro’ di certo e anche i vanillakipferl (ho deciso), poi faro’ la Bolzano Apple Cake. Vorrei fare un’altra torta pero’…Sara, tu per la classica crostata di marmellata usi la frolla delle Simili?? e’ una frolla “garantita” anche per la mermellata?? no perche’ ci sono milioni di modi per fare la frolla e io vorrei quello da non abbandonare mai! Grazie per la tua attenzione! ;)

35 Veronica 25 aprile 2010 alle 01:27

Saraaaaaaaa!! Abbiamo assaggiato i tartufi al caffe’ ed e’ stato come mangiare un pezzetto di paradiso…nessuna pubblicita’ televisiva potrebbe rendere l’idea di tanta scioglievolezza e cioccolosita’..mmmmmmm io purtroppo ne o dovuto assaggiare solo uno per via della mia intolleranza al latte, ma non sai che sofferenza fermarsi!!! che delizia…..:P

36 Veronica 25 aprile 2010 alle 01:28

“ho” con l’ H…sorry ;P

37 Laurel 25 aprile 2010 alle 10:42

Mi piace! Mi sembra una versione piu’ light del classico cheesecake americano. Provero’ presto!

38 Yams 25 aprile 2010 alle 12:57

Eccomi a visitare la tua nuova casetta!
Bella e decisamente golosa come sempre!
A presto

39 Sara@fiordifrolla 26 aprile 2010 alle 08:13

@ Veronica: buondì! :)
Fammi sapere come viene questa torta con le dovute sostituzioni che sono curiosa! Per quanto riguarda la pasta frolla, io per le crostate con la marmellata preferisco utilizzare una frolla soffice, che abbia quindi un pochino di lievito tra gli ingredienti. Quindi io di solito non uso quella delle sorelle Simili, più croccante, ma quella che trovi in questa ricetta:

http://www.fiordifrolla.it/Torta%20di%20Ricotta.html

Mi fa molto piacere che i tartufi ti siano piaciuti così tanto, sono davvero paradisiaci, hai detto proprio bene!
Spero di averti risposto in maniera esauriente, buona settimana :)

@ Laurel: sì infatti secondo me questa ricetta si ispira vagamente ad un cheesecake americano, ma è più leggero grazie alla presenza dello yogurt :)

@ Yams: grazie mille, sei molto gentile. A presto! :)

40 Veronica 26 aprile 2010 alle 15:57

Grazie! sei sempre gentilissima :)
Solo un’ultima domanda: i tempi di cottura previsti per quella torta (45 min) valgono anche per la variante con marmellata?? grazie ancora e buona settimana ;)

41 Sara@fiordifrolla 26 aprile 2010 alle 16:01

@ Veronica: figurati! Quantificare un tempo esatto è sempre un problema purtroppo, perché non tutti i forni sono uguali. Io in maniera approsimativa mi sento di dirti dai 30 ai 45 minuti, casomai ai 30 sorvegliala e controlla spesso la cottura. Tieni presente che la pasta frolla non deve essere troppo scura altrimenti avrà un sapore amaro :)
Fammi sapere come ti sei trovata con quella pasta!
Baci

42 cip 2 maggio 2010 alle 16:45

…l’ho fatta ed è veramente meravigliosa!!! alla cena è stata un successone…grazie! :-)

43 Sara@fiordifrolla 3 maggio 2010 alle 08:27

@ cip: piacere di conoscerti! Bene, mi fa molto piacere che abbia riscosso tanto successo, grazie a te che me lo hai fatto sapere!
A presto :)

44 Martina 27 giugno 2010 alle 20:30

Ma che bellissima torta!!!!!!!!!!!! Sembra finta!!
Sicuramente non sarà l’unica! ti faccio i complimenti per il bel blog, ammiro molto le tue foto… non riuscirò mai a farne di così.. perfette!

45 Sara@fiordifrolla 28 giugno 2010 alle 09:18

@ Martina: benvenuta, piacere di conoscerti! Ti ringrazio per i complimenti al blog, mi fa molto piacere quanto hai scritto :)
Spero continuerai a seguirmi, a presto!

46 Fede 25 aprile 2011 alle 18:54

complimenti!! deliziosamente primaverile!!! :) mi unisco ai complimenti di Martina, hai un sito con ricette e foto splendide!!!

47 Sara@fiordifrolla 1 maggio 2011 alle 19:58

@ Fede: grazie mille, davvero :)

48 rosa bianca 23 maggio 2011 alle 21:06

Troppo buona!!! A casa mia ha riscosso un gran successo (anche se a dire la verità il primo tentativo è finito nel bidone visto che avevo litigato con la colla di pesce….). Per il resto ho trovato ottimi gli abbinamenti di sapore fra la base (con l’ingrediente a sorpresa), l’impasto dal sapore delicato e dalla giusta consistenza, ed infine la salsina per golosi, slurp!

49 Sara@fiordifrolla 25 maggio 2011 alle 22:13

@ rosa bianca: litigare con la colla di pesce è molto facile purtroppo! A volte capita anche a me, te lo confesso! Sono molto contenta che tu abbia ritentato e che la torta ti sia piaciuta, quindi grazie!

50 Delfina 11 giugno 2011 alle 16:26

Ciao Sara!…è veramente da tanto che ti seguo..ma è la prima volta che ti scrivo :P…le tue ricette nn tradiscono mai :P
Ho immortalato la “mia” creazione su Flickr..Questo è il link http://www.flickr.com/photos/63523580@N02/5820265891/in/photostream
Ho fatto un figurone….Grazie di cuore…
Delfina

51 Sara@fiordifrolla 13 giugno 2011 alle 21:48

@ delfina: benvenuta! Sono appena passata a vedere la foto della tua creazione e devo farti i miei complimenti anche qui, sei stata davvero bravissima :) Grazie di cuore a te per questa soddisfazione che mi hai regalato! Buona serata, baci.

52 Delfina 14 giugno 2011 alle 13:46

Grazie :D..sei stata veramente gentile a lasciare il tuo commento…Ormai posso definirmi una fiordifrolla addicted :P
Un abbraccio

53 Sara@fiordifrolla 16 giugno 2011 alle 21:09

@ delfina: bello “fiordifrolla addicted” ;) Buona serata, un abbraccio e a presto!

54 Alice 16 luglio 2013 alle 14:29

come conciliare la passione del mio ragazzo per cheesecake e affini e la mia poca tolleranza ai latticini soprattutto se non fermentati (per intenderci, con lo yogurt ci vado a nozze soprattutto se magro, ma la panna è mia acerrima nemica, e il adorato latte… ormai la sorsata fredda è solo un lontano ricordo…)? ho provato a sostituire la panna con yogurt greco 0,1%… certo, non monta come la panna, per cui forse sarebbe bene aumentare un po’ le dosi perché ricopra la fragole completamente… però buono è buono!
complimenti sara! :)

55 Sara@fiordifrolla 19 luglio 2013 alle 18:03

@ Alice: grazie mille, sono ancora più felice perché leggo che sei riuscita ad adattare questa ricetta alla tua intolleranza! Buon fine settimana :)

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.