mercoledì 5 agosto 2009

Torta rovesciata di albicocche

Torta rovesciata di albicocche

Le torte rovesciate mi sono sempre piaciute, sarà perché fin da piccolina le vedevo spesso realizzate in famiglia (in particolare quella all’ananas, che magari sarà oggetto di un prossimo post), ma anche perché il più delle volte sono belle già da sole, dato che la frutta utilizzata, leggermente caramellata, basta da sola a comporre la decorazione del dolce. 

Nel mio caso avevo delle magnifiche albicocche (frutto che adoro soprattutto al naturale) che non vedevo l’ora di impiegare. Ne è risultata una torta davvero soffice e umida, quasi appiccicosa, il cui sapore dolce e vanigliato viene leggermente contrastato da quello più acidulo della frutta. Sicuramente è perfettibile dal punto di vista dell’esecuzione, dato che ho lasciato il caramello un po’ troppo biondo, ma ci è talmente tanto piaciuta che non potevo non riproporvela.

E’ perfetta per una sana merenda, ma anche per un fine pasto non troppo pesante. Potete naturalmente sostituire le albicocche con altra frutta di stagione come pesche, nettarine di piccole dimensioni o anche susine.

 

Torta rovesciata di albicocche

Torta rovesciata di albicocche

(tratta da “In cucina con gli amici” – Sale & Pepe Collection)
Ingredienti per 8 persone:
250 g di zucchero di canna
125 g di burro morbido a pezzetti
8-12 albicocche
2 uova
1 baccello di vaniglia
125 g di farina 00
1 cucchiaino di lievito in polvere per dolci
75 ml di panna fresca
1 pizzico di sale

Procedimento:

Tagliate a metà le albicocche, denocciolatele e tenetele da parte in un piatto. In una piccola casseruoladi acciaio dal fondo pesante mescolate 150 g di zucchero di canna e 60 g di burro a fiamma bassa, fino a quando entrambi si saranno sciolti e il composto diventerà soffice. Lasciate sul fuoco fino a formazione del caramello e versatelo in uno stampo circolare da 24 cm di diametro a cerchio apribile, ben imburrato, avendo cura di disporlo in maniera omogenea. Disponetevi sopra le albicocche con la parte tagliata verso il basso, dapprima lungo la circonferenza, poi nel centro.

In una ciotola (o con la planetaria) lavorate a crema il burro e lo zucchero di canna rimasti utilizzando le fruste elettriche. Incorporate le uova, una alla volta, aspettando che la prima sia ben amalgamata primadi aggiungere la seconda. Incidete la bacca di vaniglia a metà, prelevatene il contenuto con la punta diun coltello e unitelo al composto, mescolando. Aggiungete ora la farina e il lievito setacciati insieme ad un pizzico di sale avendo cura di mescolare bene. Incorporate da ultima la panna (non montata) e rimestate nuovamente.

Versate il composto nella tortiera andando a coprire in maniera uniforme le albicocche, livellate bene sbattendo più volte lo stampo sul piano di lavoro, e fate cuocere nel forno già caldo a 170° per circa 40-45 minuti, testando la cottura con uno stuzzicadenti. Lasciate riposare il dolce per 5 minuti all’interno della tortiera prima di capovolgerlo su di un piatto. Fate raffreddare completamente e servite.

Articoli correlati:

Stampa questo post Stampa questo post
Condividi su:

5 comments

1 Dulcistella 3 agosto 2011 alle 21:11

Ciao! Mi chiamo Teresa e ho da poco un blog di cucina anch’io.. ho linkato il tuo blog proprio a proposito di questo bellissimo dolce! Mi farebbe piacere avere una tua visita, mi trovi qui:
http://fuxifurlana.blogspot.com/
Grazie :-)

2 Giulia 21 giugno 2012 alle 14:06

ciao! È successo di nuovo, spulcio in lungo e in largo la rete alla ricerca di una torta di albicocche, guardo centinaia di foto e quale mi attrae più delle altre?
Questa qui che poi scopro essere la tua!
Stasera la provo con le albicocche del babbo!

Ciao ciao
Giulia

3 Sara@fiordifrolla 25 giugno 2012 alle 21:24

@ Giulia: beh questa cosa non può che farmi immenso piacere, dico davvero. Com’è andata? :)

4 Giulia 4 luglio 2012 alle 09:10

Ecchettelodicoafa’…OTTIMA! ;)

5 Sara@fiordifrolla 4 luglio 2012 alle 22:36

@ Giulia: grazie :)

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.