giovedì 19 marzo 2009

Torta salata con porri e ricotta

tortasalata2

Finalmente è arrivato il momento che più sognavo da un paio di mesi a questa parte: la mia tanto sospirata (e meritata mi permetto di aggiungere…) settimana di ferie! Dopo un periodo di duro lavoro evari impegni che mi hanno occupato in maniera frenetica ogni singola giornata, mi concedo un po’ di sano riposo e relax in quel di Plan de Corones, in provincia di Bolzano. Non sarò presente su questo blog quindi per qualche giorno, il rientro è previsto verso il 25/26 marzo, mi auguro di tornare quasi come nuova e soprattutto meno stressata.

Vi lascio con una doppia ricetta che vorrebbe essere un nuovo spunto per chi ancora non si è cimentato o non conosce questo tipo di preparazione (in particolare mi rivolgo alle mie lettrici e lettori che non hanno un blog e che magari se la sono fatta scappare).

Mi spiego meglio. Fino a qualche tempo fa, ogni qual volta dovevo preparare una torta salata o una quiche, mi affidavo al solito buon vecchio rotolo di pasta fresca (sfoglia o brisé a seconda dei casi) della mia marca di fiducia (lo dico? Buitoni) che trovavo nel banco frigo del super, adesso no. Non che io mi sia trovata male con questi prodotti, anzi (la pasta sfoglia ad esempio non credo mi metterò mai a farla da sola, troppa fatica…), però da quando ho provato la ormai famosissima pasta da quiche di Christophe Felder non credo che tornerò più indietro.

In primo luogo questo impasto è molto semplice da preparare, si stende con facilità (senza rompersi, avete capito bene) ed ha una grandissima resa, nonché un sapore e una fragranza ottimi. Inoltre volete mettere com’è farsi tutto in casa da soli senza dover ricorrere a prodotti industriali? Io, utilizzando la planetaria, ci ho messo pochissimi minuti ed ho ottenuto un risultato molto soddisfacente. Insomma, per farla breve, in una sola parola vi dico che è davvero perfetta.

Questa pasta mi è servita per realizzare una torta salata, tratta dal mensile Cucina Moderna di Marzo 2009, a base di freschissimi porri e ricotta, che devo dire ho gradito molto per la sua delicatezza. E’ anche abbastanza leggera se vogliamo, perché è priva di panna e le quantità di formaggio sono davvero minime, quindi è molto adatta a questo inizio di primavera, la potete servire sia come antipasto, ma anche come piatto unico magari affiancata ad una bella insalatina.

PÂTE À QUICHE DI CRISTOPHE FELDER:
(dal Cavoletto di Bruxelles)

Ingredienti per uno stampo da 24 cm:
200 g di farina 00
5 g di sale
90 g burro a pezzetti
1 uovo
20 g di acqua

Con la planetaria (o nel mixer): lavorate la farina insieme al sale e al burro freddo tagliato a pezzetti utilizzando il gancio a k. Aggiungete l’uovo intero e l’acqua continuando ad impastare fino a quando otterrete un impasto liscio e omogeneo. Prelevatelo dalla ciotola, se necessario lavoratelo brevemente a mano, quindi formate la classica palla. Ora avvolgetela nella pellicola alimentare e fatela riposare in frigorifero per 2 ore.

Stendete la pasta con il mattarello su un foglio di carta da forno portandola ad uno spessore di circa 3 mm e con questa rivestite uno stampo rotondo da 24 cm di diametro che avrete leggermente imburrato (formando sia la base che i bordi).

A mano: lavorate con le dita il burro morbido in una ciotola insieme alla farina e al sale fino a quando esso sarà stato completamente incorporato dalla farina. Unite l’uovo e l’acqua e continuate ad impastare fino a quando otterrete un impasto omogeneo, poi procedete come sopra.

TORTA SALATA CON PORRI E RICOTTA

Ingredienti per 8 persone:
1 dose di pâte à quiche (o 1 rotolo di pasta sfoglia fresca già pronta in alternativa)
2 uova
100 g di pancetta affumicata a dadini
200 g di ricotta
1 porro
30-40 g di parmigiano reggiano grattugiato
erba cipollina
1 noce di burro (o olio extravergine di oliva)
sale
pepe

Mondate il porro, tagliando sia le radici all’estremità della parte bianca che quella verde. Lavatelo sotto l’acqua corrente fredda, asciugatelo con un telo da cucina e tagliatelo a rondelle con il coltello. In una padella antiaderente fate rosolare la pancetta affumicata insieme a una noce di burro (o 2 cucchiai di olio extravergine di oliva, se preferite) per 2-3 minuti a fuoco vivace. Riducete la fiamma e unite le rondelle di porro facendole cuocere per altri 3-4 minuti, mescolando con un cucchiaio di legno, quindi spegnete e fate raffreddare.

In una ciotola abbastanza capiente lavorate, servendovi di una spatola o di un cucchiaio di legno, laricotta insieme alle uova, l’erba cipollina lavata e tagliuzzata, il parmigiano grattugiato, il soffritto di pancetta e porri e infine aggiustate di sale e pepe (tenete conto che la pancetta è già sapida di suo mi raccomando). Mescolate fino ad ottenere un composto omogeneo e ben amalgamato.

Stendete la pasta da quiche con il mattarello su un foglio di carta da forno portandola ad uno spessore di circa 3 mm e rivestite uno stampo rotondo da 24 cm di diametro leggermente imburrato (formando sia la base che i bordi). Se utilizzate la pasta sfoglia già pronta srotolatela e disponetela nella tortiera sempre frapponendo la carta da forno. Versatevi all’interno il composto di ricotta e livellatelo utilizzando il dorso di un cucchiaio.

Fate cuocere nel forno già caldo a 180° per circa 35-40 minuti e servite la torta salata calda o appena tiepida in base ai vostri gusti.

Articoli correlati:

Stampa questo post Stampa questo post
Condividi su:

9 comments

1 Tartellette alle zucchine e stracchino — Fior di frolla 24 maggio 2010 alle 15:19

[...] mini quiches se preferite. Gli esperimenti con la versatilissima pasta da quiche di Cristophe Felder continuano e questa volta ho realizzato delle tartellette, semplicemente farcite da stracchino e [...]

2 Torta di asparagi fontina & riso — Fior di frolla 24 maggio 2010 alle 21:05

[...] FONTINA E RISO (Torte di casa – Sale & Pepe collection) Ingredienti per 6-8 persone: 1 dose di pasta da quiche di C. Felder o 1 rotolo di pasta brisée pronta per il ripieno: 75 g di riso arborio 10 asparagi [...]

3 Tartellette al gorgonzola & fichi caramellati all’aceto balsamico — Fior di frolla 24 maggio 2010 alle 21:13

[...] per 4/5 tartellette: per le tartellette: 1 dose di pasta da quiche o 1 rotolo di pasta brisé pronto 100 g di gorgonzola dolce 100 g di robiola Pepe nero fresco 1 [...]

4 Crostata ai pomodori — Fior di frolla 24 maggio 2010 alle 21:17

[...] ciliegini canditi) fa venire l’acquolina in bocca, credetemi.   La base è la classicissima pâte à quiche di Christophe Felder, questa volta aromatizzata da un po’ di aghi di rosmarino tritati [...]

5 Valeria 7 settembre 2010 alle 06:51

Cara Fiordifrolla eccomi qua, di nuovo a sperimentare fiduciosa una tua ricetta! Un successone. la pasta quiche (l’ho italianizzato per rapidità) si è rivelata ottima. La prima volta l’ho fatta con il gancio a spirale, non ho quello a k, realizzando la torta con i pomodorini (molto buona anche quella) mentre ieri sera in un quarto d’ora l’ho impastata a mano, semplicemente sbriciolando, con un movimento delle dita a strofinamento dei polpastrelli, il burro nella farina. Il sapore di questa torta è delicatissimo. Un salutone! Valeria T.

6 maria 19 gennaio 2011 alle 12:41

ho già mangiato la torta con porri e ricotta è buona ed ho fatto un figurone ad offrirla ai miei ospiti

7 Sara@fiordifrolla 19 gennaio 2011 alle 21:16

@ Maria: benissimo! Sono contenta che sia stata apprezzata, ti ringrazio di cuore per avermelo fatto sapere :) Buona serata.

8 Claudia 25 marzo 2014 alle 17:33

Ricetta eccezionale…l’ho sperimentata ieri e il risultato è stato apprezzatissimo, ottimi sia la base che il ripieno. Grazie mille!

9 Mamma Papera — Torta di pomodorini 23 aprile 2014 alle 15:32

[...] e quindi con voi, questa ricetta, presa dal blog di Fior di frolla, ovvero, da lei ho acquisito la pasta da quiche di Felder che trovo sia fantastica. E l’idea della ricetta è grosso modo la stessa, ho variato il tipo [...]

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.