mercoledì 2 giugno 2010

Un week end nelle Langhe

Paesaggio al tramonto

L’avevo promesso e, visto che mi è sembrato di capire che in tanti aspettavate questo mio reportage, eccomi qui a raccontarvi questo breve viaggio. Premesso che trascorrere due soli giorni in questa fantastica terra è abbastanza riduttivo in quanto ci sono così tanti punti di interesse che risulta un po’ impossibile dedicargli così poco tempo, vi mostro quello che sono riuscita a capire e a vedere delleLanghe attraverso le mie parole e le mie fotografie.

Senza dubbio la prima cosa che mi ha colpita maggiormente è stata la bellezza mozzafiato di queste colline, dolci, quasi sensuali e solcate, praticamente nella totalità, da chilometri e chilometri di vigneti, interrotti da stradine sterrate che creano un particolare motivo geometrico, caratteristici paesini tutti riconoscibili per la presenza di una torre di un castello, campi di nocciole e ancora vigne e rose a perdita d’occhio. In più di un’occasione, ad orari del giorno diversi e quindi anche con luci differenti, mi sono ritrovata senza parole e con la pelle d’oca di fronte a questi posti così poetici. Inutile dirvi quindi che unpezzetto di cuore è rimasto là. Ho conosciuto persone schiette e sincere, come il vino che producono, molto disponibili e ospitali. Ecco quindi un breve racconto del mio viaggio.

Colline

Paesini

Rose e filari

Il nostro viaggio è iniziato a Barbaresco:

Barbaresco

Questo è uno scatto della via principale, via Torino se non erro, come vi dicevo anche qui su tutto il paese domina una torre, che lo rende riconoscibile anche da molto lontano. In fondo a questa strada sulla destra ci siamo recati da:

Produttori del Barbaresco
via Torino, 74
12050 Barbaresco (Cn)
Tel. +39.0173.635139

dove il gentilissimo Luca ci ha aperto una bottiglia di Barbaresco del 1980, come vedete ancora impolverata, annata non forse eccelsa mi è stato detto, ma è quella nella quale sono nata io. Anche qui pelle d’oca, non c’è bisogno di dirlo, il vino dopo tutto questo tempo si era conservato bene e, nonostante fosse nella fase discendente della sua vita in bottiglia, aveva mantenuto le sue caratteristiche. Sempre a Barbaresco, nel fabbricato della ex confraternita di San Donato, trovate anchel’enoteca regionale di Barbaresco, nella quale sono esposte oltre 130 etichette di 112 produttori aziende diverse.

Barbaresco - 1980

Barbaresco - carretto

Da qui abbiamo fatto un breve giro ad Alba, dove il sabato mattina è giorno di mercato, e si possono trovare anche alcuni banchetti di produttori locali che vendono prodotti gastronomici tipici della zona, quali formaggi, salumi, pane, confetture, marmellate, miele, nocciole, frutta, verdura e conserve. Io ho fatto scorta di una favolosa composta ai petali di rosa, che ho naturalmente assaggiato prima di acquistare e devo dire ho trovato delicatissima e dal vero sapore di questo fiore. Non vedo l’ora di utilizzarla per qualche nuova ricetta!

Il nostro viaggio è proseguito in direzione di Monforte d’Alba, più precisamente nella località Bussia, presso l’azienda agrituristica dove avevamo prenotato la nostra camera. Ecco qualche scatto:

Cascina Sciulun

Finestra

Vista su Bussia - Monforte d'Alba

Immaginate un casolare piemontese posto sulla sommità di una collina che domina dall’alto una distesa di vigneti. La foto qui sopra è solo un piccolo assaggio della vista che si può godere dalla terrazza del cortile. La stessa azienda agrituristica “Cascina Sciulun” è anche sede della famosa cantina Franco Conterno, dove naturalmente abbiamo fatto una degustazione degli ottimi vini prodotti abbinandoli ad alcuni formaggi freschi davvero sublimi (tanto che alcuni sono venuti a casa con me!) e alla cugnà, una mostarda tipica a base di mosto cotto (di solito di moscato, barbera, nebbiolo o dolcetto) e frutti autunnali (pere martine, mele cotogne, fichi, frutta secca e spezie). Ecco un esponente di spicco dei vini prodotti, il favoloso Barolo vigne Bussia Munie del 2004:

Barolo 2004 - Vigna Bussia Munie

Qui potrete dormire immersi nel verde delle vigne e nelle spettacolari colline langarole, a prezzi modici e in un ambiente curato. Ottima e ricca la colazione con moltissimi prodotti home made (confetture, dolci da forno, pane, ecc), ospitale e familiare il clima che si respira. Il loro motto “venire come ospite, partire come amico” credo vi possa far capire l’accoglienza e la cordialità del posto. Un sentito grazie va al signor Franco Conterno, alla moglie Vilma e alla cognata Laura per la loro infinita genitlezza ed ospitalità.

Ecco l’indirizzo:

Franco Conterno – Az. Agrituristica Casina Sciulun
Frazione Bussia, 62
10265 Monforte d’Alba (Cn)
Tel. +39.0173.787294

Poco prima di pranzo ci siamo diretti verso Serralunga d’Alba, bellissimo paesino anche questo dominato da un antico castello:

Castello di Serralunga d'Alba

L'ingresso al castello di Serralunga

Panchina

Per motivi di tempo non siamo riusciti a visitarlo, ma sappiate che è possibile farlo. Non scoraggiatevi se al vostro arrivo troverete un grosso portone chiuso (la seconda foto di quelle proprio qui sopra ne è undettaglio), significa che in quel momento c’è una visita in corso. Nelle vicinanze trovate delle panchine e non vi resta che sedervi ed attendere pazientemente il vostro turno.

Sempre a Serralunga d’Alba siamo stati da Schiavenza, noto produttore di vino, dove a fianco troverete anche la sua trattoria Cascina Schiavenza. Noi abbiamo pranzato proprio qui e devo dire che abbiamo mangiato davvero bene: carne cruda all’albese tagliata al coltello (favolosa davvero), ravioli del plinrigorosamente fatti in casa (sfoglia sottile, ripieno saporito), brasato al Barolo e Bunet. Più tipico di così! Abbiamo accompagnato il tutto con un fruttato dolcetto d’Alba Vughera 2008. Se siete in bella stagione vi consiglio di mangiare sulla terrazza panoramica antistante il locale, da lì si gode di una vista magnifica sulle colline limitrofe.

Da Schiavenza

E’ seguita una degustazione con visita in cantina dei vini prodotti, tutti di alto livello e qui, tra tutti quelli assaggiati, ci hanno appassionato il Barolo Broglio 2005 e il Barolo Prapò dello stesso anno. Anche qui l’indirizzo, nel sito trovate anche qualche informazione sulla trattoria :

 Az. Agr. Schiavenza di Pira Luciano
Via Mazzini, 4
12050 Serralunga d’Alba (Cn)
Tel: +39.0173.613115

Abbiamo proseguito il nostro tour panoramico nei paesi confinanti, tra i quali Monforte d’Alba, fino ad arrivare a Barolo:

Vista su Barolo

Panetteria

Rose

Museo del cavatappi

Qui abbiamo fatto qualche altro acquisto (che non fosse vino, s’intende), tra le tante cose vi posso dire:torta di nocciole, nocciole Piemonte Igp (anche se non sarebbe proprio stagione, ma vabbé), i brut e bon. Ci sarebbe molto piaciuto fare una capatina all’ Enoteca regionale del Barolo, che si trova nel castello Falletti (per capirci il castello che si vede in foto, con la decorazione a scacchi intorno alle finestre) e al Museo dei cavatappi, del quale potete vedere l’insegna proprio nella foto qui sopra, ma purtroppo non ne abbiamo avuto il tempo. Sarà per la prossima volta.

Sempre a Barolo, il giorno seguente siamo andati presso l’azienda Brezza Giacomo e Figli, dove abbiamo fatto l’ennesima degustazione (d’altronde siamo venuti nelle Langhe poi per questo, affinché potessimo rimpinguare la nostra già fornitissima cantina). Tra tutti i vini degustati, sono rimasta molto colpita dal Nebbiolo d’Alba Santa Rosalia 2007 e dal Barolo Sarmassa 2005. Ecco l’indirizzo e qualche scatto fatto in cantina:

Azienda Agricola Brezza Giacomo
Via Lomondo, 4
12060 Barolo (Cn)
Tel. +39.0173.560.921

In catina

Il vino riposa...

Arnesi

Al termine della degustazione siamo saliti nell’omonimo ristorante (Brezza) e abbiamo pranzato nella bellissima terrazza panoramica, dalla quale ho anche scattato la prima foto di Barolo, dove si vede il castello:

Pranzo in terrazza

Anche qui abbiamo gustato alcuni piatti della tradizione piemontese e della zona, come carne cruda all’albese (che ho già eletto il mio piatto dell’estate), vitello tonnato, peperoni ripieni di salsa di tonno, tortino alle erbe con fonduta di formaggio, tajarin al ragù di carne, filetto di manzo in salsa al Barolo eun semifreddo al Barolo Chinato (da applauso). Ah se vi state chiedendo se abbiamo mangiato tutto noi due soli, beh sì in effetti, ci siamo alzati belli sazi.

La nostra ultima tappa è stata una collina, quella del Monfalletto presso la Tenuta Monfalletto di Cordero di Montezemolo, che sembrava ci guardasse dall’alto durante l’intero fine settimana. Impossibile non notarla da subito, perché sulla sua sommità si trova un maestoso cedro del Libano secolare di rara bellezza:

Cedro del Libano della Tenuta Monfalletto

Sul colle del Monfalletto

Vigne e colline

Abbiamo fatto anche una breve gita a Dogliani dove c’era l’Antica Fiera della ciliegia, ma soprattutto, incredibile ma vero, mi sono incontrata con lei, una persona alla quale sono molto affezionata.

Ecco mi pare sia tutto, per ora. Sicuramente queste terre mi vedranno tornare spesso. Prima di salutarvi, però, desidero ringraziare Roberto Giuliani di Lavinium per la sua disponibilità nell’avermi segnalato alcune tappe fondamentali di questo breve, ma intenso, viaggio.

Articoli correlati:

Stampa questo post Stampa questo post
Condividi su:

43 comments

1 castagna 2 giugno 2010 alle 11:27

sono felice che ti sia piaciuto il giro, le mie origini affondano proprio lì, tra quelle dolci colline. Hai fatto bene ad assggiare tutte le prelibatezze e finalmente la carne cruda tagliata al coltello! ;-)
Ogni regione ha le sue peculiarità, io qui oltre ad adorare la cucina e le persone, ho anche il cuore :-)

2 Valeria 2 giugno 2010 alle 11:44

che belle foto! :) e quanti indirizzi!!da quando sono Bra, non smetterei mai di gironzolare per conoscere questa terra meravigliosa. Ho iniziato questo weekend, con un pomeriggio tra amici ad Alba e Monforte…meraviglioso!

3 Anoushka 2 giugno 2010 alle 12:16

Wonderful!
4 years ago, we spent a weekend in this region. It was superb!

Mi piace il tuo blog:)

4 pasticciona 2 giugno 2010 alle 12:18

le langhe in questo periodo sono bellissime, prima meno perchè non son fiorite, dopo meno perchè si obccheggia dal caldo… questa è la loro stagione migliore

5 Fiordilatte 2 giugno 2010 alle 12:23

bellissime foto! davvero, hai reso proprio bene la magia del tuo weekend. Credo prenderò spunto, sai? :) Voglio proporre a Pietro un bel giro in moto!

6 Irishfairy 2 giugno 2010 alle 12:24

Bellissima, ho vissuto a Cuneo per quasi 10 anni… che bel reminder :) bacio

7 Simona 2 giugno 2010 alle 12:51

mamma mia che nostalgia… io ho una casetta a Murazzano che ha bisogno di lavori…. ed io dei soldi per realizzarli, così per il momento non ci posso andare, ma quando guardo queste foto… sigh…. un tonfo al cuore, bravissima!!!

8 Carolina 2 giugno 2010 alle 16:27

Finalmente!!! Camo, sai che fino a 10 minuti fa non riuscivo a visualizzare il tuo blog?! Ed ho provato da ben 3 computer differenti…
Comunque, adesso è tutto ok ed io sono riuscita a godermi il tuo giro nelle Langhe e le tue strepitose foto.
È una zona che non conosco, quindi è stato un vero piacere!
A presto e un abbraccio!

9 Phoebe_89 2 giugno 2010 alle 16:33

bellissime foto complimenti, mi piacciono molto

10 manu e silvia 2 giugno 2010 alle 16:43

Splendide queste immagini! La tua vacanza sembra essere stata davero perfetta: dei luoghi unici e carattesistici, e la possibilità di assaggiare e gustare proprio tutte le tipicità.
Bella scelta le langhe per questo weeken.
baci baci

11 Sabrina&Luca 2 giugno 2010 alle 17:23

Quanto ti capiamo, due anni fa abbiamo percorso le stesse strade e siamo rimasti affascinati dai paesaggi che abbiamo incontrato, dalle persone che abbiamo avuto modo di conoscere e quando scrivi che ti sei ritrovata più volte con la pelle d’oca, ecco, è stato così anche per noi! Abbiamo preso nota di qualche indirizzo che pensiamo potrebbe tornarci utile perchè di fatto abbiamo intenzione di tornare in quei luoghi, anche per andare a trovare persone con le quali siamo rimasti in contatto! E’ stato bellissimo leggerti! Un abbraccio
SAbrina&Luca

12 imma 2 giugno 2010 alle 17:29

Le foto tesoro sono stupende meravigliose viene voglia di partitre subiro e tutto il resoconto preciso e dettagliato, un gran bel lavoro Sara!!Bacioni imma
p.s.Come carolina anch’io nn sono riuscita a visualizzare il blog questa mattina, solo adesso è andato!!!

13 genny 2 giugno 2010 alle 17:46

davvero a queste foto bisogna aggiungere qualcosa?

14 Alice 2 giugno 2010 alle 23:24

Ciao, è davvero incredibile a volte come viaggiamo lontani senza renderci conto della bellezza che ci circonda, finchè non la vediamo con gli occhi di un’ altro: abito a 20 minuti da Alba eppure mi reco li sono per la fiera del tartufo,e in quanto alle langhe ci sarò passata di sfuggita un paio di volte. Incredibile vero? Ma dopo il tuo fantastico reportage mi rifarò. Grazie

15 Elga 3 giugno 2010 alle 07:50

Non sono abituata a leggere tuoi reportage, ma questo è veramente bello! Bellissimi posti che nemmeno io ho mai visitato, dovrò rimediare!

16 Sara@fiordifrolla 3 giugno 2010 alle 09:00

@ castagna: non sapevo fossi originaria proprio di queste zone! La carne cruda è un piatto favoloso, la voglio fare anche qui a casa, quest’estate sarà un must ;) Devo assolutamente tornare comunque.

@ Valeria: beata te che abiti da quelle parti, io non mi stancherei mai di visitare quelle favolose e poetiche colline!

@ Anoushka: thanks a lot :) I agree: this region is wonderful, so rich of beautiful places, great wines and tipical products :)

@ pasticciona: allora direi che ci sono stata nel momento migliore! La prossima volta però ci vorrei tornare nel periodo del tartfufo, ne vado ghiotta e non vorrei perdermelo per nulla al mondo :)

@ Fiordilatte: grazie cara, se lo dici tu che conosci queste zone meglio di me ne sono lunsingata! Non sono pratica di moto, ma mi hanno detto che queste colline sono favolose per un po’ di granturismo :) Spero di averti fornito qualche spunto valido per il tuo week end a Barolo, un abbraccio stretto, è stato bello poterti vedere di nuovo.

@ Irishfairy: ma dai Alice non lo sapevo! Grazie mille, il cioccolato si avvicina ;)

17 Sara@fiordifrolla 3 giugno 2010 alle 09:16

@ Simona: grazie, spero riuscirai a sistemare la tua casina! Tengo le dita incrociate per te :)

@ Carolina: buongiorno tesoro!
Ma guarda stai buona, tutto ieri mi è stato praticamente quasi impossibile accedere al blog. Credo abbiano fatto degli aggiornamenti ai server quelli del servizio di hosting, ma se continuano così (visto che non è la prima volta) non escludo di trasferirmi da altre parti.
Grazie mille, sono felice di averti fatto conoscere un angolino di Langhe, un abbraccio stella.

@ Phoebe_89: grazie!

@ manu e silvia: vi ringrazio, credo infatti che tornerò spesso da quelle parti!

@ Sabrina & Luca: grazie a voi, sono felice se attraverso il mio post sono riuscita, anche solo per qualche istante, a farvi tornare in mente qualche ricordo di queste zone incantate.
Un bacione.

@ Imma: grazie tesoro! Eh lo so, come dicevo a Carolina, è una cosa che non dipende da me quella, credo che ieri abbiano fatto aggiornamento ai server e per questo motivo non era possibile accedere al blog in nessun modo. Ti lascio immaginare che nervoso mi è venuto ieri, non potevo consultare ricette, o aggiornare il sito nelle sue parti, è stato davvero stressante.
Un bacione

@ Genny: grazie, io aggiungerei solo che meritano una visita le Langhe ;)

@ Alice: incredibile, già. Io stessa ho viaggiato per tutta l’Europa e non mi sono mai soffermata a visitare alcune zone d’Italia che sono di rara bellezza :)

@ Elga: ne avevo fatti altri in passato, su San Vigilio di Marebbe e sulla costa degli Etruschi, ma ammetto che questo è diverso, forse perché quello che ho scritto e raccontato viene dal cuore. Un bacio

18 mikki 3 giugno 2010 alle 09:21

wow!!!!!! sto sbirciando veloce perché sono in ufficio e ho un sacco di cose da fare ….. quindi ho visto – per ora – solo le foto, M E R A V I G L I O S E !!!!!!!!!!!!

19 ( parentesiculinaria ) 3 giugno 2010 alle 09:23

Bravissima! In pochi giorni hai colto l’essenza di questi luoghi e non ti sei fatta mancare le tappe più importanti… persino il cedro del libano! Inoltre in questo periodo, quello delle rose, è tutto fantastico. Se vorrai fare un salto in autunno vedrai che trinfio di colori, gli alberi! Comlimenti a chi ti ha consigliato l’itinerario e a te per averne raccolto le sfumature.

20 CorradoT 3 giugno 2010 alle 09:43

Bei posti, benissimo descritti, brava!
E i posti sono ancora piu’ belli se si e’ in dolce compagnia :)

21 Paolo 3 giugno 2010 alle 10:01

posti magici resi ancor più belli della tue foto

22 LILLY 3 giugno 2010 alle 10:14

Buongiorno!! grazie per averci regalato questi momenti magici ;-)
A proposito di Barolo…. lo sai che per il mio compleanno (marzo) mia mamma ha cucinato il tuo spettacolare brasato al Barolo? e che tutti ci chiedono continuamente la ricetta?! Spettacolo!!!
xoxo
Lea

23 Alice 3 giugno 2010 alle 11:56

che paesaggi meraviglosi…hai fatto delle foto stupende davvero!!!!

24 Onde99 3 giugno 2010 alle 12:48

Innanzitutto i miei complimenti per le foto: snoo magnifiche! E poi grazie per avermi fatto conoscere una zona che ho sempre snobbato un po’ e che, invece, a giudicare da come ce l’hai raccontata con le parole e con le immagini, dev’essere magnifica!

25 Zia Elle 3 giugno 2010 alle 12:51

bellissimo reportage fotografico, complimenti!!

26 Sandra 3 giugno 2010 alle 15:46

terra romantica vero?? Non ci sono solo le tappe gastronomiche in Langa. :)
un abbraccio a al prossimo giro ci vediamo a Torino!

27 Sara@fiordifrolla 3 giugno 2010 alle 15:50

@ Mikki: grazie, sono felice che apprezzi!

@ parentesiculinaria: infatti sarebbe proprio nei miei progetti venire lì in autunno, non ci avevo pensato ai bellissimi colori degli alberi, poi c’è il tartufo, i funghi… :)

@ CorradoT: vero quello che dici sulla dolce compagnia! E’ stato tutto anche molto romantico devo dire, il che ha contribuito ad aggiungere magia a questi posti :)

@ Paolo: grazie :)

@ Lilly: oh bene, mi fa piacere che il mio Brasato al Barolo sia stato apprezzato, qui a casa mia è ormai diventato un grande classico e non ce lo facciamo mai mancare. Grazie a te carissima Lea, un abbraccio.

@ Alice: grazie mille :)

@ Onde99: tesoro ti immagini quanto sarebbe bello andare insieme, e con insieme intendo noi 4? Pensiamoci ;)

@ Zia Elle: grazie mille, a presto!

28 Albicocca 3 giugno 2010 alle 16:52

Ma li e’ dove sono nata ioooooo!!!! Che bella la mia terra vista dai tuoi occhi…grazie (con un po’ di nostalgia…)! :)

29 Veronica 3 giugno 2010 alle 18:25

Che bello questo reportage, grazie!
Sei molto brava a raccontare, sia con le parole che con le immagini…mi hai fatto venire una voglia di andarciiiiiiiiiii :( Purtroppo non potro’ per un po’…invidia invidia invidia :(
Mi hai fatto venire persino voglia di vino, a ME che sono ASTEMIA! hahahahaha
Che posti meravigliosi…in Italia ne abbiamo cosi’ tanti. Ogni piccolo paesino, ogni stradina, ogni chiesetta e’ un pezzo di storia.
Quando sei li’ e magari vivi a pochi passi da queste meraviglie, le dai per scontate, non ci fai caso, ma quando sei all’estero ti rendi veramente conto di quanto sia meraviglioso il nostro Paese e di quanto sia prezioso il nostro buonissimo cibo!
va be’…la smetto con questa serenata all’Italia, ma dovete perdonarmi: sono un’italiana all’estero e sono infinitamente innamorata della mia terra.
Sara, fai bene a concederti questi viaggi ogni tanto, rinfrancano lo spirito e il palato! e poi sono tremendamente romantici..<3
I problemi col sito li ho avuti (spesso) anch'io, ma pensavo fosse capitato solo a me, ecco perche' non ho detto nulla. A volte pur potendomi connettere alla home, se clicco su una data ricetta dall'indice non mi riporta alla ricetta! Insomma, non mi permette di accedere a tutte le ricette…volevo fartelo sapere, magari c'e' un modo per risolvere il problema.
ma quanto ho parlato?? O.o
Ciao! e tanti auguri a me (oggi e' il mio compleanno :P)

30 Irishfairy 3 giugno 2010 alle 21:50

Ma hai visto che ti copia anche la Parodi?!?! Mancano giusto gli amaretti nella torta alla ricotta che abbiamo fatto al corso… mah, ti lascio il link, magari è solo una mia impressione… http://www.tgcom.mediaset.it/studioaperto/articoli/articolo447489.shtml Baci, Ali

31 Sara@fiordifrolla 4 giugno 2010 alle 11:35

@ Sandra: romanticissima, concordo :)
Un bacione!

@ Albicocca: grazie a te, figurati!

@ Veronica: intanto augurissimi di cuore, anche se arrivo un po’ in ritardo (perdonami ma non ero in casa questa mattina)! Immagino che da italiana all’estero il tuo sentimento di appartenenza e di ammirazione dell’Italia sia ancor più radicato e, credimi, a fa ha fatto molto piacere leggere il tuo pensiero a riguardo.
I problemi dell’indice delle ricette sono stati tutti ampiamente risolti, purtroppo c’era un errore che non facevo aprire bene i vari link. Ora dovrebbe essere tutto a posto, se così non fosse ti invito gentilmente a segnalarmelo per favore :) Sul discorso che ogni tanto il sito non si apre questo purtroppo non dipende da me, ma se continua così non escludo di cambiare il servizio di hosting.
Di nuovo auguri cara Veronica, un abbraccio e grazie per la compagnia!

@ Irishfairy: ma sai che non sei la prima che lo dice? Vabbé, in ogni caso le dosi non sono proprio uguali e quindi non si può accusare nessuno, diciamo solo che ci assomiglia davvero molto ;)

32 Roberto Giuliani 4 giugno 2010 alle 12:50

Incredibile Sara,
guardando le tue foto mi ritrovo perfettamente, abbiamo una sensibilità fotografica molto simile, certi scatti potrei averli fatti io, sono entusiasta di questa cosa, bravissima!!

33 Sara@fiordifrolla 4 giugno 2010 alle 14:11

@ Roberto Giuliani: ne sono lusingata, detto da te è un grosso complimento. Grazie ancora di tutto, senza i tuoi preziosi consigli questo breve viaggio non sarebbe stato così piacevole e magico. A presto :)

34 Veronica 4 giugno 2010 alle 17:14

Grazie! sei sempre molto carina e dolce :)
E soprattutto grazie per le meravigliose ricette, le stupende foto e gli interessantissimi resoconti che pubblichi nel tuo sito.
Eh si’, l’America e’ bellissima, piena di stimoli, di liberta’, di energia…ma a me l’Italia manca sempre!! il nostro Paese ha tanti problemi, ma credo fermamente che sia il piu’ bello del mondo. Anche gli Americani stessi lo pensano! quando dico che vengo dall’Italia, spalancano gli occhi e si illuminano, e cominciano a chiedermi un sacco di cose sulle citta’ piu’ belle (soprattutto Roma e Venezia).

Se ci saranno altri problemi te lo faro’ sapere di certo!! baci e buon fine settimana :)

35 Edda 4 giugno 2010 alle 21:48

Mi sono riempita gli occhi, la mente di queste magnifiche colline che non conosco ancora. Le foto sono meravigliose ed è bello poter veder questi paesaggi con il tuo sguardo ;-) Buon fine settimana

36 Sara@fiordifrolla 5 giugno 2010 alle 19:48

@ Veronica: immagino che ti manchi l’Italia, sai mi sono sempre chiesta come gli americani vedano il nostro bel paese, da quanto capisco comunque ne hanno un’idea positiva :) Ok ci conto eh ;)
Buon week end!

@ Edda: grazie carissima, spero che questo mio racconto possa servire anche a far conoscere maggiormente questa bellissima ed affascinante zona d’Italia e, perché no, di portare in qualche modo un po’ di turismo :)
Buon fine settimana anche a te, baci.

37 Crumble al mango e rosa — Fior di frolla 2 luglio 2010 alle 04:02

[...] vi ricordate ero tornata dal mio soggiorno nelle Langhe con diversi prodotti gastronomici, riposti diligentemente in dispensa in attesa di ispirazione su [...]

38 elena 5 ottobre 2010 alle 08:59

Avete fatto una bellissima gita nelle langhe, molto carino l’ itinerario, molto belle le foto, ma in un posto così non poteva essere altrimenti.
Grazie Elena.

39 Sara@fiordifrolla 5 ottobre 2010 alle 13:39

@ Elena: benvenuta e grazie :)

40 ilaria 3 giugno 2011 alle 16:11

Ciao, ho preso spunto dalla tua recensione. Ho regalato 4 giorni nelle Langhe al mio compagno sommelier. Siamo nell’agriturismo sciulun,da te suggerito, Laura è molto gentile… ed è tutto fantastico come il paesaggio! Abbiamo fatto un sacco di degustazioni a Barolo, e visite al museo dei cavatappi, al castello, all’enoteca regionale.Grazie per il tuo blog, interessantissimo e molto preciso. Domani visita alla cantina dei Marchesi di Barolo…poi sarà la volta di Barbaresco. Grazie Grazie ancora.

41 Sara@fiordifrolla 5 giugno 2011 alle 21:46

@ Ilaria: mi fa un grande piacere che questo mio post ti sia stato utile per il tuo viaggio e sono ancora più contenta se hai trovato le mie segnalazioni interessanti. Le Langhe sono una zona magica, io ci torno almeno una volta l’anno, ormai non posso più farne a meno :)

42 Roberto Giuliani 10 ottobre 2012 alle 14:25

Complimenti Sara,
ottimo reportage, eccellenti fotografie, sono contento di esserti stato utile.
La Langa, una volta che ti entra nel cuore, non te ne liberi più!

43 Sara@fiordifrolla 11 ottobre 2012 alle 20:25

@ Roberto Giuliani: grazie Roberto, sei stato molto più che utile, non solo a me, ma a molti miei lettori che hanno fatto il mio stesso percorso. Quello che dici è vero, infatti da quando ho visitato questi posti incantevoli non posso fare a meno di tornarci almeno una volta all’anno.

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.