martedì 29 novembre 2011

Zuppa di lenticchie di Ustica e castagne con salsiccia

Zuppa di lenticchie di Ustica e castagne con salsiccia

Non sono mai stata in Sicilia, lo devo ammettere. E questa cosa la vivo come una grande mancanza da parte mia, una lacuna che conto di poter colmare al più presto. Mi è capitato però che, una persona alla quale sono molto affezionata, che in quella regione ci vive, me ne abbia parlato, un poco alla volta, trasmettendomene l’atmosfera, i profumi ed i sapori. Fino a quando una piccola parte di Sicilia è giunta inaspettatamente a casa mia, all’interno di due voluminosi e pesanti pacchi contenenti alcuni prodotti locali.

E così sono arrivate a me le lenticchie di Ustica. Per chi non le conoscesse, queste lenticchie, che tra le varie cose sono anche un presidio slow food, vengono coltivate (e raccolte a mano) sin dall’ottocento e crescono sui terreni fertili di natura vulcanica di questa isola. Sono tra le più piccole d’Italia (il loro diametro è di pochi millimetri), proprio per questo motivo non necessitano d’ammollo e cuociono in soli 45 minuti. Hanno un colore marrone scuro, una consistenza particolarmente tenera e un sapore pieno, ricco, che personalmente mi ha fatto capitolare.

Io le ho utilizzate per una zuppa, di quelle dense, cremose e avvolgenti come un caldo abbraccio, dal gusto tipicamente autunnale, accompagnandole con delle castagne, che ho fatto precedentemente arrostire in forno, e con della salsiccia (quello che io definisco il tocco goloso). Un piatto davvero molto confortante, che ho già rifatto dal primo esperimento almeno un paio di volte e che mi ha regalato sempre grande soddisfazione. Da provare anche sostituendo le castagne con dei funghi freschi, possibilmente saporiti, come porcini o cardoncelli.

Ah, quasi stavo per dimenticare: grazie Rossana (di cuore) per queste lenticchie.

Zuppa di lenticchie di Ustica e castagne con salsiccia

Ingredienti per 2-3 persone:
300 g di lenticchie di Ustica
300 g di castagne cotte in forno e spellate
150 g di salsiccia
1/2 cipolla rossa
1 foglia di alloro
acqua calda q.b.
olio extravergine di oliva
sale, pepe

In una casseruola fate scaldare l’olio extravergine di oliva ed unitevi la cipolla tritata finemente. Fate soffriggere a fuoco moderato fino a quando sarà diventata trasparente, quindi unite la salsiccia che avrete privato del budello e sbriciolato con le mani. Fatela rosolare, mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno. Unite adesso le lenticchie, ben sciacquate sotto l’acqua corrente e scolate, insieme alle castagne sbriciolate e ad 1 foglia di alloro, quindi mescolate ed unite l’acqua calda. Coprite e fate cuocere dolcemente per circa 45 minuti o comunque fino a quando le lenticchie saranno cotte, aggiungendo altra acqua durante la cottura se necessario.

Trasferite un mestolo o due (a seconda dell’effetto che volete ottenere) di zuppa boccale del frullatore e frullate fino ad ottenere una crema densa, aggiungendola poi al resto della zuppa in modo da renderla più cremosa. Regolate di sale e di pepe e mescolate con cura. Versate la zuppa nelle coppette individuali e servite subito, completando con un giro di un buon olio extravergine di oliva a crudo.

Articoli correlati:

Stampa questo post Stampa questo post
Condividi su:

42 comments

1 Mela 29 novembre 2011 alle 07:46

Sono arrivata qui da twitt, che già da solo invitava alla lettura.
da siciliana, confermo tutto su queste lenticchie speciali.
E ti invito a pensarci, ad un viaggetto dalle mie parti: se hai bisogno di qualcosa, io sono a disposizione.
Un abbraccio.

2 Cenerentola 29 novembre 2011 alle 07:58

da brava sicula non potevo non commentare questa deliziosa zuppa! ti auguro di scoprire questa magnifica terra prima o poi…un bacio :)

3 Simona 29 novembre 2011 alle 09:01

Combibazione ho tutti gli ingredienti in casa, le lenticchie non sono proprio quelle di Ustica, ma verrà altrettanto buona credo, no? Grazie come sempre, baci.

4 Roberta 29 novembre 2011 alle 09:07

Buone le zuppe di legumi! Ovviamente qui in Olanda le lenticchie di Ustica non le trovero’ mai e le castagne hanno un aspetto talmente triste e cosi’ poco invitante che non mi sono mai azzardata a comprarle…Mettero’ la ricetta nella lista “Cose da fare quando torno in Italia”. Buona giornata, a presto

5 Rossana 29 novembre 2011 alle 09:10

Piccine piccine, ma dal gusto deciso.
Il microclima e il territorio rendono unici i prodotti, che tra le tue mani vengono sempre esaltati, valorizzati ed interpretati con amore, maestria ed originalità!
Devo assolutamente provarla ;D

Bellissimo styling, la foglia d’alloro e tutti gli altri dettagli regalano luce a questo piatto.

Mi piacerebbe sapere qualche tips&tricks sulla cottura delle castagne in forno…

Grazie a TE, (di cuore)!

6 Serena 29 novembre 2011 alle 09:15

Adesso devo pensare a come procurarmi le lenticchie di Ustica: possiedo le corallo, le umbre, le Pedina, quelle normali, in pratica al posto della scarpiera io ho la legumiera. Ma queste mi mancano all’appello. Bellissimo l’accostamento con le castagne e, soprattutto, con la salsiccia!

7 Raffy 29 novembre 2011 alle 09:38

adoro le lenticchie…

8 Dario 29 novembre 2011 alle 10:32

Guarda, non so se adorarti perchè questa zuppa mi paice molto e la debbo assolutamente fare, mnagari sotto le feste, o se odiarti a morte perchè sono a dieta e guardando lo schermo ho lo stomaco che gioca a tresette!!!!

9 Angy76 29 novembre 2011 alle 11:28

Castagne, lenticchie e salsiccia mi sembra un ottimo accostamento, molto autunnale. La cena che vorrei trovare questa sera tornando a casa!
Grazie per la ricetta

10 giada 29 novembre 2011 alle 11:49

Mi piace molto la zuppa di lenticchie, ma non ho mai provato l’abbinamento con le castagne, è una bella idea!

11 Symposion 29 novembre 2011 alle 14:11

ottima la tua zuppa! buono l’abbinamento con le castagne :P
ma devi andare assolutamente in Sicilia, non ti può mancare!!
buona giornata

12 kiarina 29 novembre 2011 alle 14:42

Che piatto delizioso… un ottimo comfort-food! ;-D

13 Simona 29 novembre 2011 alle 18:40

Bellissima ricetta, me la segno perché ho sempre delle lenticchie nella dispensa che rimangono lì per troppo tempo!

14 Sara@fiordifrolla 29 novembre 2011 alle 22:16

@ Mela: ciao e benvenuta :) Sto meditando da diverso tempo di venire a visitare la tua meravigliosa terra, devo solo fare un piano e stabilire una data. Vedremo! Sono felice che la descrizione e le informazioni che ho dato su queste lenticchie corrispondano a verità, esse sono un prodotto speciale che deve essere valorizzato, io ho cercato di fare del mio meglio :)

@ Cenerentola: ma sai che non ricordavo che fossi sicula? Me lo auguro anch’io e che avvenga presto anche ;)

@ Simona: credo proprio di sì, anche se mi permetto di consigliarti una prova di queste lenticchie, secondo me meritano molto :)

@ Roberta: beh in effetti non credo che in Olanda le vendano, però mai sottovalutare i poteri di internet, chissà che qualcuno dei 6 produttori dell’isola non le venda anche on line? ;) Per le castagne come ho scritto nel post potresti provare a sostituirle con dei funghi :)

@ Rossana: carissima, spero di aver reso onore a questa eccellenza della tua terra, qui a casa ci siamo innamorati di queste lenticchie! Sono felice che lo styling ti piaccia, io non sono però pienamente soddisfatta della foto, più che dello scatto, dei colori, ad ogni modo come sempre ho cercato di fare al meglio delle mie possibilità :) Cosa ti servirebbe sapere sulle castagne? Io per questa ricetta le ho semplicemente “castrate”, ovvero incise nella parte panciuta con un coltellino apposito, messe in una teglia e fatte cuocere nel forno ventilato a 180° fino a quando i gusci si sono aperti e la prova assaggio mi fa capire che le caldarroste sono pronte :) Grazie ancora, un abbraccio.

15 Sara@fiordifrolla 29 novembre 2011 alle 22:22

@ Serena: mamma mia ne hai di tantissime varietà, ahahah la vorrei anch’io una scarpiera così ;D L’accostamento con la salsiccia mi sapeva di buono fin da subito e le castagne ce le ho infilate un po’ così a naso, secondo me ci stanno molto bene!

@ Raffy: a chi lo dici!

@ Dario: non so se ti consola, non credo eh, però sono a dieta anch’io. Oddio, dieta è una parola grossa, diciamo che mi sto un po’ controllando in vista delle feste o ne uscirò rotolando :D Ovviamente il week end continuo a tenermelo libero, il che implica che continuerò a postare con regolarità piatti non propriamente dietetici ;)

@ Angy76: visto che queste lenticchie non necessitano di ammollo e richiedono poco tempo, credo che mettendoti avanti solo con la cottura delle castagne (che potresti fare la sera prima), potresti veramente pensare di preparare questa zuppa per cena :)

@ Giada: un’idea nata anche un po’ così per caso, mi sapeva di abbinamento molto autunnale ed ho provato. Per fortuna mi è andata bene!

16 Sara@fiordifrolla 29 novembre 2011 alle 22:24

@ Symposion: hai troppo ragione infatti ci devo assolutamente andare :) Buona serata!

@ Kiarina: esatto trattasi di cibo altamente confortante :)

@ Simona: guarda è una cosa che capita spessissimo anche a me, non sai come ti capisco!

17 Rossana 30 novembre 2011 alle 00:05

Grazie per la lectio magistralis sulle caldarroste!
Sono sempre i dettagli a fare la differenza…
io le cucino in padella o in forno statico al max, disposte su uno strato di sale gosso, incise allo stesso modo, ma non ho mai ottenuto ottimi risultati.
Proverò!!!
Anche le preparazioni più semplici hanno i loro trucchetti ;D

18 Una cucina per Chiama 30 novembre 2011 alle 10:02

Le lenticchie mi piccono da morire e cucinate così sembrano davvero ricche e gustose!

Marco di Una cucina per Chiama

19 Nero di Seppia 30 novembre 2011 alle 11:51

Assolutamente magnifica! Calda, coccolosa, saporita… fa pensare a una serata davanti al camino, con un buon calice di rosso avvolti in una bella copertina…

20 sere@cucchiaio di stelle 30 novembre 2011 alle 12:28

son buonissimi i prodotti tipici delle varie regioni. Bisognerebbe provarli tutti almeno una volta!

21 Giuliana 30 novembre 2011 alle 15:28

Buonissima! Adoro i legumi e mia figlia va pazza per le lenticchie…mi toccherà preparargliela!

22 CorradoT 30 novembre 2011 alle 17:13

Ti considero una che preferisce i dolci (dolciofila, si puo’ dire?) e percio’ sono rimasto piacevolmente sorpreso da questa zuppa.
Doppi complimenti!!!
:))))

23 Stefania 30 novembre 2011 alle 17:25

Ciao Sara …sono contentissima di scriverti per invitarti al 7Links project..non so se ti è già arrivato l’invito (magari me lo sono perso..)spero parteciperai ;) a presto, Ste

24 Stefania 30 novembre 2011 alle 17:49

già che polla che sono…non ti ho scritto cosa è (l’emozione di invitarti ;)!

trovi tutto qui:
http://ravanellorosapallido.blogspot.com/2011/11/7-links-project-amarcord-di-ravanelli.html

25 valeria 30 novembre 2011 alle 18:38

grazie per questa splendida ricetta. lenticchie e salsiccia mi suona molto meglio di lenticchie e cotechino, se poi le presenti in forma di zuppa ancora meglio, mi hai conquistata! :)

26 Patty 30 novembre 2011 alle 18:46

Cara Sara. Questo è un piatto che potrei mangiare ogni giorno perché racchiude tutti i sapori che io amo di più. La lenticchia è il mio legume feticcio e la mangio spessissimo. Non conoscevo queste piccole meraviglie ma mi fido ad occhi chiusi. Vorrei provare la tua ricetta ma ho solamente delle castagne bollite che ho preparato e suddivise in sacchettini nel congelatore. Pensi che possano andare? Bravissima per l’idea assolutamente speciale. Baci, Pat

27 Rossana 30 novembre 2011 alle 21:14

Seguendo le tue preziose indicazioni ho ottenuto delle perfette e deliziose caldarroste!
Ne ho conservate un pò per preparare la zuppa domani!
GRAZIE ;D

28 cooksappe 1 dicembre 2011 alle 09:32

bene cosi’!

29 Ale 1 dicembre 2011 alle 11:42

Adoro le lenticchie e questo abbinamento alle castagne mi fa venire proprio voglia di provare subito a rifarla.
grazie mille
per l’idea

30 Barbara 1 dicembre 2011 alle 12:52

Con questo freddo viene proprio voglia di un assaggio :)

31 Marzia dark chocolate 1 dicembre 2011 alle 15:57

Le lenticchie di Ustica? Mai sentite! Devo trovarle e provarle.. se poi cuociono cosi velocemente! MI piace l’abbinamento con le castagne.. questa zuppa sarebbe perfetta in una giornata piovosa come oggi!
Un abbraccio Sara
P.S. mi sono trasferita su un nuovo blog, se vuoi passare http://www.darkchocolate.it

32 Francesca 2 dicembre 2011 alle 18:15

Magnifica ricetta, ingredienti armoniosi, la VOGLIO fare! Ma come non sei mai stata in Sicilia. Io sono stata due volte, la prima alle isole Eolie (una meraviglia!) e la seconda nella zona si Siracusa, ma ho in mente di girarla tutta perchè è un’isola piena di sorprese e di bontà!
;-)

33 Alessia 3 dicembre 2011 alle 21:21

Allora devi proprio recuperare presto! La Sicilia è una terra magica, davvero speciale e ti lascerà sicuramente “qualcosa”..
Intanto gustiamoci la tua zuppa

34 Mary 4 dicembre 2011 alle 08:08

Purtroppo non ho le lenticchie di Ustica ma delle lenticchie prese dal mio fruttivendolo di fiducia..x le castagne e la salsiccia ci siamo, dato che ho in casa dei favolosi marroni dop di Castione e della salsiccia trentina:))…..il primo piatto domenicale di oggi sara’ questo!!ciao Sara! Maria Lisa

35 Lidia - The Spicy Note 4 dicembre 2011 alle 19:56

Bella e molto invitante con questa temperatura! Complimenti!

36 Sara@fiordifrolla 4 dicembre 2011 alle 22:57

@ Rossana: non le ho mai cotte su di uno strato di sale grosso, qui dalle mie parti si usa cuocerle in padella o nel sistema che ho indicato :) Fammi sapere!

@ Una cucina per Chiama: e lo diventano, io però non faccio testo perché adoro le lenticchie :)

@ nero di seppia: una serata perfetta direi!

@ Sere: è vero ed io ne parlo sempre con grande piacere perché penso che chi come noi hai un blog di cucina debba farsi portavoce delle eccellenze che abbiamo in Italia :)

@ Giuliana: speriamo che le piacerà!

@ CorradoT: io non mi definisco dolciofila, trovo questa definizione di me incompleta, c’è un’altra grande passione che ho in cucina e sono i secondi. Questi li preparò però sempre non scostandomi mai molto da alcune ricette che ho già pubblicato, insomma con loro rimango più sul classico, mentre con i dolci ci gioco un po’ di più :)

37 Sara@fiordifrolla 4 dicembre 2011 alle 23:01

@ Stefania: ti ringrazio per l’invito, che non mi era infatti arrivato, se ne ho il tempo prendo parte a questa iniziativa volentieri :) Grazie per il link.

@ Valeria: suona molto meglio anche a me, lenticchie e cotechino non mi è poi mai piaciuto così tanto :)

@ Patty: penso che possano assolutamente andare bene, basta solo farle scongelare ovviamente. Se ti piacciono così tanto le lenticchie allora non puoi non provare quelle di Ustica, io me ne sono innamorata :) Baci

@ Rossana: grande, questa cosa mi rende molto felice! Scusa se non sono riuscita a rispondere alla mail ma la mia linea adsl si è rotta e non so quando sarà ripristinata (ora sono connessa grazie al mio iPhone, ma non posso abusarne ;).

@ Cooksappe :)

@ Ale: grazie a te, spero gradirai :)

38 Sara@fiordifrolla 4 dicembre 2011 alle 23:04

@ Barbara: già, mi trovi pienamente d’accordo :)

@ Francesca: no davvero non ci sono mai stata. E non me lo spiego nemmeno io sai, non è da me, perché è una terra che mi incuriosisce moltissimo. Devo assolutamente organizzarci le prossime vacanze :)

@ Alessia: ne sono convinta anch’io!

@ Mary: sono certa che andranno benissimo anche quelle lenticchie :) Ciao Maria Lisa, a domani con un nuovo post :)

@ Lidia: benvenuta e grazie :)

39 Il meglio della settimana dai food blog. 5 dicembre 2011 | scattidigusto.it 5 dicembre 2011 alle 17:16

[...] hanno avuto un ottimo riscontro di lettori, in particolare le pesche ripiene al forno. Propone una ricetta che abbina le lenticchie di Ustica presidio Slow Food alle castagne e alla salsiccia. La foto è bella considerato anche il soggetto difficile e mi piace il vezzo del riflesso della [...]

40 Perchè rustico è bello! Tagliatelle alla farina di castagne! » Cucina Ghiotta 12 dicembre 2011 alle 15:44

[...] gorgonzola (ottima accoppiata), qualche giorno fa avevo letto la ricetta di Fior di Frolla su una zuppa di lenticchie, castagne e salsiccia che mi aveva lasciato letteralmente senza parole; inoltre mio padre ieri si era preparato una [...]

41 vale 13 dicembre 2011 alle 17:38

ottima idea e bellissima foto: complimenti!

42 Sara@fiordifrolla 13 dicembre 2011 alle 18:27

@ vale: grazie!

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.