Croquetas, al prosciutto

Put fifteen friends invited to lunch one Sunday in March gathered to celebrate an important birthday (his) . In the days before you think and think again about the whole menu, but the only thing that you just can’t think of is the appetizer. Not something taken for granted, already done, but something different, in its own way playful, fun. Until the day before the total nothingness, then finally the lighting arrives. And if I prepared an Italian version of the croquetas that I recently tasted in La Bodeguita Juan Alberto ? No sooner said than done. An excerpt from the book “Basic Tapas” came to my aid  , I looked at the process and then reworked it with what I had at home.

These appetizing croquettes are nothing more than béchamel quenelles with extra virgin olive oil, which are usually accompanied by Jamon Serrano or chorizo . Not having these ingredients I made my own way and, in addition to the chopped boiled egg included in the recipe, I added raw ham and a handful of grated Parmesan (unfortunately I could not even find Manchego).

The beauty of these croquettes is all in the different consistencies that characterize them and therefore crunchy outer shell, irresistibly soft, soft, airy heart, a characteristic that makes them overly pleasurable. To bring to the table for an aperitif or for an original appetizer, the only care you need is to prepare in quantity because they disappear with an unimaginable speed. Of course, countless variations can be devised by adding vegetables, cooked meat or cheeses to the starting béchamel and, not to be underestimated, they are not bad for recycling some ingredients that are left in the fridge. Did I get you curious? Here is the recipe:

Croquetas with ham

Ingredients for about 18-20 croquettes:
500 ml of milk
4 tablespoons of extra virgin olive oil
60 g of flour
2 tablespoons of grated Parmesan cheese
50 g of raw ham
3 eggs
nutmeg
breadcrumbs
peanut oil for frying
salt, pepper

First put an egg in a saucepan, cover it with water and cook it for 6 minutes from boiling. Block the cooking under cold running water, then drain it and finely chop it. Prepare the béchamel by heating the oil in a thick-bottomed saucepan. Add the whole flour in a single stroke and toast it over medium heat, stirring constantly. Pour the milk flush, without ever stopping to mix, and let it thicken for 5 minutes. Add the hard-boiled egg, the ham (both minced) and the grated Parmesan. Add salt, pepper and nutmeg to taste. Continue cooking for another 20 minutes over low heat, stirring frequently. At this point you will need to obtain a thick béchamel sauce that you will cool to room temperature before transferring it to the refrigerator overnight.

The following day take a spoonful at a time of béchamel and, with wet hands, form the croquettes that you will place on a plate. Pass them first in a dish in which you have beaten the remaining two eggs, then in the breadcrumbs so as to cover them well. Fry, a few at a time, in peanut oil until they are golden brown. Dry with absorbent paper, salt and serve immediately.

  • 17
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    17
    Shares

23 commenti su “Croquetas, al prosciutto”

  1. Ma che belle! Per Pasquetta avrò un pranzo con un sacco di amici e credo proprio che ti ruberò l’idea di questa ricetta!
    Buona giornata!
    Bisu

  2. Sono ancora incantata dal cake qui sotto! Che delizia sublime!
    Ma veniamo a queste crocchette: potrebbero essere la giusta soluzione per l’antipasto del menu di Pasqua…Ho avuto la bella idea di invitare tutti i parenti a pranzo da me, e ora ti lascio immaginare le innumerevoli ipotesi che vaglio per l’occasione, ma direi che queste non le scarto!
    Un abbraccio e felice 8 marzo!

    Nadia – Alte Forchette –

  3. Davvero sfiziose!
    Poter preparare la base in anticipo agevola quando si hanno invitati.
    Le proverò di sicuro!
    Penso che non perdano affatto “emilianizzate” con prosciutto e parmigiano, anzi…
    Buon week end ;D

  4. Quando ero a Madrid le mangiavo praticamente tutti i giorni e le adoravo! Sia con jamon che quelle con il Manchego con un po’ di sangria erano una delle mie tappe obbligate nei tapas bar! La versione italiana è parecchio golosa comunque.

  5. Che belle crocchette sfiziose con il prosciutto, che vedo! Mi piacciono moltissimo. Le preparo spesso ai miei bambini che le adorano ! Complimenti, ottima ricetta !
    Incoronata.

  6. Che cosa originale, anzichè con le patate lesse di pura besciamella…ero dubbiosa sulla consistenza ma credo che il processo in frigo dovrebbe garantire la morbidezza dentro e croccantezza fuori…da tener presente per un aperitivo originale!!

  7. @ Bisu: bene, qui hanno riscosso grande successo, spero sarà lo stesso lì da te :)

    @ Manuela e Silvia: beh non proprio classiche, viste le origini :)

    @ Arianna: è la mia versione emiliana, ma ovviamente si può modificare a proprio piacimento :)

    @ Paola: davvero tanto Paola, grazie :)

    @ Raffy: a chi lo dici!

  8. @ Una Cucina tutta per sé: grazie mille per i complimenti e grazie per la costanza con la quale mi segui :)

    @ Nadia: ahahah ha un potere ipnotico secondo me ;) Uh mamma, non sai quanto ti capisco, è un po’ quello che mi è capitato proprio nell’occasione che raccontavo nel post. Sì, secondo me potrebbero essere adatte ad essere portate in tavola come antipasto nel menu di Pasqua, almeno è una cosa diversa dal solito! Un abbraccio.

    @ Rossana: sì ed è un aspetto da non sottovalutare. E poi il bello è che la besciamella può essere arricchita con quello che più ti piace (o hai da fare fuori in casa), insomma ci sono un sacco di varianti da esplorare! Un abbraccio.

    @ Giulietta: era quello che volevo, quindi mi fa piacere! Se puoi provale, io le trovo irresistibili :)

    @ Zucchero e Zenzero: qui sono talmente piaciute che da quando le ho pubblicate le ho già fatte almeno un paio di volte ;) Grazie.

  9. @ Conunpocodizucchero: grazie, è molto bello quello che dici, soprattutto perché ormai questo blog compie 5 anni :)

    @ Agnese: grazie Agnese, talmente sfiziose che appena le porti in tavola spariscono in un nanosecondo :D

    @ Inco: grazie e benvenuta Incoronata :)

    @ Elisabetta Pendola: forse direi più buone che belle ;)

    @ Elena: il passaggio in frigo serve a fare in modo che la besciamella, che comunque dopo i 20 minuti a fuoco lento si sarà addensata per bene, si consolidi e permetta di formare delle piccole quenelles da impanare e friggere. Una volta pronte l’interno è davvero cremoso, scioglievole, sublime :)

    @ Not Only Sugar: grazie!

Lascia un commento