Crostata di zucca e cannella

Non ci crederete, ma è il primo dolce che faccio con la zucca. In fondo, dopo anni di rifiuto totale nei suoi confronti, mi ci sono riappacificata solo un anno fa, quando mi sono decisa a concederle un’ultima chance provandola prima in un risotto, poi cotta nel forno con il gorgonzola e le noci e successivamente con tutte le altre ricette che ho pubblicato nel tempo. Ma si tratta sempre e comunque di ricette salate, non so per quale motivo non mi ero mai sentita di provarla per una torta o un dessert. Beh, per fortuna che l’ho fatto.

crostata zucca e cannella-1

Ho scelto di tenere questa sorta di battesimo con una ricetta che porta la firma di Donna Hay e che proviene nientemeno da “Classici Moderni – Vol.2″. Ricetta che mi ha colpito da subito per l’involucro di pasta brisée, magnificamente burroso (come piace a me) e con una modesta quantità di zucchero, che ho scoperto gradire sempre più nelle crostate con ripieno alla frutta (come la crostata di prugne, se vi ricordate) o come in questo caso con la zucca, perché ne esalta maggiormente i sapori grazie al suo gusto neutro. Inoltre si tratta di un impasto veramente molto valido e versatile, facilmente lavorabile e ben ponderato nelle proporzioni, che consiglio caldamente di provare almeno una volta.

Ma veniamo a lei, la protagonista di questo dolce: la zucca. Ridotta a purea semplicemente con un robot da cucina, dopo essere stata cotta a vapore, si trasforma in un ripieno compatto, denso e cremoso amalgamandola con uova, panna, zucchero di canna (che ben si sposa con il sapore della zucca) e cannella. Niente più, pochi ingredienti per una crostata dal colore ammaliante, resa ancora più particolare grazie ad una spolveratina di noce moscata finale (passaggio da non saltare, mi raccomando) e dal gusto dolce, ma non troppo, e profondamente ricco.

Se infine volete ottenere crostate dal guscio cotto in maniera uniforme e dai bordi perfetti, vi consiglio di scegliere uno stampo antiaderente microforato con fondo amovibile. Io ho utilizzato questo e fino ad ora mi sono trovata benissimo.

 

crostata zucca e cannella-2

Crostata di zucca e cannella

Crostata di zucca e cannella: una ricetta dolce dal ripieno compatto, denso e cremoso preparato con uova, panna, zucchero di canna e cannella.
5 da 3 voti
Stampa Pin Lascia un commento
Portata: Dolci
Cucina: Italiana
Preparazione: 30 minuti
Cottura: 1 ora 30 minuti
Tempo di riposo: 1 ora
Porzioni: 8 persone
Chef: Sara Querzola

Per la pasta frolla:

  • 270 g farina 00
  • 3 cucchiai zucchero semolato
  • 150 g burro freddo di frigo
  • 2-3 cucchiai acqua ghiacciata

Per il ripieno:

  • 250 g purea di zucca
  • 65 g zucchero di canna
  • 2 uova
  • 80 ml panna fresca
  • cannella in polvere a piacere

inoltre:

  • noce moscata per spolverizzare
  • 1 rametto di ribes rosso
  • Preparate la pasta frolla: nella ciotola della planetaria lavorate, con il gancio a k e a bassa velocità, la farina, lo zucchero e il burro tagliato a cubetti fino ad ottenere un composto bricioloso. Sempre tenendo l’apparecchio in funzione, aggiungete l’acqua, poca alla volta, quel tanto che basta ad ottenere un impasto liscio e privo di striature di burro (in alternativa potete impastare con il mixer, utilizzando le lame e procedendo ad impulsi). Se necessario rilavorate brevemente a mano, quindi avvolgete nella pellicola per alimenti e mettete in frigorifero a riposare per almeno 1 ora.
  • Nel frattempo preparate la purea di zucca: private la zucca della scorza, quindi tagliatela a tocchetti efatela cuocere a vapore fino a quando sarà diventata tenera. Riducetela in purea frullandola con un robot da cucina e lasciatela raffreddare completamente.
  • Prelevate la pasta frolla dal frigorifero e stendetela su di una superficie infarinata con il mattarello, portandola ad uno spessore di circa 3 mm e foderateci uno stampo da crostata da 24 cm di diametro con fondo amovibile, che avrete preventivamente imburrato con cura. Bucherellate la base con i rebbi di una forchetta, appoggiatevi sopra un foglio di carta da forno e versatevi all’interno gli appositi pesetti per la cottura in bianco (oppure potete usare legumi crudi o riso). Fate cuocere nel forno per 15 minuti a 180°, quindi eliminate carta e pesetti, e fate asciugare ancora in forno per altri 10 minuti alla stessa temperatura. Sfornate, fate raffreddare su di una griglia per dolci e abbassate la temperatura del forno a 150°.
  • Preparate il ripieno: in una ciotola mescolate con una frusta la purea di zucca con lo zucchero di canna, le uova, la panna e la cannella, fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. Versate delicatamente il tutto nel guscio di pasta frolla a temperatura ambiente e fate cuocere nel forno per circa 50 minuti o comunque fino a quando il ripieno apparirà ben sodo. Sfornate e fate raffreddare nello stampo.
  • Per la decorazione: reimpastate i ritagli di pasta frolla rimasti e stendeteli con il mattarello allo spessore di 5 mm. Con dei tagliabiscotti a forma di foglie ricavate tante sagome che disporrete, opportunamente affiancate su una teglia foderata di carta forno. Cuoceteli nel forno a 180° fino a doratura. Sfornate, fate raffreddare e utilizzateli per decorare la crostata di zucca. Aggiungete qualche bacca di ribes. Prima di servire spolverizzate a piacere con della noce moscata e servite con panna montata alla cannella.
Hai provato questa ricetta?Scatta una foto e condividila taggando @fiordifrolla in modo che io la possa vedere. La ricondividerò nelle mie stories!

crostata zucca e cannella-3



Potrebbero interessarti anche...

54 commenti su “Crostata di zucca e cannella”

  1. @ federica: non credo onestamente che tu possa ottenere lo stesso risultato con il latte, delle due forse meglio lo yogurt bianco, ma sono del parere che 80 ml di panna non abbiano mai ucciso nessuno e per una volta che si prepara un dolce vale la pena farlo come si deve ;)

  2. Ciao sembra davvero buona, sono un’imbranata con le dosi e non ho mai usato la cannella, per non fare disastri mi dite qual è indicativamente il minimo ed il massimo che potrei mettere nella ricetta? Il minimo perché almeno si senta il sapore, ed il massimo perché non vorrei che si senta troppo e rovinare la ricetta :-) grazieeee milly

Lascia un commento