Falafel al forno: di piselli

La mia voglia di viaggiare si traduce anche nei piatti che cucino. Come avrete visto dalle stories su instagram sono appena tornata da quattro giorni nella capitale della Bulgaria, Sofia, dove ho mangiato bene, ma onestamente credo non vorrò vedere più aglio per almeno 1 mese. Quindi oggi nessun piatto della cucina bulgara, questa volta ci spostiamo in Medioriente, per gustare i Falafel, non nella versione classica, ma reinterpretati in una chiave più colorata.

I falafel nascono in Egitto, per poi diffondersi in Israele, Palestina, Giordania e via, via hanno contagiato tutto il globo grazie alla loro bontà e velocità di preparazione, e sono polpette a base di legumi. La ricetta tradizionale li vuole a base ceci, arricchiti con spezie, erbe aromatiche, e una volta formate, si friggono. Solitamente fungono da accompagnamento ad un’altra portata. Oltre ai ceci, nella facilissima preparazione dei falafel, possono essere impiegati fagioli, fave o altri legumi. Le ricette dei falafel perfetti sono numerose quanto le famiglie che li cucinano. È un po’ come il ragù alla bolognese: ogni famiglia ha la propria ricetta collaudata.

Pertanto ho pensato di creare la mia ricetta dei falafel a base di piselli. Primo perché questi legumi hanno un sapore dolce e delicato, danno una bella colorazione di verde intenso e infine perché a breve, ci sarà la prima raccolta della varietà precoce, seminata a febbraio. Alla cottura tradizionale, che è la frittura, ho preferito la cottura in forno: più salutare e leggera.

Naturalmente, i falafel sono deliziosi sia appena sfornati, bollenti e morbidi, oppure serviti a temperatura ambiente e più compatti. È una pietanza semplice, sostanziosa e molto gradevole, con un alto contenuto di proteine vegetali, che si rivela un’ottima scelta, da servire nel caso i vostri ospiti siano vegetariani. Quando servire i falafel? Quando ne avete voglia! Possono essere un ottimo antipasto, o un contorno. Fantastica alternativa per coloro che non amano i legumi sottoforma di vellutata o lessati e conditi con olio e sale.

falafel al forno-1

I miei falafel li ho accompagnati con una salsina di yogurt greco ed erba cipollina, per aggiungere una punta di freschezza ed acidità alla dolcezza dei piselli. Poi per dare ancora più sprint al piatto, ho arricchito queste polpettine con curry e paprika affumicata (che ormai infilo ormai un po’ dappertutto al posto del sale), ma ovviamente ci vedo bene anche abbinati ad una spezia super aromatica come il cumino. Al posto del prezzemolo è possibile utilizzare, per chi lo ama, il coriandolo fresco, anche se mi rendo conto che ha un sapore che non incontra i gusti di tutti.

Insomma, quella dei falafel è una portata che emana un profumo di buono, che ti fa venir fame anche se non ne hai.

Come fare: falafel al forno di piselli

I falafel sono un piatto tipico mediorientale costituito da delle polpette speziate di legumi fritte. In questa ricetta sono cotte al forno e preparate con i piselli.
Preparazione25 min
Cottura25 min
Tempo di riposo15 min
Tempo totale1 h 5 min
Portata: Antipasti
Cucina: Mediorientale
Keyword: falafel, felafel
Porzioni: 4 persone
Chef: Fiordifrolla

Ingredienti

Ingredienti per 4 persone:

  • 800 g di piselli freschi e già sgranati
  • 2 cucchiaini di curry in polvere
  • 1-2 cucchiaini di paprika affumicata
  • 1 spicchio d’aglio
  • la parte verde di 1 cipollotto fresco
  • pangrattato qb
  • menta fresca qb
  • prezzemolo fresco qb
  • olio extravergine di oliva
  • sale
  • pepe

inoltre:

  • paprika affumicata
  • yogurt greco
  • erba cipollina qb
  • sale
  • pepe

Istruzioni

  • Sbollentate i piselli per 2 minuti in acqua bollente salata, senza coprirli, e fermate la cottura in acqua e ghiaccio. Scolateli e tamponateli con un panno da cucina. Trasferiteli nel boccale del mixer insieme all’aglio tagliato a metà e privato dell’anima, al curry, alla paprika, alla menta, al prezzemolo e alla parte verde del cipollotto. Unite di sale e pepe e frullate il tutto non troppo finemente (devono restare un po’ grossolani), aggiustando la consistenza con qualche cucchiaio di pangrattato. Lasciate riposare per 15 minuti.
  • Con le mani appena inumidite formate delle polpettine e appiattitele. Disponetele su una teglia foderata di carta forno e spennellatele con poco olio d’oliva. Cospargete con un pizzico di paprika affumicata e cuocete nel forno già caldo a 180° per 20 minuti. Sfornate e servite con lo yogurt greco mescolato con erba cipollina tagliuzzata a piacere, sale e pepe.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento