Insalata tiepida di zucca & uva alla robiola e noci

Nuova ricetta, nuovo abbinamento. Resto sempre nel mio mood autunnale (preferito) cambiando però sapori, colori e tipologia di piatto. E così da un primo rustico e saporito come i gigli toscani ai porcini, salsiccia e pomodori secchi, passo ad un’insalata dai toni vivaci e allegri, sana, gustosa e, soprattutto, da consumare calda o tiepida, cosa da non sottovalutare con le temperature che corrono in questi giorni. Infatti non so voi, ma io personalmente ho accantonato tutte le preparazioni fredde in favore diquelle più comfortanti e riscaldanti.

L’ispirazione mi è venuta ancora una volta da lui, Bill Granger, che con il suo “Cosa mangiamo oggi?”, edito da Luxury Books, è sempre fonte di numerosi spunti culinari, anche se della ricetta è rimasta più che altro l’idea e poi in fase di preparazione ho fatto come sempre di testa mia.

Si tratta di un’insalata nella quale i sapori primari sono quelli della zucca, fatta cuocere in forno semplicemente a fette con olio extravergine, sale, pepe e un pizzico di semi di cumino, e dell’uva, che ho fatto saltare dolcemente in padella insieme a poco aceto balsamico e zucchero semolato fino a farne crepare leggermente la buccia. Accompagnano il tutto delle noci sgusciate tostate e grossolanamente tritate per dare il tocco di croccantezza, della fresca valeriana e della robiola tagliata a pezzetti (che potete sostituire con altro formaggio a piacere, ovvio). A condire questa insalata non servirà alcunché se non il sugo di cottura dell’uva, un poco denso e sciropposo.

Un esperimento che ho gradito moltissimo e che credo riproporrò diverse volte sia come piatto unico, magari per una pausa pranzo leggera e non troppo impegnativa (ma soprattutto non triste), sia come contorno per un primo piatto o un secondo di carne bianca, come pollo o maiale.

Insalata tiepida di zucca & uva alla robiola e noci

Ingredienti per 2 persone (dosi approssimative):

  • 500 g di zucca violina
  • 1 grappolo piccolo di uva bianca
  • 125 g di robiola (o altro formaggio fresco)
  • 40 g di noci sgusciate
  • 1 manciata di valeriana
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1/2 cucchiaino di semi di cumino
  • 1 cucchiaio e mezzo di aceto balsamico
  • 1/2 cucchiaino di zucchero semolato
  • sale, pepe

Private la zucca della scorza con un coltello ed eliminate i semi, quindi riducetela a cubetti o a spicchi. In una ciotola capiente versate 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva insieme ai semi di cumino leggermente pestati in un mortaio, al sale e al pepe. Emulsionate il tutto per amalgamare, quindi unite la zucca e mescolatela affinché si rivesta in maniera uniforme del condimento. Trasferite il tutto in una teglia rivestita di un foglio di carta da forno e fate cuocere nel forno già caldo a 200° per circa 30 minuti o comunque fino a quando la zucca sarà diventata tenera.

In una padella antiaderente scaldate il cucchiaio di olio rimanente e unite gli acini d’uva, facendoli cuocere a fiamma moderata fino a quando la loro buccia diventerà cedevole e si creperà leggermente. Aggiungete l’aceto balsamico e lo zucchero e mescolate fino a quando quest’ultimo si sarà sciolto e il fondo di cottura apparirà un po’ denso e sciropposo.

In un piatto da portata disponete gli spicchi di zucca, l’uva, la valeriana e il formaggio a pezzetti, quindi irrorateli con il condimento rimasto nella padella e cospargete con le noci grossolanamente tritate che avrete fatto precedentemente tostare a fuoco medio in una casseruola antiaderente senza grassi. Servite subito.

Come ormai saprete se mi leggete da un po’, alla buona tavola e ai piatti che cucino, mi piace accompagnare da sempre un buon vino, un’altra delle mie grandi passioni. Passione che mi porto dietro da tantissimo tempo e che con il trascorrere degli anni è diventata sempre più viva e coinvolgente, a tal punto che, quando posso, adoro trascorrere alcune giornate o interi fine settimana in questa o quella zona di vitivinicola, per visitare cantine, parlare con i produttori e degustare i loro vini (vedi ad esempio questo post sulle Langhe). Il tutto sempre e comunque per un mio approfondimento personale.

A questo proposito vorrei segnalarvi un’interessante iniziativa organizzata da  Paolo Ghislandi (aka @cascinacarpini su twitter) proprietario di Cascina I Carpini in collaborazione con Andrea Petrini di Percorsi di Vino. Si tratta un tasting panel, nel quale viene offerta la possibilità di condividere eprovare una nuova creazione di Cascina I Carpini, il Timorasso Spumante Brut Chiaror Sul Masso, che nasce per la prima volta come versione spumante del Timorasso Brezza d’Estate, e di raccontare attraverso un post le proprie impressioni, osservazioni su questo prodotto, recensendolo anche tecnicamente per chi ne avesse la facoltà. Ma non solo, ed è qui che io contribuirò con vero piacere, è possibile partecipare ideando e pubblicando una ricetta che vi si possa abbinare. Una bella scommessa per me, sono sicura che ne leggerete delle belle.

Se anche voi volete partecipare potete trovare tutte le informazioni dettagliate qui, i posti sono limitati quindi affrettatevi.

  • 30
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    30
    Shares

53 commenti su “Insalata tiepida di zucca & uva alla robiola e noci”

  1. Buongiorno, le insalate che abbinano frutta e verdura mi piacciono davvero tanto!!! zucca e uva si sposano alla perfezione con la valeriana e l’aceto balsamico, ottima anche l’idea dei fiocchetti di robiola…che bontà!!! un abbraccio :-p

  2. mi piace molto questa insalata, Sara!! In questo periodo la zucca la metterei ovunque ;)
    MA ora facciamo cambio, prendo l’insalata e lascio il dolcetto per la colazione :D
    un abbraccio
    P.s. parteciperemo in parecchi al Tasting panel di @Cascinacarpini!

  3. Buongiorno Sara!
    La cosa che mi incuriosisce di più in assoluto è l’uso dell’uva in insalata… Sul serio, non ci avrei mai e poi mai pensato… Incredibile!
    A presto.

  4. Il Timorasso è un vino delle mie zone,e anche l’azienda vinicola che hai postato si trova sulle colline che mi circondano…ti consiglio di venire a trascorrere un week-end da queste parti, merita,soprattutto in questa stagione!Potrai trovare il salame di Varzi, il Montebore, altri prodotti tipici della zona, oltre naturalmente a interessantissimi vini!

  5. Sai cosa mi fa venire in mente l’accostamento zucca+robiola? La prima volta che siete venuti a pranzo da noi, avevo preparato una vellutata con involtini di foglie di cavolo ripiene di robiola. Hai riproposto questo lieto matrimonio in forma veramente indovinata: l’idea dell’uva è bellissima! Un bacio

  6. io ho un debole per le insalate tiepide, rappresentano per me uno dei piatti più comfort food che possa esistere, e questa con la zucca, il mio ingrediente preferito dell’autunno, è decisamente perfetta!

  7. che matrimonio di gusto e sapore che è questa insalata, ha dei colori meravigliosi e si sposa perfettamente con questa stagione…sei interessantissime le tue proposte!!!bacioni imma

  8. Ma che bella insalta colorata! L’accostamento di ingredienti così diversi mi incuriosisce molto, chissà che sapore avrà! Però hai avuto proprio una bella idea, hai reso una semplice insalta qualcosa di davevro originale!

  9. @ Luciana: anch’io adoro le insalate dove ci sono frutta e verdura insieme, d’estate una delle mie preferite è quella con le pesche, il caprino e le nocciole! Ti ringrazio, un bacione

    @ Cenerentola: grazie, ogni tanto qualcosa di non eccessivamente calorico ci vuole ;), l’importante è che sia allegro, solare e colorato :)

    @ Mirtilla: grazie :)

    @ MIlena: quoto, anzi straquoto! Evviva l’allegria in cucina (e non solo!) :)

    @ Sandra: ne sono felice, anch’io sono zucca-dipendente! Come sempre con te faccio cambio volentieri, le tue frolle alla crema di fagioli di Sarconi sono da urlo ed mi pento di essermi dimenticata di acquistare quella crema quando andai da Sapori dei Sassi a Matera :D Bene, sono certa che al tasting panel di @cascinacarpini ne vedremo delle belle ;)

  10. Eh si… il “tiepido” è perfetto per questa stagione…
    E poi giocare con le temperature a volte conferisce al piatto quel qualcosa in più. Anzi, è un tema che vorrò approfondire una vota divevtata più bravina. Un bel gioco…
    La tua insalata mi conquista decisamente, peccato abbia una leggera intolleranza alle noci, ma temo che sostituendole con altro non sarebbela stessa cosa…

  11. @ Elga: grazie Elga, era la prima volta che provavo ad abbinare zucca e uva e devo dire che l’accostamento mi è piaciuto molto :)

    @ Carolina: buongiorno Caro!
    Davvero? Io l’uva nell’insalata a volte la metto, ma è la prima volta che la faccio saltare in padella con l’aceto balsamico e che la abbino alla zucca. L’esperimento però devo ripeterlo perché qui abbiamo gradito molto!
    Buona giornata, un abbraccio.

    @ Giulia: dopo essere stata nelle Langhe, ed essermene innamorata profondamente, sto pianificando un altro week end in Piemonte e credo proprio che un salto nella zona dei colli tortonesi si potrebbe proprio fare. Sono molto curiosa di assaggiare questo Timorasso in versione spumante e non vedo l’ora di iniziare ad applicarmi per la ricetta da abbinare! Grazie per le preziosissime segnalazioni, mi annoto tutto ;)

    @ babs: grazie, io quasi quasi vado di zucca anche stasera! ;) Buona giornata Barbara!

    @ Onde99: ecco dove lo avevo già assaggiato! E’ da giorni che ci penso, era spettacolare quella vellutata. A pensarci mi è già venuta fame! Grazie mille, un bacio cara.

  12. @ paola: grazie :)

    @ Edda: è per non fare un passaggio brusco tra l’estate e l’autunno, un modo di acclimatarsi e abituarsi alla nuova stagione del tutto graduale :)

    @ Tery: grazie! Ti consiglio di affrettarti perché i posti sono limitati per il tasting panel, spero riuscirai ad entrare nel numero dei fortunati!

    @ Juls: hai ragione, anche per me questo è un esempio di comfort food autunnale, sarà la zucca tiepida, la cremosità della robiola, non so :)

    @ Cecilia: grazie!

  13. Gran bell’insalata. E poi con la zucca violina. Come mi manca :( Da quando sono tornata a Napoli non riesco più a trovarla in giro. Non è zucca delle neostre zone, la violina. Dovrò tornare ad Argenta per prenderne un pò.. ma poi mi immagino a girare in treno con una zucca sotto braccio XD

  14. Primo commento in questo bellissimo blog…perché no resisto a questa arminia di sapori e colori..e perché in questa primavera quasi autunnale australe trovo tutti gli ingredienti..Ciao, Simonetta

  15. questa penso sia tra le tue ricette salate quella che io preferisco!! mi attizza da matti l’idea! questo abbinamento audace è ASSOLUTAMENTE DA PROVARE!! grazie per gli spunti, mai scontati, che ci dai, davvero!!

  16. @ Imma: grazie mille, mi fa piacere che questo abbinamento ti convinca :)
    Un bacione e buona giornata :)

    @ Alem: grazie!

    @ Mirtilla: ti ringrazio :)

    @ parentesiculinaria: mah, volendo si potrebbe provare a sostituire le noci con altra frutta secca (tipo pinoli o nocciole), ma non ho idea di come ci potrebbero stare :) Un bacione

    @ Paola: eheheh non è proprio comodissima da portarsi in treno, però almeno avrai un po’ di questa favolosa zucca da provare! :D

  17. @ manu e silvia: grazie!

    @ Alexandra: non ancora? Io ne ho già fatte fuori 3, non appena ho visto arrivare quelle italiane ho iniziato a farne largo uso! :)

    @ Elenuccia: grazie :)

    @ Glu.Fri: ciao Simonetta, benvenuta e grazie :)

    @ Micaela: anch’io sono contentissima che sia finalmente arrivata la stagione della zucca, un bacione :)

    @ Daniela: grazie :)

    @ K@tia: ma dai davvero? Beh mi fa piacere, ti ringrazio :)

    @ Ambra: e fai bene, baci!

  18. Penso sia importante trovare io modo di riuscire a portare a tavole insalate anche durante questo periodo autunnale e la tua mi sembra un’idea perfetta! Bellissimi i colori!!!

  19. @ Olivia: sono d’accordissimo con te, anche perché sono molto salutari :)

    @ Symposion: ti ringrazio, credo che questo metodo per saltare l’uva potrebbe tornare buono anche per altre ricette ;)

    @ Veronica: grazie!

  20. Ciao! vorrei provare a realizzare questa gustosa insalatina autunnale.. due domandine.. posso omettere il cumino? purtroppo non lo digerisco :-(..
    ho anche difficoltà a trovare la zucca violina… posso usare quella mantovana?
    grazie mille e complimenti elena

  21. L’ho provata senza cumino perchè non ero riuscito a trovarlo…. ma che combinazione sorprendente! L’uva abbinata al resto lascia proprio di stucco ma ci sta benissimo. Ottimo come antipasto. Brava Sara!

  22. ieri sera ho messo la zucca a marinare con il cumino/olio/sale/pepe e oggi ho avuto gente a cena che non era previsto.ho fatto un figurone,come sempre quando prendo degli spunti sul tuo blog!!!molto buono questo abbinamento!mi è piaciuto veramente tanto!!!grazie, martina

Lascia un commento