Khachapuri al pomodoro e feta

Salutiamo il mio nuovo piatto preferito dell’estate: il khachapuri ripieno di pomodoro e peperone stufati, feta, finocchietto con al centro un golosissimo tuorlo colante. Questo insolito mix tra un pane e una pizza mi ha conquistata con le sue note speziate di paprika affumicata, cumino, nigella, per non parlare della base croccante e alveolata dalla classica forma a barchetta.

Il mio segreto è stato prepararla con la farina tipo 1 W 220 Per Tutti Grandi Molini Italiani, un prodotto che è un vero jolly da tenere in dispensa, perché ottimo sia per biscotti e crostate che per pane e pizza.

Khachapuri al pomodoro e feta-3

Questa ricetta, dal nome più difficile da scrivere che da pronunciare, è originaria della Georgia. Come sempre quando si tratta di piatti tipici della tradizione, esistono un milione di varianti sia per il ripieno che per l’impasto. Quest’ultimo infatti di base dovrebbe essere realizzato con farina e yogurt o kefir, ma come vedrete la mia ricetta si discosta moltissimo dall’originale. In ogni caso staccare un’estremità dell’impasto gonfio e dorato per poi intingerla nel tuorlo è pura poesia.

Non trovate anche voi che sia perfetto perfetto per una cena con gli amici?

Kahchapuri al pomodoro e feta-1

Khachapuri al pomodoro e feta-5

Khachapuri al pomodoro e feta

Il Khachapuri è un piatto tipico della Georgia, qui in versione rivisitata con un ripieno di pomodori, peperoni e feta
5 from 1 vote
Stampa Pin Lascia un commento
Portata: piatti unici
Cucina: georgiana
Keyword: khachapuri
Preparazione: 45 minuti
Cottura: 1 ora
Tempo di lievitazione: 2 ore 50 minuti
Tempo totale: 4 ore 35 minuti
Porzioni: 4 persone
Calorie: 736kcal
Chef: Sara Querzola

Ingredienti:

Per l’impasto:

  • 550 g di farina tipo 1 W 220 Linea per Tutti Grandi Molini Italiani
  • 350 ml di acqua a temperatura ambiente
  • 7 g di lievito di birra disidratato
  • 1 cucchiaino di sale fino

Per il ripieno:

  • 6-7 pomodori maturi
  • 1 peperone rosso
  • 1 cipolla
  • 2 spicchi di aglio
  • 1 cucchiaio d’olio d’oliva
  • 1 cucchiaino di semi di cumino
  • 1 cucchiaino di paprika affumicata
  • Peperoncino fresco qb
  • Finocchietto fresco qb
  • 4 tuorli
  • 150 g di feta
  • Sale
  • Pepe

Inoltre:

  • 1 uovo per lucidare
  • Semi di sesamo bianco
  • Semi di nigella

Procedimento

  • In una ciotola capiente mescolate il lievito con l’acqua e attendete alcuni minuti. Quando si formerà una sorta di schiumetta aggiungete la farina precedentemente mescolata con il sale. Mescolate prima con una forchetta e poi impastate, a mano o con la planetaria, fino a ottenere un impasto liscio, elastico e incordato. Dategli una forma sferica e sistematelo in una ciotola. Coprite con pellicola per alimenti e fate lievitare fino al raddoppio (circa 2 ore nel forno spento con la luce di cortesia accesa).
  • Nel frattempo dedicatevi al ripieno: in una padella antiaderente saltate i semi di cumino, l’aglio ridotto in purea e la cipolla tritata nell’olio a fuoco medio fino a quando la cipolla sarà dorata. Aggiungete il peperone e i pomodori tagliati a dadini, la paprika, il peperoncino e aggiustate di sale e pepe. Portate a cottura fino a quando le verdure avranno rilasciato i loro liquidi e si saranno ridotte in volume. Ritirate e fate raffreddare.
  • Tagliate l’impasto lievitato in 4 parti dello stesso peso e dategli la forma di una sfera pirlandole sulla spianatoia. Stendetele, una alla volta, con il matterello fino a ottenere un ovale sottile. Disponete i 4 ovali ottenuti su altrettante teglie grandi foderate con carta forno. Fate rotolare i due bordi lunghi dell’ovale verso il centro in modo da ottenere la classica forma a barchetta, arrotolando le due estremità e pizzicandole per sigillare bene. Coprite con pellicola per alimenti e lasciate lievitare per circa 40-50 minuti: dovranno essere cresciute in volume.
  • Spennellate successivamente il bordo con l’uovo sbattuto e cospargete con i semi di sesamo e di nigella. Aggiungete il ripieno a cucchiaiate avendo cura di lasciare un incavo centrale in cui, verso fine cottura, unirete i tuorli. Aggiungete metà della feta sbriciolata e cuocete nel forno preriscaldato a 200° per circa 35 minuti. I Khachapuri dovranno apparire gonfi e dorati. Sfornate, unite un tuorlo al centro di ciascun pezzo, e proseguite la cottura per altri 3-6 minuti sempre alla stessa temperatura, in base al grado di cottura dell’uovo desiderato.
  • Sfornate, completate con la feta sbriciolata rimasta e il finocchietto fresco servite subito.
Hai provato questa ricetta?Scatta una foto e condividila taggando @fiordifrolla in modo che io la possa vedere. La ricondividerò nelle mie stories!

Note

Per la ricetta mi sono ispirata a quella di Cristina's Kitchen

Nutrition

Calorie: 736kcal | Carboidrati: 120g | Proteine: 27g | Grassi: 16g | Grassi saturi: 7g | Grassi polinsaturi: 2g | Grasso monoinsaturo: 5g | Grassi trans: 0.01g | Colesterolo: 269mg | Sodio: 579mg | Potassio: 775mg | Fibre: 8g | Zucchero: 8g | Vitamina A: 3073IU | Vitamina C: 66mg | Calcio: 269mg | Ferro: 8mg

[Post in collaborazione con Grandi Molini Italiani]



Potrebbero interessarti anche...


5 from 1 vote (1 rating without comment)

Lascia un commento