Lindt: vivi un giorno da… e una sorpresa

… da maître chocolatier e da maître décorateur. Ovvero, come prendere una persona particolarmente golosa (la sottoscritta), insieme ad un gruppo di altre blogger, e trasportarla nel magico regno del cioccolato. Quando mi è stato proposto di partecipare a questo evento non ho potuto non accettare, non solo per motivi che tutti potrete ben immaginare (gola principalmente), ma anche perché mi era stata prospettata la possibilità di trascorrere un’intera giornata presso lo stabilimento Lindt & Sprüngli Italia di Induno Olona (Va), conoscere tutto l’immenso lavoro che sta dietro all’ideazione e alla realizzazione di tutti i prodotti a marchio Lindt e la filosofia del gruppo, toccando con mano l’atmosfera che si respira in questa azienda e parlando con chi ogni giorno mette tutto il suo impegno per veder realizzato quello in cui crede. Impegno che può essere riassunto con queste tre parole chiave: divertimento, creatività e condivisione.

Il programma era piuttosto allettante, una due giorni di full immersion nel cioccolato. Il primo trascorso interamente in azienda, il secondo in una grande sala dell’albergo “La Madonnina” di Cantello (Va) dove abbiamo alloggiato, nel quale Angelo Garini ci ha mostrato alcune idee per decorare la tavola di Natale e Pasqua.

Nella prima fase ho imparato molte cose che non conoscevo, soprattutto circa i processi di coltivazione, raccolta e lavorazione del cacao e di tutte le altre materie prime, come latte, zucchero, nocciole per citarne alcune. Ad esempio, per quanto concerne il cacao, ho appreso che le tre varietà principali sono: il criollo (più antico e raro), il forastero (quello maggiormente utilizzato, dal sapore forte e molto amaro) e il trinitario (che ha qualità intermedie tra le altre due tipologie). Ed ho potuto toccare con mano il frutto dell’albero di cacao (quello in foto vuoto ed essiccato), che cresce lungo il tronco e i rami principali della pianta stessa:

Frutto della pianta di cacao

Ciascun frutto (o cabosse) contiene circa 30-40 semi a forma di mandorla, che in seguito ad un processo di lavorazione (fermentazione, essiccazione, stoccaggio) diventano più o meno così:

Fave di cacao

Dalla lavorazione del cacao si possono ottenere: il liquore di cacao (che si ottiene dalla tostatura delle fave sbucciate e macinate, fino ad ottenere una massa densa, scura e profumata che contiene molto burro di cacao), la granetta di cacao (ottenuta sempre dalla tostatura delle fave sbucciate, che vengono poi granettate e setacciate per ottenere una granetta di dimensioni regolari)polvere di cacao (ricavata per spremitura dei semi, sbucciati e tostati, con delle apposite macchine chiamate “presse”) e il burro di cacao (ottenuto nello stesso sistema della polvere) visibile nella foto qui sotto.

Burro di cacao

E’ seguito un breve cenno sulla degustazione del cioccolato e poi un factory tour, nel quale abbiamo potuto vedere con i nostri occhi come vengono realizzati, incartati e stoccati alcuni prodotti a marchio Lindt (con tanto di assaggio al termine di ciascuna linea di produzione).

Uno dei momenti che più ho gradito è stato quello in laboratorio, nel quale, sotto l’occhio vigile del maître chocolatier siamo state divise in gruppi e lì abbiamo temperato il cioccolato da noi prescelto per la creazione della nostra tavoletta, aromatizzata con i gusti che secondo noi si prestavano meglio a rendere l’idea del concetto che volevamo trasmettere. Io ero in gruppo con Sandra e Roberta e abbiamo creato una tavoletta chiamata “Breakfast in Tokio”, a base di cioccolato al latte, caramello, briciole di bitter biscuits e gocce essiccate di succo di ciliegia (da qui il riferimento a Tokio, per la famosissima fioritura dei ciliegi). Ciascuna tavoletta è stata assaggiata e votata da una commissione formata dal personale Lindt presente e, con nostra grande sorpresa, siamo anche arrivate seconde. Non vedo l’ora di mettere in pratica le tecniche apprese sul temperaggio del cioccolato, eseguito con un metodo molto più pratico e più facilmente riproducibile a casa di quello che conoscevo, che prevede di spatolare il cioccolato fuso su di un piano di marmo.

La sera stessa abbiamo cenato nella bellissima serra de “La Madonnina”, dove siamo state accolte da un’atmosfera molto intima con candele accese e un buffet iniziale di finger food freddi e caldi, seguiti da una cena al tavolo.

Il giorno seguente Angelo Garini ci ha mostrato come decorare la tavola natalizia, ecco qualche scatto che spero possa tornarvi utile per le prossime festività:

Centrotavola

Un albero centrotavola ottenuto utilizzando un cono di spugna (acquistabile presso i fiorai e i negozi specializzati), precedentemente immerso in acqua, e decorato inserendo un puntale nella cima dello stesso e un motivo a spirale realizzato con del nastro rosso, rose bianche, cioccolatini Lindor e verde per riempire gli spazi restanti (il tutto fissato con del fil di ferro che andrà poi infilato nella spugna).

Lanterna

Un’originale lanterna da appendere o utilizzare anche come porta candela, ottenuta incollando su un barattolo di vetro (tipo quelli da marmellata o miele) attraverso l’apposita pistola a cera alcuni cioccolatini e ponendo al suo interno una candela. Il manico è sempre realizzato con del fil di ferro.

Decorazioni natalizie

Un altro centrotavola realizzato fissando un disco di spugna su un candelabro di ottone, decorato con verde, rose bianche, bacche di iperico e rami rossi secchi. I cioccolatini sono stati attaccati al disco con un anello di fil di ferro modellato al momento. Completa il tutto una candela bianca.

Decorazioni natalizie

e qui invece qualche idea per la tavola di Pasqua:

Albero di Pasqua

Un albero di Pasqua realizzato utilizzando un parallelepipedo di spugna decorato con rami secchi bianchi (ai quali sono stati appesi gli ovetti di cioccolata Lindt), fiori freschi, verde e due Gold Bunnies.

Decorazioni pasquali

Decorazioni pasquali

Decorazioni pasquali



Potrebbero interessarti anche...


60 commenti su “Lindt: vivi un giorno da… e una sorpresa”

  1. Grazie Sara per questo bellisimo reportage, dev’essere stata davvero una bellissima esperienza, purtroppo ho dovuto rinunciare per impegni precedenti, mi sarebbe piaciuto rivedere te, Sandra, Alex e conoscere le altre bloggers, peccato :((
    Ancora complimenti per Elle ;)
    UN bacione buon inizio di settimana

    Rispondi
  2. Una bellissima esperienza poter osservare cosa c’è dietro il processo produttivo di un’azienda così prestigiosa: sono curiosa di leggere i tuoi esperimenti con il temperaggio ….
    Complimenti per Elle mia cara :D

    Rispondi
  3. Brava la mia tesora :))
    Grazie per averci riportato a quei giorni, davvero belli e gioiosi.
    Le tue foto sprizzano luce ed emozione, un bel reportage Sara
    hugs

    Rispondi
  4. Che bello!!!! Che bellissima esperienza!!! Sto cercando di immaginarmi l’intenso profumo di cioccolato nel laboratorio lindt e…. urca che buooooono!
    Congratulazioni anche per Elle!
    Brava
    buonissima giornata
    Paola

    Rispondi
  5. Grazie Sara per aver descritto cosí bene la due giorni “cioccolatosa”!!! e anche per le foto cosí piene di luce…
    e non posso che rallegrarmi per la Korea…per l’occhio “lungo” che ha avuto a “beccarti”…kiss

    Rispondi
  6. Bravissima Sara. Che belle queste foto mi è sembrato di vivere questa esperienza.. fino in Korea??? sei proprio gettonatissima?? grazie per aver condiviso con noi questa tua esperienza. buon inizio settimana.

    Rispondi
  7. sembra di stare nella Fabbrica di Cioccolato!!!Manca solo Willy Wonka ;P Che bella esperienza!!!

    Per Elle…Complimentissssssiiiiimiiii!!! Brava brava brava….anche se la cosa “non mi stupisce affatto” ;P Sei troppo brava :D

    Rispondi
  8. Che esperienza stupenda!!!!!!
    Non vedo l’ora di sentire i tuoi esperimenti con il cioccolato… e ci spiegherai come si fa il temperaggio semplice vero????? Volevo proprio fare dei cioccolatini, ma ancora non ho mai fatto un vero temperaggio!

    PS. Complimentissimi anche per la pubblicazione sulla rivista!!

    Rispondi
  9. quante cose in questo post Sara carissima!!adoro al cioccolata lindt e sarà stata una bellissima esperienza toccare con mano la realtà che c’è dietro ad una grande azienda e poi le composizioni sono davvero ispirate e mi ispirerò di sicuro:D!!bacioni imma

    Rispondi
  10. Sono certa che siano state veramente due splendide giornate……mi sarebbe piaciuto esserci…..mi consolo con le tue fantastiche foto descrittive……

    Rispondi
  11. Grazie per aver condiviso l’esperienza con noi anche attraverso le tue bellissime foto, deve essere stato fantastico essere lì e super complimenti per l’intervista, sei troppo forte!!!!! :o))
    Laura

    Rispondi
  12. Vedo che hai avuto a che fare con il cioccolato della mia dolce metà…
    Per me IL cioccolato da utilizzare in cucina è sempre stato questo, soprattutto da quando è arrivato lui. Per non creare un caso diplomatico non posso proprio utilizzarne un altro… ;)
    Complimenti per le foto e (di nuovo) per la rivista!
    Buona settimana cara Sara!

    Rispondi
  13. Ma che bella serie di inziative interessanti! Congratulazione per la pubblicazione dell’intervista, prima di tutto. Non conoscevo questa testata…
    E poi anche per la tua Lint-experience che mi fa piacere confermi un po’ quello che traspare da questa azienda.

    Rispondi
  14. @ Ady: infatti guarda mi è dispiaciuto un sacco che tu non sia potuta venire, ci saremmo divertite un sacco insieme! Spero avremo un’altra occasione per rivederci ;) Grazie mille, un abbraccio e buon inizio settimana a te :*

    @ Milen@: non vedo l’ora di avere un attimo di calma per potermi dedicare al temperaggio mettendo in pratica i consigli del maitre chocolatier, naturalmente se tutto dovesse andare bene mi piacere scrivere un post interamente dedicato all’esperimento :) Grazie Milena, un bacio.

    @ Genny: grazie stella, festeggerei volentieri con una delle tue coppette di oggi! ;)

    @ Sandra: grazie cara, lo sai quanto ci tengo al tuo parere! Sono felice che i miei scatti ti abbiano riportato per un attimo ai due giorni trascorsi insieme. Ed ora dobbiamo organizzare un altro incontro ;) Di Elle onestamente all’inizio pensavo fosse un fake, poi quando ho ricevuto la copia della rivista non ho visto l’ora di darti la lieta notizia! Un abbraccio.

    Rispondi
  15. @ Roberto: grazie Roberto, detto da te che sei un esperto nei reportages degli eventi mi fa un sacco piacere :)

    @ paola: il profumo di cioccolato si sentiva anche fuori dallo stabilimento in maniera molto intensa :) Grazie, buona giornata a te.

    @ alexandra: grazie a te Alex, mi sono divertita un sacco in questi due giorni insieme a voi :) Ti giuro che non so proprio come abbiano fatto ad arrivare a me quelli della redazione di Elle Korea!

    @ Virò: eheheh me lo immaginavo che fosse affettuosa, come sapendo quanto ami il cioccolato immaginavo anche l’invidia! ;)

    @ Claudia: mah gettonatissima non credo, però sono contenta mi abbiano proposto questa intervista così lontana :) Buona settimana a te.

    Rispondi
  16. @ Una zebra a pois: è un po’ l’impressione che abbiamo avuto noi, abbiamo proprio pensato allo stesso film! Peccato non ci fosse Jonny Depp ;) Grazie mille, sei molto gentile :)

    @ babs: sì e la tua stima mi rende veramente molto felice Barbara, non finirò mai di ringraziarti per tutto quello che hai fatto per me ;)
    Un bacio.

    @ lise.charmel: io non ci credevo quando mi hanno scritto, pensavo fosse un falso! :D

    @ Tery: sì mi piacerebbe proprio mostrarvi quello che ho imparato, prima però devo trovare un po’ di tempo da dedicare all’esperimento, certe cose vanno fatte con la giusta calma :)

    @ Imma: è stato proprio interessante visitare lo stabilimento, l’azienda ci ha aperto porte e cuore e devo dire che è stata un’esperienza molto istruttiva che mi ha permesso di capire cosa sta dietro a questi prodotti :) Le idee per la tavola delle feste secondo me sono molto carine, naturalmente è possibile modificarle a proprio piacimento e gusto, io credo che mi cimenterò presto con un cono tutto mio ;)

    Rispondi
  17. @ Stefy: sì davvero due splendide giornate te lo confermo e quello che mi ha colpito maggiormente è stato il clima intimo, positivo e conviviale che si respira dentro l’azienda :)

    @ Laura: grazie, l’intervista proprio non me l’aspettavo!

    @ Carolina: della tua dolce metà nel senso che lavora per la Lindt o perché lui è svizzero? Eheheh in ogni caso capisco le tue motivazioni Caro, meglio non far scoppiare un caso diplomatico ;) Grazie mille, un grosso bacio cara.

    @ parentesiculinaria: in pratica da quello che ho capito è Elle, ma rivolto ad un target più giovane e, soprattutto, coreano :) Sono contenta che il mio racconto corrisponda all’idea che ti eri fatta dell’azienda e dei suoi prodotti :)

    Rispondi
  18. decisamente sei riuscita a trasportarci nell’atmosfera meravigliosa che avete respirato. le foto sono strepitose e anche le decorazioni sono delle bellissime idee per natale, raffinate ed eleganti. grazie per averle condivise!

    Rispondi
  19. Come sai ho dovuto rinunciare a Lindt per lavoro, ma il tuo racconto mi ha ampiamente ripagata.
    Sono contenta che sia stata una bella esperienza.
    Quanto a Elle Korea… che dire?!? complimenti!!!
    (anche io faccio la finta sorpresa come Sandra! ihihih!! )
    :-)

    Rispondi
  20. che bel reportage!, ma comunque il compito era fin troppo facile, con un tema così……posso dire che mi è venuta una “botta” di invidia pura?
    il servizio su Elle Korea è un omaggio alla tua competenza e al tuo garbo. Baci

    Rispondi
  21. che bella esperienza,grazie delle foto che ci hai mostrato!I centrotavola sono davvero deliziosi,penso che ne farò uno simile per casa mia…e complimenti per l’intervista su elle : sei diventata famosa..!!!!!Bacioni

    Rispondi
  22. replico i complimenti già fatto che ti meriti tutti :-)
    Ad un corso al cioccolato di tempo fa ci hanno insegnato proprio a spatolare il cioccolato fuso su di un piano di marmo, più veloce ed efficacissimo!
    bacioni
    sonia

    Rispondi
  23. Oddio, questa dev’essere stata una giornata da sogno…no nso quanto avrei pagato per aver potuto esserci anche io! Adoro i lcioccolato…fatto sta che nemmeno un mese fa ho fatto un bellissimo corso nella scuola perugina! E’ stato piacevole leggere il tuo post, hai fatto riaffiorare in me quel bellissimo ricordo… :-) Ps: colgo l’occasione per invitarti a partecipare al mio contest natalizio…vieni a vedere di che si tratta! Ne sarei onorata se tu potessi e volessi partecipare!

    Rispondi
  24. Caspita Sara … complimenti davvero!!!
    Che meraviglia la tua giornata alla LINDT … che invidiaaaa :-D
    E soprattutto che soddisfazione veder pubblicata una tua intervista su ELLE …in Korea poi … spettacolo! Sei davvero GRANDE!!! Ne ero già convinta al primo “incontro” ma ogni giorno che passa confermi e superi qualsiasi mia opinione su di te!!!
    BACIONE buona settimana

    Rispondi
  25. Mio dio sono dele foto bellissime!
    Altro che trasportato…mi sono persa tra i profumi, i colori i sapori del cioccolato!
    Io adoro la lindt e il coniglietto lco ompero sempre a pasqua come regalino!^^
    Bravissima e complimenti per l’uscita sulla rivista, te lo meriti!
    :D

    Rispondi
  26. Bellissima l’esperienza che hai vissuto e della quale ci hai resi testimoni, ci hai regalato delle splendide immagini e hai colmato tante nostre lacune.
    Un abbraccio e buona settimana
    Sabrina&Luca

    Rispondi
  27. @ mirtilla: grazie :)

    @ germana: buona settimana a te cara Germana e grazie mille :)

    @ Cristina: sono felice che il mio resoconto ti sia piaciuto e spero che avrai trovato magari qualche spunto o idea per le tue decorazioni natalizie :)

    @ Juls: grazie Giulia :*

    @ Daniela Senzapanna: una bellissima esperienza, ci sei mancata molto Daniela. Hihihi tu lo sapevi da tantissimo tempo di questa cosa di Elle Corea e non hai mai dubitato che fosse un falso, a differenza mia! :D

    Rispondi
  28. @ Concetta Pollice: puoi dirlo, tranquilla! :D Grazie carissima, ti auguro una buona giornata.

    @ fiorellino: se ti dovesse servire qualche informazione in più scrivimi pure, magari riesco a recuperare qualche appunto :)

    @ Sonia: in questo caso non l’abbiamo temperato in quel sistema, ma in uno molto più pratico a mio avviso, che presto vorrei riprodurre e magari spiegare in un post ;)

    @ claudia: deve essere stato molto interessante anche il corso al quale hai partecipato tu :) Per il contest non posso prometterti nulla perché sono in un periodo piuttosto affollato ed ho veramente poco tempo :)

    Rispondi
  29. complimenti Sara ! hai detto bene “entrare nel magico mondo del cioccolato” deve essere una splendida esperienza !! una grande soddisfazione anche per la pubblicazione su Elle ;-)) Brava !!

    Rispondi
  30. @ Antonio Bulgheroni: grazie per essere passato di qua, per il suo intervento e la sua presenza all’evento, per la perfetta organizzazione dello stesso. Lei e l’intero staff Lindt ci avete aperto le porte della vostra azienda, accolte in un ambiente caloroso e stimolante. E’ stata un’esperienza molto intensa e formativa per quanto mi riguarda.

    @ Chia_Ge: grazie Chiara, tu sei stata una delle prime a seguirmi, mi auguro che un giorno potremo incontrarci davvero. Buona giornata, un abbraccio.

    @ Cranberry: bene, sono contenta di aver trasmesso un po’ dell’atmosfera che abbiamo respirato in queste due giornate :)

    @ Symposion: grazie Gio :)

    @ Glu.fri: no anzi, ti capisco, con il tempo grigio di questi ultimi giorni penso sia normale desiderare un po’ di colori!

    @ Sabrina & Luca: grazie a voi, un abbraccio.

    Rispondi
  31. Manco solo io a farti i complimenti, ma sono arrivata! Brava mi piace come hai impostato l’articolo, raccontando quello che abbiamo imparato,
    UN BACIONE

    Rispondi
  32. che iniziativa meravigliosa!!! io adoro il cioccolato lindt al latte…è quello che mi piace di più!!! grazie per aver condiviso con noi la tua esperienza!

    Rispondi
  33. Sara, abbiamo dato un’occhiata insieme ad un mondo goloso e piacevole da visitare ed altrettanto piacevole è stato oggi leggere il tuo post. Lo sguardo si è fermato sugli stessi particolari che hanno colpito la fantasia di tutte noi ed è bello vederli interpretati in modo simile ma personale. Il piacere è anche poter unire un nome ad un viso: rende il tutto molto più coinvolgente ! Un abbraccio e buona serata
    Dani

    Rispondi

Lascia un commento