Pasta con carciofi confit

Un buon piatto di pastasciutta non si rifiuta mai e mi mette di buonumore. Tra tutte le ricette di pasta con carciofi, posso affermare che fino ad ora non ne ho assaggiato una migliore di questa. Sono consapevole di sbilanciarmi non poco, perché alla base di questa ricetta c’è una preparazione molto semplice, ma alquanto sbalorditiva in fatto di gusto, aroma e intensità: i carciofi confit.

Di ricette con i carciofi sul mio blog non mancano di certo. Basti ricordare la torta salata con i carciofi, gli gnocchi di ricotta ai carciofi e prosciutto quando ancora postavo con l’alias Camomilla, a testimonianza che è una verdura che amo da tempi immemori.

Questa ricetta nello specifico l’ho scoperta sfogliando il libro Sale Grassi Acidi Calore di Samin Nostrat che ho iniziato a leggere da poco e di cui scriverò in maniera più dettagliata quando lo avrò finito. Tra le altre cose, da questo libro, è stata elaborata una docuserie per Netflix. All’assaggio, la prima impressione di questa pasta con i carciofi è fantastica e devo sottolineare che mi piace questo diverso punto di vista con cui si affronta il tema della cucina; aspetto che rende questo volume non ordinario e molto interessante.

pasta con carciofi confit-1

Il carciofo ben cucinato trovo che sia irresistibile, anche se alcuni desistono perché persano che la sua lavorazione sia troppo faticosa. Invece, preparare i carciofi confit è davvero semplice! Basta mondarli bene, eliminando più strati di foglie fino ad arrivare a quelle più tenere e chiare di colore, tagliarli a metà e porli in una teglia con un letto di erbe aromatiche (io ho usato della menta), aglio, sale, pepe e per finire coprirli per ¾ con olio di oliva. Dopo circa 40-50 minuti ditemi se aprendo il forno non ve ne innamorerete al primo colpo! Per me infatti è stato così.

Una volta cotti e portati sul piano della cucina, li ho osservati ed ho pensato che sarebbe stato già meraviglioso a quel punto servirli come contorno, ma voi che mi conoscete già da un po’, sapete che mi piace alzare un po’ il livello. Perciò, il passo successivo è stato quello di utilizzarli per portare in tavola una sublime pasta e carciofi. E così è nata questa pasta ai carciofi, che ho completato con briciole croccanti di taralli appena tostate in padella, scorza di limone grattugiata per aggiungere note fresche, scaglie di pecorino e menta. Semplice e nello stesso tempo speciale e oserei dire aromaterapica.

pasta con carciofi confit-2

I carciofi confit possono essere serviti a temperatura ambiente con salumi e formaggi, ridotti a crema con erbe e pecorino e poi spalmati su dei crostini, in insalata e via dicendo sulle note della vostra fantasia. Ora la domanda che mi aspetto è: ma con tutto l’olio che resta cosa ci faccio? Il libro consiglia di filtrarlo e di utilizzarlo per condire quello che più vi piace. Io ad esempio lo impiegherò per preparare una pasta aglio, olio e peperoncino speciale o per dare un gusto insolito a un pesto di pomodori secchi per dire.

pasta con carciofi confit-3

Pasta con carciofi confit

La pasta con carciofi confit è un primo piatto molto semplice da preparare, ma insolito, e dal sapore incredibile. Scopri come cucinarla
4 da 2 voti
Stampa Pin Lascia un commento
Preparazione: 20 minuti
Cottura: 1 ora
Porzioni: 4 persone
Chef: Sara Querzola

Ingredienti per 4 persone:

  • 360 g di mezzi rigatoni
  • 20 g di taralli all’olio di oliva
  • pecorino da fare a scaglie
  • scorza di limone qb
  • menta
  • sale
  • pepe

per i carciofi confit:

  • 4-5 carciofi
  • 3-4 spicchi d’aglio sbucciati
  • olio d’oliva di ottima qualità
  • menta fresca
  • sale
  • pepe

Come preparare: pasta con carciofi confit

  • Per prima cosa dedicatevi alla pulizia dei carciofi: eliminate tutte le foglie esterne fino ad arrivare a quelle più tenere e chiare. Tagliate la parte terminale più legnosa del gambo e le punte. Con un pelapatate eliminate la buccia del gambo e la base del carciofo. Tagliatelo a metà e rimuovete la barba con un cucchiaino.
  • Stendete i carciofi così preparati all’interno di una teglia sopra a un letto di foglioline di menta e spicchi d’aglio. Copriteli con olio d’oliva per ¾ della loro altezza, conditeli con il sale, il pepe e cuoceteli nel forno già caldo a 150° per circa 45-50 minuti o comunque fino a quando saranno teneri. Potete verificare il giusto punto di cottura con uno stecchino.
  • Nel frattempo tritate grossolanamente i taralli con un coltello in modo da ottenere delle grosse briciole e fatele tostare in una padella antiaderente senza grassi. Tenete da parte.
  • Prelevate i carciofi dall’olio (filtrate quest’ultimo e conservatelo per utilizzi futuri, vedi introduzione), tagliateli a piacere e utilizzateli per condire gli spaghetti lessati in acqua salata e scolati al dente. Aggiungete scorza di limone grattugiata a piacere, pepe, la menta e le scaglie di pecorino. Mescolate, trasferite nei piatti da portata e servite.
Hai provato questa ricetta?Scatta una foto e condividila taggando @fiordifrolla in modo che io la possa vedere. La ricondividerò nelle mie stories!


Potrebbero interessarti anche...


Lascia un commento