Torta all’arancia

Gennaio ci porta a fare i conti con una luna piena meravigliosa, detta luna del lupo, che sarà anche protagonista della prima eclissi del decennio. Si dice che questa luna ci inviti a fare i conti con le nostre emozioni più profonde, con l’inconscio e il nostro lato oscuro. C’è di bello che io sono pronta perché ho anni di esperienza e un buon dialogo con questo mio lato.

Sono una persona lunatica e, a volte, soffro di sbalzi d’umore. Per fortuna che con il passare degli anni si sta un filo affievolendo. Sono anche dannatamente sensibile. Quelli bravi direbbero che ho una spiccata empatia emotiva che mi fa commuovere e dannare allo stesso tempo: sento sulla mia pelle lo stato d’animo di chi ho vicino e se è bello va tutto bene. Diversamente niente affatto, anzi. Insomma un casino.

Sono anche incredibilmente sensibile alla bellezza, intesa come linguaggio universale con cui si esprimono gli artisti. Tanto per farvi un esempio su tutti: qualche anno fa sono entrata per la prima volta agli Uffizi, camminando per il salone centrale, immersa in tanta meraviglia, mi sono messa a piangere come una bambina e mi sono dovuta allontanare dal gruppo con cui ero, per non farmi vedere perché sembravo una pazza. Non so voi, ma io vedendo una che reagisce così, due domande me le farei eh.

Perché vi dico queste cose? Per due motivi fondamentalmente. Scriverne pubblicamente mi infonde un senso di liberazione e se riesco a farlo è perché è un lato di me che finalmente ho accettato. L’altro motivo è collegato ad una chat in privato su Instagram, con una di voi, con cui c’è stato uno scambio interessante che mi ha fatto riflettere su diversi aspetti. Uno di questi è cosa fare quando ci si sente giù di morale. Voi cosa fate in questi casi?

Per come sono fatta, ho bisogno di vedere qualcosa di bello: andare a una mostra, mettermi il rossetto rosso, ascoltare qualche album come “The dark side of the moon”, o infine creare qualcosa di bello, per me. Di solito creo una torta che richiede un po’ di tempo nella decorazione: la bellezza mi appaga e la sua contemplazione mi rilassa e mi rende felice. Non che mi senta Cedric Grolet, per carità, però funziono così.

torta all'arancia-2

Ecco come è nata questa torta all’arancia (la base è ispirata da questa ricetta di The Bojon Gourmet). È composta da una base profumata di arancia e rosmarino, preparata con una quota di farina di grano saraceno, che caratterizza il dolce con un sapore deciso e dall’aroma di nocciola e una crema di ricotta che è stato un tormentone del web: la camy cream, di cui iniziano le prime tracce in post del 2008. In questo caso ho optato per la camy cream con la ricotta, diversamente dall’originale che prevede il mascarpone, perché mi sembra che doni leggerezza ad una torta già profumata. Versione light che ho scoperto grazie ad uno scambio con una di voi, peraltro.

Per questa torta di arance quale decorazione migliore se non delle fettine di arance tarocco pelate al vivo? Le adoro perché virano naturalmente dall’arancio al rosso e creano un effetto scenico di tutto rispetto. L’aggiungere frutta fresca nei dolci è il ricercare la bellezza, un tocco di raffinata eleganza che la natura crea in modo perfetto. La frutta è una bellezza versatile dal punto di vista cromatico, delle geometrie e arricchisce qualsiasi piatto perché la puoi inserire come purea, succo, aroma.

Per questa torta con le arance ho scelto una decorazione minimale per mettere in risalto il dessert senza eccedere e sopraffarlo. Cercare una bellezza essenziale è la prima regola per ottenere un ottimo risultato.

torta all'arancia-1

Torta all’arancia

La torta all'arancia è un dolce preparato con ricotta e farina di grano saraceno decorata da camy cream e arance pelate al vivo
5 da 1 voto
Stampa Pin Lascia un commento
Preparazione: 30 minuti
Cottura: 1 ora
Porzioni: 8 persone
Chef: Sara Querzola

Ingredienti:

    per la torta all’arancia:

    • 110 g di farina di grano saraceno
    • 100 g di farina 00
    • 180 di zucchero di canna
    • la scorza di 1 arancia bio grattugiata
    • 340 g di ricotta di qualità
    • 110 g di burro fuso a temperatura ambiente
    • 3 uova
    • 2 cucchiaini di lievito per dolci
    • 1 pizzico di sale
    • 1 pizzico di rosmarino tritato finemente

    per la camy cream alla ricotta:

    • 200 g di ricotta fredda di frigo
    • 125 g di panna fresca fredda di frigo
    • 80 g di latte condensato freddo di frigo

    inoltre:

    • 2 arance tarocco

    Come preparare: torta all’arancia

    • In una ciotola montate le uova con lo zucchero, il sale, e la scorza di arancia grattugiata. Quando avrete ottenuto un composto omogeneo unite la ricotta, il rosmarino e poi il burro fuso, amalgamando bene dopo ogni aggiunta. Unite la farina di grano saraceno, quindi la farina 00 e il lievito setacciati. Mescolate per amalgamare e trasferite in uno stampo a cerniera imburrato e infarinato da 20 cm di diametro.
    • Livellate con un cucchiaio e cuocete nel forno già caldo a 170° ventilato per circa 1 ora. Verificate la cottura con uno stecchino che dovrà uscire asciutto e pulito. Sfornate e fate raffreddare completamente prima di rimuovere l’anello e trasferire il dolce su un piatto.
    • Pelate le arance al vivo: utilizzando un coltellino affilato rimuovete la parte superiore e quella inferiore. Rimuovete poi a poco a poco la scorza d’arancia tutt’intorno il modo da rimuovere anche l’albedo. A questo punto tagliate l’arancia a spicchi praticando dei tagli tra una membrana che separa ciascuno spicchio e l’altra.
    • Preparate la camy cream: in una ciotola lavorate a crema la ricotta insieme al latte condensato fino a ottenere un composto liscio. Aggiungete la panna montata a parte in più riprese, mescolando dal basso verso l’alto per non smontare.
    • Distribuite la camy cream sulla superficie della torta senza schiacciarla troppo e decorate con le fettine di arancia. Servite subito.
    Hai provato questa ricetta?Scatta una foto e condividila taggando @fiordifrolla in modo che io la possa vedere. La ricondividerò nelle mie stories!


    Potrebbero interessarti anche...

    Lascia un commento