Tortano ai pomodori secchi, mozzarella e timo

E così siamo giunti al mio trentunesimo compleanno. Come potrete immaginare, da oggi e per tutto il week end, a casa mia sarà un festeggiamento continuo, a partire da questa sera quando non so ancora bene cosa mi capiterà. Eh sì perché si tratta di una sorpresa, molto attesa peraltro, visto che è da circa una settimana che mi trovo a fare i conti con un indizio al giorno  e, davvero, non so proprio cosa aspettarmi (e sarete d’accordo con me che è poi questo il bello del gioco, specie se, come la sottoscritta, amate alla follia le sorprese ;).

Ovviamente non si poteva non festeggiare, seppur in maniera del tutto virtuale, anche qui con tutti voi che mi leggete e per quest’anno ho pensato di fare qualcosa di diverso. Conoscendomi so che vi sareste aspettati un dolce, di quelli altamente scenografici (anche ipercalorici) e un po’ barocchi, invece ho pensato, per una volta, a qualcosa di salato invitandovi per di più in un angolo del mio giardino.

Voi non lo vedete (ora cercate di immaginare, please), ma siamo sotto all’albero di fichi (sì proprio lui quello che ogni anno mi regala tanti frutti per la marmellata), per un party in piedi tra tavolini imbanditi di ogni genere e foggia di prelibatezze dolci e salate (ovviamente tutte cucinate da me eh – ironico ;) con musica soffusa e un piacevole chiacchiericcio di sottofondo. Tra tutto quello che ho cucinato ecco comparire lui, quest’invitante anello di pasta da pane dalla crosta croccante che racchiude all’interno un segreto: un cuore ricco e saporito di mozzarellapomodori secchi sott’olio e tanto timo. In una sola parola stiamo per assaggiare il tortano (rivisitato, non me ne vogliano i napoletani eh) di Leila Lindholm.

Si tratta di una ricetta che mi è piaciuta molto da subito, ancora prima di realizzarla ed assaggiarla quindi. Trovo che sia un’idea perfetta per i buffet, ma anche per una scampagnata con gli amici, e il bello è che veramente è possibile sbizzarrirsi con tutti i ripieni possibili immaginabili. Leila, nel suo libro“Pane, pizza e torte” edito da Il Castello, ne suggerisce addirittura nove versioni, ma sono certa che, liberando la fantasia, ognuno di voi sarà in grado di trovare la sua preferita. Io l’ho servito come antipasto in una grigliata rustica domenicale con i miei amici e, non so come sia potuto accadere, ma è sparito!

Tortano ai pomodori secchi, mozzarella e timo

Ingredienti:
175 g circa di farina di grano duro
300 g di farina 00
15 g di lievito fresco
300 ml circa di acqua tiepida
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
1 cucchiaio di miele
1 cucchiaio e 1/2 di sale fino

per il ripieno:
18-20 pomodori secchi sott’olio
250 g di mozzarella
3-4 steli di timo fresco

In un contenitore sbriciolate il lievito nell’acqua tiepida e mescolatelo insieme all’olio extravergine di oliva e al miele, fino a quando si sarà completamente sciolto. Nella ciotola della planetaria versate i due tipi di farina (quella di grano duro e la 00), unitevi l’acqua con il lievito ed impastate con il gancio ad uncino fino a quando otterrete una pasta liscia, elastica e non troppo appiccicosa (circa 10 minuti), se necessario reimpastate brevemente a mano. Se l’impasto dovesse risultare troppo asciutto aggiungete poca altra acqua, se viceversa fosse troppo bagnato, unite poca farina per volta fino al raggiungimento della consistenza desiderata.

Trasferite in una ciotola, coprite con della pellicola per alimenti e fate lievitare fino a quando sarà raddoppiato di volume (circa 40 minuti). Tagliate la mozzarella a dadini e fatela scolare su di uno scolapasta in modo da farle perdere buona parte del siero.

Trascorso questo tempo prelevate l’impasto e stendetelo su di una spianatoia infarinata in un rettangolo lungo e stretto dello spessore di circa 1 cm. Non utilizzate il mattarello, ma usate le mani per allungarlo. Tritate finemente i pomodori secchi e disponeteli sulla pasta (lasciate un paio di centimetri dai bordi), unite la mozzarella, distribuendola in maniera omogenea, e le foglioline di timo. Spennellate i bordi dell’impasto con dell’acqua e arrotolatelo su sé stesso in un lungo cilindro (io in questa fase ho solamente appoggiato un lembo sull’altro) che andrete poi a chiudere dandogli la forma di una corona.

Disponete il cerchio così ottenuto su di una teglia rivestita di carta da forno, cospargetelo di farina, quindi fatelo lievitare per circa 30 minuti coperto con un canovaccio. Nel frattempo preriscaldate il forno a 250°. Abbassate la temperatura a 200° e fate cuocere il tortano per circa 35-40 minuti. Fatelo raffreddare su di una griglia e servitelo tiepido o a temperatura ambiente.



Potrebbero interessarti anche...

53 commenti su “Tortano ai pomodori secchi, mozzarella e timo”

  1. E proprio non potevo non scriverti oggi! TANTI AUGURI DI BUON COMPLEANNO SARA!
    Il tortano è bellissimo e quest’anno c’hai proprio fregato senza dolce, almeno a me! Lo ammetto! Buoni festeggiamenti

    Rispondi
  2. e allora… BUON COMPLEANNO!! e grazie per aver condiviso questa ricetta.. se riesco la preparo già questo weekend.
    Ciao

    Rispondi
  3. tantissimi auguri e buona festa!!!!non vedo l’ora di preparare il tortano.l’altro giorno ho rifatto la pagnotta ricotta pomodorini…che piace sempre tantissimo!!!martina

    Rispondi
  4. Tanti auguri!!!
    Ottimo e sfizioso modo per iniziare i festeggiamenti! una ciambella lievitata con un ripieno dal sapore ricco ed acocmpagnata da un buon bicchiere di vino!
    Un tortano rivisitato in un modo che ci piace moltissimo!
    ora aspettiamo idi conoscere il programma dei festeggiamenti?!
    baci baci

    Rispondi
  5. Ti rinnovo i miei più sinceri e affettuosi auguri anche qua Sara. Che sia un weekend splendido e denso di sorprese e affetto.
    Senti, ma poi lo racconti anche a noi di cosa si trattava? No perché io sono curiosa come una scimmietta… ;)
    Buon compleanno!

    Rispondi
  6. Innanzitutto, augurissimiiiiiiiii!!!
    2. Questo tortano è di un invitante pazzesco!!!
    So già che con una cosa così finirei a mangiare e mangiare senza potermi fermare! Buonissimo!

    Un bacione!

    Rispondi
  7. Buon compleanno dolcissima Sara!!!
    E’ vero, io mi sarei aspettata qualcosa di dolce ma devo dire che apprezzo molto tutte le tue ricette, sempre stuzzicanti! Poi…i tuoi racconti…il giardino, l’albero di fichi…mi sembra di essere lì a godermi il profumo della natura e delle prelibatezze cucinate da te ;-)
    Appena puoi, raccontaci il tuo magico w-end pieno d’affetto e di felicità!
    Un abbraccio forte e ancora tanti auguri

    Rispondi
  8. Auguriiiiiiiiiiii!!!! Chissà che bella festa e quante sorprese! Il tortano io lo faccio con tantissimo basilico..è buonissimo. Ma la tua versione la devo provare assolutamente, anche perchè i pomodori secchi son troppo buoni!

    Rispondi
  9. tantissimi auguriiii ma sei una giovincellaa!! io ne ho 34!! suonati!! .. ahahaha..

    ok confesso!! avvo letto TOTANO ai pomodori. Vedo la foto e dico: ma non è un totano.. rileggo!
    :TOTANO AI POMODORI!! boh magari lei lo chiama cosi!! vado avanti e leggo: toRtano!! ma va va Debora.. lucidati le lenti degli occhiali!! ahahaha.. buonissimooo e golosissimo!! brava

    Rispondi
  10. Tanti auguri Saretta e grazie per averci offerto questo party eccezionale.
    Ah! dimenticavo. Mi raccomando non ci fare stare sulle spine, ci devi svelare la mega sorpresa che ti faranno.Sai la curiosità femminile………Ancora un grosso bacione e 31 tiratine di orecchie.

    Rispondi
  11. Auguri bellissima!! Tra le tue righe si legge che sei una persona speciale, ti auguro un buon compleanno di cuore, con tanto affetto! Un bacio <3

    P.S.: No, non ci conosciamo, ma io ti seguo silente ormai da tantissimo tempo e il tuo modo di scrivere e ovviamente le tue ricette, sempre originali e con abbinamenti insoliti, mi piacciono tantissimo!
    Ancora un dolce compleanno,
    Fede.

    Rispondi
  12. saretta, ma buon(issimo) compleanno! anch’io adoro le sorprese, quindi mi raccomando: fammi sapere poi eh :D ancora tanti auguri e divertiti! :-*

    Rispondi
  13. Tantissimi auguri, mi unisco ai festeggiamenti virtuali immaginando di assaporare una bella fetta di questo ottimo tortano e un bel bicchiere di bollicine ghiacciate!
    Poi ci racconti della festa a sorpresa, mi raccomando!

    Rispondi
  14. Tanta felicità, dolce Sara.
    E fino all’anno prossimo 365 giorni di festa!
    al suo ricevimento almeno 12 rose del suo compagno!

    Rispondi
  15. Ancora auguri carissima e goditi i lunghi festeggiamenti e le sorprese :D
    Un grande abbraccio affetttuosissimooooooooooooooooooooo :D

    P.S.: era questo il lievitato sallato di cui parlavi su fb?

    Rispondi
  16. Tanti tanti ma proprio tanti cari auguri cara Sara!!!!! sono appena tornato dalle ferie e trovo il tuo compleanno che bella sorpresa …..goditi tutte le tue sorpresetutti i tuoi meritatissimi festeggiamenti e assieme al tuo calice per il brindisi innalza il tuo cuore !!!!!Un abbraccio forte

    Rispondi
  17. Ho anch’io quel libro di Leila e il tortano mi incuriosiva davvero… ora che vedo la tua prova mi convince proprio, lo proverò! Ovviamente tantissimi auguri per il tuo compleanno! Un bacione :)

    Rispondi
  18. Grazie di cuore a tutti per gli auguri! Vi rispondo solo ora perché venerdì sera sono praticamente stata rapita dal mio ragazzo e portata a mia insaputa (ma con mia grande sorpresa, nonché gioia) in Alto Adige per trascorrere l’intero week end. Ho passato tre giorni magnifici ricchi di momenti intensi e da pelle d’oca!

    Buona serata a tutti e grazie ancora, un abbraccio affettuoso ad ognuno di voi!

    Sara

    Rispondi
  19. tanti auguri di buon compleanno e grazie per la ricetta! è davvero interessantissima, io adoro tutti i lievitati salati, ripieni e non…lo proverò al più presto!

    Rispondi
  20. Come ti ho detto più volte, a Firenze il tuo compleanno è talmente sentito che è festa: non si lavora e la sera si fanno i fuochi d’artificio (San Giovanni è una scusa). Come minimo dovresti ricambiare l’onore includendo due rappresentanti a caso della cittadinanza tra gli invitati al tuo déjeuner sur l’hèrbe, n’est-ce-pas?

    Rispondi
  21. @ Moscerino: grazie mille a te carissima! Spero ti piacerà come è stato apprezzato qui ;) Un bacio.

    @ Onde99: ahahah addirittura? :D Mi ero dimenticata che il 24 giugno a Firenze fosse festa, in ogni caso sono d’accordo con te, a quei due rappresentanti a caso della cittadinanza l’invito è d’obbligo ;)
    Un abbraccio tesoro.

    Rispondi

Lascia un commento